Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Vaccino Curevac: la prima sconfitta dell’RNA contro il virus Corona | ا Scienza

Il potere dei nuovi vaccini a base di RNA è diminuito negli ultimi giorni con i deludenti risultati di una nuova iniezione basata su questa tecnologia. La società tedesca Curevac ha riconosciuto che il suo vaccino è efficace solo al 47% e non soddisfa le aspettative stabilite. Il sistema immunitario è stato interessante perché non richiede congelatori e può essere alla portata di molti paesi in via di sviluppo dove la vaccinazione contro SARS-CoV-2 è appena iniziata. Ma per ragioni sconosciute, non funziona.

maggiori informazioni

Se qualcosa è stato dimostrato in questa pandemia, l’RNA messaggero avrebbe potuto combattere i virus. È una strategia che è stata trascurata nella sua infanzia dalle grandi aziende farmaceutiche. Si pensava che l’RNA fosse una molecola così effimera e fragile che non avrebbe funzionato come medicinale. La data ha cambiato questa visione a partire da dicembre 2020. Due vaccini mRNA, uno sviluppato dalla tedesca BioNTech in collaborazione con la società statunitense Pfizer e l’altro da Moderna in collaborazione con il settore pubblico statunitense, hanno mostrato un’efficacia superiore al 94% e quasi il 100% capacità di prevenire la morte dei feriti. Allora cosa è successo al vaccino corivac basato sulla stessa molecola?

C’è un fatto sorprendente sulla sperimentazione clinica Curevac. È stato condotto in 10 paesi in Europa e America Latina in un momento in cui erano già in circolazione 13 diversi tipi di virus. Delle poco più di 130 infezioni registrate in questo studio con 40.000 individui, solo uno è il ceppo classico di MERS-CoV. Le altre erano versioni più recenti, tra cui il delta, originario dell’India – una delle più contagiose e pericolose – oltre a varianti recentemente scoperte in Perù e Colombia. La sperimentazione clinica di Curevac non è ancora terminata e i risultati completi non sono stati pubblicati in nessuna rivista scientifica. Ma i dati preliminari mostrano che l’efficacia di questo vaccino è deludente e diminuisce con l’età e se il paziente viene infettato dai nuovi ceppi.

READ  La Camera dei Rappresentanti approva l'urgenza del progetto, che crea un timbro postale e apre la strada alla privatizzazione di Correios | Politica

“Speravamo in risultati più solidi e ora riteniamo molto difficile ottenere un’elevata efficacia con una tale diversità senza precedenti di varianti del virus”, ha affermato Franz Werner Haas, CEO dell’azienda, in un comunicato stampa.

Questi risultati fanno parte di un’analisi intermedia. La sperimentazione clinica è ancora in corso e i dettagli completi sull’efficacia non saranno noti fino al termine, forse tra una settimana o due. “È possibile che i dati di efficacia varino al termine dello studio e, ad esempio, vedremo che il vaccino funziona contro alcune varianti e non contro altre”, spiega Antonio Portoles, farmacista dell’Ospedale Clinico di Madrid che sta conducendo la parte della sperimentazione clinica a Curevac presso tale istituto. “È possibile che si possa raggiungere il 50% di efficacia, ma è improbabile che livelli di efficacia del 94% vengano raggiunti da altri due vaccini a RNA”, ammette.

Il laboratorio tedesco ha riferito di aver già sviluppato una seconda versione migliorata del suo vaccino, che dovrebbe essere in grado di sconfiggere nuove forme del virus Corona. Ma è possibile che il difetto sia nell’essenza della tecnologia utilizzata.

Un vaccino a RNA è un messaggio crittografato scritto nel linguaggio universale della vita. Il linguaggio dell’RNA è composto da quattro lettere: A, C, U, G. La sequenza di lettere genetiche trovate nei vaccini RNA informa la cellula: “Da qui devi seguire i miei comandi per tradurre questo messaggio”. Include quindi l’intera sequenza della proteina S, che il virus utilizza per entrare nelle cellule umane.

