Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Chi sono i tre brasiliani che potrebbero diventare campioni e perché hanno deciso di difendere l’Italia

Jorkinho, Emerson Palmeri e Rafael Dolly stanno seriamente cantando l’inno. Italia Prima dei giochi Eurocup, Come ogni altro essere umano, possiamo fidarci che tutti e tre siano nati in un paese europeo. Tuttavia, tutti e tre sono brasiliani.

Questa domenica (11), possono aiutare Azzurro Vincere la competizione per la seconda volta nella storia e colmare il divario di 53 anni. Avversario in finale Inghilterra, 16:00 (ora di Brasilia), a Wembley.

Sulla strada verso la fine, ci sono storie come il motivo per cui il trio indossa il blu, non il verde e il giallo. Scopri di seguito il percorso dei brasiliani:

Contenuti forniti da Betano.TV

Raphael Doloi

Dolly è apparsa nelle ultime stagioni Atlanta, Chi ha lottato per le prime posizioni Campionato Italiano, Oltre ad arrivare ai quarti di finale Champions League 16 round l’anno scorso e il 2021.

In recenti interviste, la guardia ha affermato di essere in attesa di una chiamata – mai avvenuta – da Tide in Brasile. Al titolo sudamericano e ai Mondiali 2009, ha perso in finale contro il Ghana.

Senza la chiamata di Tito, Dolly è diventata italiana, invitata per la prima volta dall’allenatore Roberto Mancini nel marzo 2021. All’Europeo attuale ha giocato quattro partite (di cui una da titolare).

Ha rivelato che nessun Brasile, no Gois, Dolly è stata promossa nella squadra professionistica all’età di 18 anni ed è andata esaurita Sa Palo, Nel 2012.

In quasi tre anni al Morambi, Dolly ha vinto la Copa Sudamericana 2012 e un ESPN Sporting Pet Silver Ball Award Nel 2014 (rivolto al meglio brasiliano).

READ  Burno Alves 'Birmania Serie B italiana - Inviata in Italia

Rafael Dolly ha giocato oltre 130 partite e ha segnato sei gol per il San Paolo. Tuttavia, il difensore ha sofferto di diversi alti e bassi della squadra. Nonostante sia grato al club, il difensore ha detto nel 2015 ESPN Chi si rammarica di certe circostanze.

“Penso che la colpa su di me sia normale, ma è bello che le cose succedano all’interno del club. C’è stato un momento in cui ho giocato bene, non ho fatto altro che fare il dovere e vincere quando la squadra non c’era, era sempre un errore di sicurezza, è sempre stato mio”, ha detto il difensore.

Dopo aver trascorso cinque mesi in prestito Roma, Il difensore è stato acquistato dall’Atlanta nella stagione 2015/16.

Giocare

1:38

L’Italia raggiunge la finale di Euro Cup dopo aver battuto la Spagna ai rigori questo martedì Instagram: @bonuccileo19

Palmira

Emerson Palmeri ha iniziato a difendere la nazionale italiana nel 2017. Occasione nelle giovanili brasiliane, approdando ai Mondiali Under 17. Tuttavia, non è stato incluso nella prima squadra.

“Vai dove vuoi. In Italia ho giocato nella Roma per due o tre anni, ero al massimo. Ho aspettato sette mesi per rispondere, non abbiamo parlato di sette giorni, ma di mesi, sono tanti. Loro conoscevo l’interesse della squadra italiana, lo rispetto. , Ma credo di aver fatto la scelta giusta “, ha detto ESPN, Nel 2019.

Nato a Santos, il giocatore è fratello del terzino sinistro Giovanni Palmeri (ex-Nave) E ha iniziato a Futsal nel suo club cittadino Portuvarios. Dopo aver attraversato Krametal, Vila è arrivata a Belmiro all’età di 11 anni ed è emigrata nelle praterie tre anni dopo.

READ  Fine dei mercati azionari; Investing.com Italy 40 Indice in calo dello 0,20%

Fan del compianto Marcelo (Real Madrid) Alex Sandro (Juventus), Il ragazzo ha vinto diversi titoli sul sito del Santos, tra cui la Coppa di San Paolo del 2013.

Nonostante la promessa, Emerson ha sofferto di una mancanza di posto nella squadra professionistica. “C’era Leo, poi sono arrivati ​​Mena, Gilherm Santos e molti altri. La competizione era enorme. Non sono stato molto fortunato a fare cose del genere quando ero giovane, ma ho sempre fatto quello che potevo”, ha detto il 33enne- vecchio giocatore al Santos.

L’idea di andare in Europa è nata dopo una delusione. “Giocavo molto con Oswaldo de Oliveira, ma ho avuto un infortunio e sono stato fuori due mesi. Mi sono pentito di essere tornato come pareggio quando sono tornato. Il Palermo era interessato al prestito, e ho accettato la cittadinanza perché ho gemelli”, ha detto.

In seguito, il giocatore ha trascorso tre stagioni alla Roma prima di raggiungere la vetta ChelseaNel 2017 ha vinto importanti titoli: Europa League, Coppa d’Inghilterra e Champions League.

Giocare

2:38

Jalminha, esperto nel ruolo, ha parlato anche dello stile del centrocampista difensivo del Chelsea.

Jorkinho

È uno dei soli tre giocatori che non hanno mai giocato da professionista in Brasile per costruire tutta la sua carriera in Italia. Anche se ha brillato per molte stagioni con le camicie Napoli, Il centrocampista non è mai stato convocato dalla squadra brasiliana.

“La squadra brasiliana ha sempre visto questa cosa come una cosa molto lontana perché non ho mai giocato da professionista in Brasile e sono arrivato qui all’età di 15 anni. Quindi, visto che l’Italia mi ha aperto le sue porte, non potevo chiuderla. Questo problema era troppo serio per essere risolto molto rapidamente “, ha detto Jorkinho ESPN, Nel 2018.

READ  Qualificazioni ai Mondiali: l'Italia batte l'Irlanda del Nord (2-0) grazie a Ferrari e Immobile

Quando finalmente ha attirato l’attenzione della CFF, ha ricevuto una chiamata per giocare Azzurro, Nel 2017.

“C’è stata una conversazione con Edu Caspar. In effetti, la questione era molto a questo punto. Perché? C’erano due grandi giocatori in squadra, Cosmiro e Fernandinho. C’erano tre giocatori per due posti. Il futuro di Jorkinho è possibile per andare in nazionale. Scegliamo un’altra squadra “, ha spiegato il manager di J ஜோrgenho, Joோo Santos ESPN, Nel 2018.

Il centrocampista ha esordito con la maglia dell’Italia nella partita degli spareggi dei Mondiali 2018 contro la Svezia. Da allora è una presenza costante nella squadra e il momento clou dell’attuale edizione dell’Euro Cup.

Nato a Impituba-SC, Jorginho ha iniziato a giocare a calcio con sua madre, Maria Teresa, che è stata la sua prima allenatrice in spiaggia. All’età di 16 anni, il centrocampista Hellos fu portato a Verona-IDA e visse per un periodo in un vecchio monastero, che divenne noto come il Fantasma.

Dopo aver preso in prestito dalla Terza Divisione italiana, è tornato a Verona ed è rimasto solo. Dopo due stagioni e mezzo, si è trasferito al Napoli su richiesta dell’allenatore Rafa Benades. Dall’arrivo di Marricio Sari nel 2015, il calcio brasiliano ha guadagnato importanza in Europa.

Il 29enne è piaciuto a molti club in Inghilterra prima di trasferirsi al Chelsea, per il quale ha vinto l’Europa League e la Champions League.