Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Chi è il gangster italiano noto come “il re della cocaina di Milano” arrestato in Brasile – 25/05/2021 – il mondo

Il secondo latitante italiano più ricercato, il gangster Rocco Morabito, è stato arrestato lunedì notte (24), a Joao Pessoa (PB), dalla Polizia Federale. È in fuga dal 2019, quando è scappato da una prigione in Uruguay.

In Italia, Morabito è stato condannato a 30 anni di carcere per associazione a delinquere, traffico di droga e altri reati gravi. L’italiano era ricercato per il suo coinvolgimento con la ‘Ndrangheta, la potente mafia calabrese, considerata una delle organizzazioni criminali più grandi e potenti del mondo.

Morabito è stato uno dei principali riferimenti per le bande di narcotrafficanti in Sud America e gli investigatori hanno tracciato le sue strade in tutto il continente alla ricerca di dove si trovasse. È considerato uno dei principali esponenti del clan Morabito-Bruzzaniti-Palamara.

Nato nel 1966 ad Africo, in Calabria, da giovane ha lasciato la sua terra natale per diffondere la tratta a Milano e trasportare droga dal Sud America al nord Italia. Negli anni ’90 Morabito divenne noto come il “Re della cocaina di Milano”.

Il gangster è stato anche soprannominato “U Tamunga” per aver guidato sulle strade della Calabria un Dkw Munga, veicolo militare tedesco considerato praticamente indistruttibile. In Brasile, l’auto è conosciuta come “Candango”.

Una vita di lusso con una falsa identità uruguaiana

Secondo il quotidiano La Repubblica, nel 2002 Morabito, ricercato dalla polizia italiana dal 1995, si è trasferito in Uruguay, dove ha continuato a guidare il traffico di droga a Ndraghetta.

Nel paese sudamericano, l’italiano viveva in una lussuosa villa a Punta del Este, con una falsa identità. Con un passaporto brasiliano a nome di Francesco Antonio Cabellito Souza, si è presentato come un grande imprenditore nel commercio della soia.

READ  "Dovrei essere dove sono i miei clienti", - ECO

È stato in fuga per 23 anni, fino a quando è stato arrestato in un hotel di lusso a Montevideo nel 2017. A quel tempo, le autorità uruguaiane hanno confiscato una pistola Glock da 9 mm, 13 cellulari, 12 carte di credito e 150 foto che mostravano Morabito vestito a casa varie forme, in misura diversa, colori diversi, due auto e più di 50mila dollari in contanti.

Fuga cinematografica

Dopo due anni di prigione in Uruguay nel 2019, quando stava per essere estradato in Italia, Morabito e altri tre criminali internazionali sono fuggiti attraverso il tetto della prigione e hanno raggiunto la finestra di un pensionato.

Sulla scena dell’incidente, i fuggitivi si sono incontrati faccia a faccia con Elida Ettwart. Morabito ha detto alla donna di essere fuggito “per visitare la figlia ammalata”. Poi i quattro se ne andarono e presero i soldi che la vecchia aveva nel portafoglio. Gli altri tre fuggitivi furono nuovamente arrestati, ma Morabito riuscì a scappare e continuò a gestire l’attività di contrabbando in Sud America.

Il tribunale uruguaiano ha indagato su 15 agenti di polizia che lavoravano nella prigione il giorno della fuga. Un anno dopo, la polizia argentina ha arrestato Ferdinando Sarago, un membro della Ndrangheta, che ha speso 50.000 euro per corrompere i clienti, ha riferito il quotidiano italiano Corriere della Sera.

Morabito è stato arrestato a Paraíba dalla polizia federale in collaborazione con l’agenzia di intelligence brasiliana (Aben) e la polizia italiana. Il Dipartimento per la Cooperazione Internazionale di Polizia ha anche partecipato alle indagini con l’Ufficio Centrale dell’Organizzazione Internazionale di Polizia Criminale (INTERPOL) in Brasile.

Il gangster è stato arrestato in un albergo, insieme ad un altro esponente della ndrangheta, Vincenzo Pascino, anche lui nella lista dei criminali più ricercati.

READ  Aiuto d'urgenza 2021: Caixa paga la prima rata per i bambini nati a novembre che beneficiano della Bolsa Família con gli ultimi 8 shekel | primo soccorso