Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

200 anni dopo la battaglia di Carabobo, il Venezuela lo suggerisce

Il 24 giugno, il Venezuela ha celebrato il 200° anniversario della Battaglia di Carabobo, uno scontro decisivo per assicurare l’indipendenza del paese e per intraprendere la liberazione del continente dalle mani della corona spagnola. Dopo la fondazione della Gran Colombia, che era una federazione tra Colombia, Ecuador e Venezuela, Simón Bolívar promulgò ciò che oggi conosciamo come Perù e Bolivia.

Pertanto, nell’anniversario del bicentenario, il governo venezuelano ha tenuto una conferenza dei popoli del mondo, che cerca di discutere le sfide dell’integrazione in uno scenario di crisi globale. L’attività, che si è svolta a Caracas, ha riunito circa 340 persone di persona e altre 3.200 online, tra leader politici, ex presidenti e rappresentanti dei movimenti sociali dei cinque continenti del mondo.

:: Leggi il comunicato diffuso dalla Conferenza dei Popoli del Bicentenario ::

“Un anno simbolico per venezuelani e venezuelani, definito fin dall’inizio dal leader Hugo Chavez. Il Vice Segretario di Stato per l’America Latina, Rander Peña, ha dichiarato che quest’anno rappresenta una riaffermazione del nostro impegno per le giuste cause di Bolivar e Chavez.

Abbiamo bisogno di una nazione libera e che il mondo sia libero. Oggi noi, figli di Bolivar e Chavez, figli della storia, siamo riuniti per continuare quest’opera eroica e liberatrice”, afferma il leader dei Socialisti Operai Bolivariani Centrali, Johnny Magdaleno.

Oltre a celebrare la storia storica, un altro obiettivo del Congresso è chiarire diversi settori di lotta in tutto il mondo e proporre una nuova piattaforma.

Cosa sta succedendo in Venezuela? Guarda la copertura completa

La grande capitale mondiale vuole creare ancora una volta un’internazionale conservatrice e impedire ai popoli di unirsi. Al contrario, questa conferenza è molto importante perché è la costruzione di un’internazionale dei popoli. All’interno delle loro differenze, si stanno unendo in joint venture contro un nemico comune, che sono gli squali capitalisti”, afferma Giraldina Collotti, editore italiano di Le Monde Diplomatic.

READ  C'è un nuovo braccio commerciale con gli Stati Uniti. Le scarpe italiane e spagnole possono risentirne, ma le portoghesi sono al sicuro

Per l’ex presidente Hugo Chávez, gli anni tra il 2011 e il 2021 saranno il decennio d’oro del Venezuela, che segnerà il periodo compreso tra il bicentenario dell’indipendenza del Paese e la Battaglia di Carabobo, che rappresenta la liberazione dei popoli dell’America Latina. L’aspettativa, all’epoca, era che la marcia della Rivoluzione Bolivariana sarebbe stata al suo apice, accompagnata da altri governi progressisti nella regione.


L’ex presidente della Bolivia Evo Morales ha sottolineato che l’alleanza tra i popoli deve essere antimperialista / Michel de Mello / Brasil de Vato

Tuttavia, dopo il primo decennio del XXI secolo, considerato il “decennio della vittoria” dell’ascesa dei governanti di sinistra, il Venezuela fu circondato da governi conservatori che fondarono il cosiddetto Grupo de Lima.

“La guerra contro il comunismo è fallita. I movimenti sociali hanno continuato a crescere in tutto il mondo. Quindi l’impero ha inventato un altro pretesto: il terrorismo. L’ex presidente boliviano Evo Morales ha dichiarato che i movimenti sociali e sindacali sono ora accusati di essere terroristi.

Leggi anche: Comprendere i fattori che hanno portato Guaido a proporre un accordo nazionale in Venezuela

Per la giornalista Giraldina Colotti, il Venezuela è diventato il principale laboratorio di tattiche di guerra ibride, che includono blocchi economici, guerra dell’informazione e misure coercitive unilaterali.

“È una controrivoluzione preventiva per costruire un nuovo consenso per una società disciplinata necessaria per un’economia di guerra. Questo è il motore per ricostruire una nuova fase di accumulazione del capitale”, afferma il giornalista ed ex combattente italiano.

:: Un libro che spiega la “guerra ibrida” in America Latina e l’intervento americano nella regione:

READ  La mafia italiana perde gli aiuti svizzeri a favore della Covid


L’Assemblea del popolo per il bicentenario degli attivisti del movimento popolare dei cinque continenti ha chiesto la creazione di un’organizzazione popolare internazionale / Michel de Mello / Brasil de Vato

Negli ultimi sei anni sono state applicate 150 sanzioni contro i venezuelani, con una perdita di circa 130 miliardi di dollari nelle finanze pubbliche del Paese.

“Se possiamo giungere a una conclusione in questo momento, è che il capitalismo ha fallito come sistema di umanità e siamo responsabili della definizione di un’agenda d’azione che ci consentirà di promuovere azioni concrete a beneficio dell’umanità”, sottolinea il viceministro venezuelano.

Leggi di più: Scopri la routine di chi lavora in prima linea contro il covid-19 in Venezuela

Il Venezuela ha un contributo importante, e questo evento lo dimostra: l’unione dei popoli. La polarizzazione oggi non è necessariamente tra il progetto di sinistra e quello di destra, ma tra un progetto di vita e un progetto di morte. Qui in Venezuela sono morte a causa del coronavirus 2.500 persone, lo stesso numero di decessi giornalieri che in Brasile. Abbiamo impostato una visione opposta del sistema capitalista neoliberista, con un governo che si preoccupa delle misure sanitarie, create per le persone di fatto”, conclude Rodrigo Souza e Silva, brasiliano, membro del Coordinamento nazionale per il movimento dei lavoratori senza dimora (MTST) .

Edizione: Vinicius Segala