Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Uruguay: i vaccini riducono morti e ricoveri di oltre il 90% – Notizie

Ricoveri in terapia intensiva e decessi per COVID-19 è aumentato di oltre il 90% nella popolazione generale uruguaiana che ha assunto due dosi dei vaccini CoronaVac e Pfizer, secondo un rapporto del governo martedì (8).

Leggi anche: L’Uruguay vaccina gli adolescenti di età compresa tra 12 e 18 anni contro il COVID-19 ضد

Il Paese, che conta 3,5 milioni di abitanti, ha attuato con successo una campagna di vaccinazione che lo pone, insieme al Cile, all’avanguardia del Sudamerica, che è tra i primi al mondo per numero di morti per milione di abitanti.

Secondo i dati del Ministero della Salute Pubblica, quasi il 52% della popolazione aveva ricevuto una singola dose del vaccino contro il COVID-19 e il 29% era stato vaccinato con due dosi dell’agente immunizzante dal 1° giugno. I risultati del rapporto includono persone che sono state vaccinate con entrambe le dosi, più di 14 giorni dopo l’ultima applicazione.

In merito al vaccino CoronaVac, sviluppato dall’azienda farmaceutica cinese Sinovac Biotech, lo studio ha mostrato che “in tutti i sottogruppi analizzati, la percentuale di efficacia per la riduzione dell’incidenza degli incidenti ha superato il 61%; la diminuzione dei ricoveri in unità di terapia intensiva (UTI) è stata superiore a 92 %, La riduzione dei decessi per malattia supera il 95%.”

I sottogruppi CoronaVac corrispondono alla popolazione di età compresa tra 18 e 49 anni e tra 50 e 69 anni.

Riguardo al vaccino sviluppato da Pfizer/BioNTech, il documento aggiunge che “l’efficacia nella riduzione degli infortuni supera il 78%, nella riduzione dei ricoveri in terapia intensiva supera il 94% e nella prevenzione dei decessi supera il 94%”. Il dispositivo di immunizzazione Pflzer è progettato per persone di età superiore a 80 anni e operatori sanitari.

READ  Quali sono i dubbi sull'origine dell'epidemia nel laboratorio di Wuhan?