Iniettare RNA estraneo nei nostri corpi non è un compito facile: il sistema immunitario interviene immediatamente per distruggere qualsiasi cosa maligno. La grande innovazione che ha permesso lo sviluppo dei vaccini a RNA messaggero è stata proprio l’introduzione di una lettera sintetica in questa sequenza di RNA, la pseudouridina, rappresentata dalla lettera greca Ψ (psi). Nel 2010, dopo anni di rifiuto da parte sia del settore pubblico che di quello privato, la scienziata ungherese Katalin Kariko con sede negli USA ha dimostrato che questo semplice passaggio da una lettera all’altra permetteva l’iniezione di RNA messaggero dall’esterno senza innescare una reazione immunitaria. BioNTech, che l’ha assunta come direttrice, e Moderna usano entrambi questa tecnologia brevettata basata su RNA modificato che l’Università della Pennsylvania ha venduto a un prezzo d’occasione anni fa, perché “volevano soldi veloci”, ha detto Carrico a EL PARENTS.

READ  Cruzeiro perde ai rigori contro Juzeirense ed è eliminato dalla Copa del Rey - Radio Itatiaia

Uno dei maggiori critici del ruolo di Carriko come madre dei vaccini RNA è Hans-Georg Ramense, immunologo dell’Università di Tubigen (Germania) e cofondatore di Curevac. La sua azienda si basa su una scoperta del collega Ingmar Hoyer, la cui tesi di dottorato nel 2000 ha dimostrato che l’RNA non modificato potrebbe essere stabilizzato e utilizzato per produrre vaccini. Da allora, l’azienda ha cercato di sviluppare vaccini a RNA contro molte malattie. Nulla è ancora arrivato sul mercato, ma i dati preliminari sugli animali e sull’uomo per il vaccino contro il covid-19 sono stati buoni. A dicembre, Ramense ha detto a questo giornale che nessuno dei successi di Carrico è stato decisivo. Tuttavia, ha ammesso l’inevitabile: “Se non fosse stato per il nostro studio del 2000, né Moderna né BioNTech sarebbero state fondate, ma sarebbero state più veloci da sviluppare”.

“È probabile che l’RNA non modificato sia parte della spiegazione di tali risultati deludenti”, afferma la virologa spagnola Isabel Sola. L’RNA non modificato attiva la prima linea di difesa del sistema immunitario, la linea innata, che impedisce alle cellule di tradurre il messaggio di RNA contenuto nel vaccino. Qui potrebbe esserci una spiegazione per il fallimento.

Il ricercatore ritiene che ci sia una grande lezione da trarre da questi risultati. “Ad un certo punto abbiamo pensato che lo sviluppo di vaccini a RNA messaggero fosse davvero semplice e veloce, ma la verità è che richiede un’enorme quantità di lavoro, nel corso degli anni, e qualsiasi piccolo cambiamento nella sequenza del messaggio genetico nell’RNA può rendere la molecola instabile o molto aggressivo su una macchina immunità.”

READ  La Cina lancia la prima unità della sua futura stazione spaziale | Scienza e salute

L’immunologo África González, dell’Università di Vigo (Spagna), ritiene che l’RNA non modificato possa aver avuto un ruolo, ma sono coinvolti altri fattori. La dose di vaccino utilizzata da Curevac è di 12 mcg, molto inferiore rispetto alle formulazioni Pfizer (30 mcg) e Moderna (100). Sostiene che è possibile che Curevac non abbia voluto somministrare più dosi per evitare reazioni avverse, e quindi l’efficacia è molto bassa.

C’è un ultimo, piccolo ma forse essenziale dettaglio: il veicolo che i vaccini usano per trasferire l’RNA dall’ago alle cellule umane. Si tratta di lipociti di dimensioni microscopiche, la cui composizione è molto precisa: devono rimanere intatti fino a quando l’inoculo aderisce all’esterno delle cellule, per poi aprirsi per rilasciare all’interno l’RNA messaggero. Curevac utilizza diversi campi, che sono in grado di rimanere stabili a temperature più basse rispetto agli altri due vaccini. Ma è possibile che questa capacità abbia influito negativamente sulla loro capacità di trasportare il loro carico utile protettivo. Come dicono gli anglosassoni, il diavolo è nei dettagli.

Supporta la produzione di notizie come questa. Abbonati a EL PAÍS per 30 giorni per 1 USD

clicca qui