Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Vaiolo delle scimmie: cosa si sa sulle malattie rare identificate negli Stati Uniti | scienza e salute

Funzionari sanitari statunitensi hanno confermato, venerdì (16), l’infezione di un passeggero che ha viaggiato dalla Nigeria al Texas “varicella”È una malattia tropicale rara e grave che può essere fatale.

Questo è il primo caso della malattia diagnosticato negli Stati Uniti in quasi due decenni.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), un’agenzia di ricerca sulla salute pubblica affiliata al National Department of Health e al Texas Department of Health, il paziente, residente negli Stati Uniti, non è stato identificato. , in un ospedale di Dallas, è in isolamento e in condizioni stabili.

“Il CDC sta lavorando con la compagnia aerea e con le autorità sanitarie statali e locali per contattare i passeggeri e altri che potrebbero essere entrati in contatto con il paziente”, ha affermato l’agenzia in una nota.

Il paziente ha viaggiato in due viaggi. Da Lagos (Nigeria) ad Atlanta, Georgia, partenza l’8 luglio e arrivo il 9 luglio, e da Atlanta a Dallas il 9 luglio.

“I viaggiatori dovevano indossare maschere su questi voli, così come negli aeroporti degli Stati Uniti, a causa dell’epidemia di Covid-19. Pertanto, si ritiene che il rischio di trasmissione del vaiolo delle scimmie attraverso le goccioline respiratorie su aerei e aeroporti sia basso”. Lo ha affermato il Centro per il controllo delle malattie.

L’agenzia ha affermato che stava valutando i potenziali rischi per le persone che hanno avuto stretti contatti con il viaggiatore sugli aerei e altrove. Queste persone vengono intervistate dalle autorità sanitarie.

“Abbiamo fiducia nei professionisti medici federali, statali e locali che lavorano per garantire che questo virus sia contenuto”, ha scritto su Twitter il sindaco di Dallas Eric Johnson.

Il passeggero ferito si trovava negli aeroporti di Atlanta (sopra) e Dallas; A causa delle misure precauzionali adottate dal Covid-19, si ritiene che il rischio di infettare gli altri sia basso – Immagine: Reuters via BBC

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, “il vaiolo della scimmia appartiene alla stessa famiglia di virus del vaiolo, ma causa un’infezione più lieve”.

La malattia è stata scoperta nel 1958, quando si sono verificati due focolai nelle colonie di scimmie utilizzate nella ricerca. Furono questi focolai iniziali a dare il nome alla malattia.

“Gli esperti devono ancora determinare dove si nasconde il vaiolo delle scimmie in natura, ma si pensa che i piccoli roditori mammiferi in Africa abbiano un ruolo nella diffusione del virus agli esseri umani e ad altri animali della foresta come le scimmie”, afferma il CDC.

Il primo caso nell’uomo è stato identificato più di un decennio dopo, nel 1970, nella Repubblica Democratica del Congo.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) affermano che a quel tempo c’era un grande sforzo per eradicare il vaiolo (l’ultimo caso naturale si è verificato nel 1977, che è stato ufficialmente considerato debellato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1980).

Da quando il primo paziente è stato identificato nel 1970, sono stati segnalati casi di infezione umana in altri nove paesi dell’Africa centrale e occidentale.

Dal 2017, più di 400 casi della malattia sono stati diagnosticati nelle persone in Nigeria.

Nel 2003, un’epidemia ha contagiato 47 persone negli Stati Uniti, nessuna delle quali è morta. Secondo il CDC, questa è stata la prima volta che il vaiolo delle scimmie è stato confermato negli esseri umani al di fuori dell’Africa.

All’epoca, il virus era portato da roditori importati dall’Africa, che trasmettevano la malattia ai cani della prateria (un tipo di roditore originario del Nord America) usati come animali domestici.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ci sono stati solo altri cinque casi umani al di fuori dell’Africa. Nel 2018, tre persone sono state infettate nel Regno Unito e una in Israele. Nel 2019 c’è stato un caso a Singapore.

Quest’anno, oltre al caso identificato in Texas, sono stati registrati altri tre casi nel Regno Unito. Il CDC rileva che questi casi non sono correlati al paziente in Texas.

I primi sintomi possono essere simil-influenzali ed essere accompagnati da linfonodi ingrossati. Dopo questi primi segni, i pazienti sviluppano un’eruzione cutanea sul viso e sul corpo. Nella maggior parte dei casi, l’infezione dura da due a quattro settimane.

“In questo caso specifico (dal Texas), i test di laboratorio presso i Centers for Disease Control and Prevention hanno mostrato che il paziente aveva un ceppo più comune in alcune parti dell’Africa occidentale, inclusa la Nigeria”, afferma il CDC.

“L’infezione con questo ceppo di vaiolo delle scimmie è fatale per circa una persona su 100. Ma i tassi possono essere più alti nelle persone con un sistema immunitario indebolito”, ha detto l’agenzia.

Chiunque può contrarre il vaiolo delle scimmie venendo morso o graffiato da un animale infetto, mangiando carne di animali selvatici o entrando in contatto con un animale infetto o con prodotti animali.

Tra gli esseri umani, gli scienziati ritengono che il principale metodo di trasmissione sia attraverso le goccioline respiratorie. Poiché queste goccioline non sono in grado di circolare per più di pochi metri, gli esperti ritengono che l’infezione in questi casi si verifichi quando c’è un contatto stretto e prolungato con persone infette.

Guarda il video qui sotto: Nel 2020, il mondo celebra 40 anni di eradicazione del vaiolo

40 anni fa, l'umanità ha vinto il vaiolo

40 anni fa, l’umanità ha vinto il vaiolo

L’infezione può essere trasmessa anche attraverso il contatto con fluidi corporei e ferite, o attraverso oggetti contaminati.

Il CDC afferma che non esiste un trattamento sicuro e provato per questa malattia. Ma l’agenzia rileva che il vaccino contro il vaiolo è già stato utilizzato per controllare precedenti focolai, come quello negli Stati Uniti nel 2003.