Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il prigioniero colombiano ad Haiti faceva parte del comando speciale dell’esercito e ha ricevuto addestramento dagli Stati Uniti

Le identità di due colombiani arrestati ad Haiti per appartenenza alla leadership mercenaria Assassinato il presidente Jovenel Moise Mercoledì alba: uno di loro è Manuel Antonio Grosso Guarín, che fino al 2019 è stato nell’esercito del suo paese.

Grosso Guarin, 41 anni, è un militare altamente preparato che ha ricevuto un addestramento speciale al comando con istruttori statunitensi. Nel 2013 è stato assegnato al Gruppo delle Forze Speciali Antiterrorismo Urbano. Un altro ex militare la cui identità è stata confermata è Nasir Franco Castaneda, un trentenne che ha frequentato un corso di lancia nell’esercito colombiano.

I moventi e gli autori del delitto sono ancora sconosciuti, anche se il movimento dei sospetti indica che il delitto è stato pianificato con largo anticipo. Gli Stati Uniti hanno confermato venerdì che invieranno funzionari dell’FBI e del Dipartimento della sicurezza interna nel paese per assistere nelle indagini.

capire: Who’s Who ad Haiti, Paese dove una grave crisi istituzionale è culminata nell’assassinio del presidente

Secondo il ministro della Difesa colombiano Diego Molano, Tra i 15 colombiani arrestati ad HaitiAlmeno sei militari in pensione delle forze armate del loro Paese. Ci sono anche due haitiani americani in prigione, James Solajis, 35 anni, e Joseph Vincent, 55, che vivevano nel sud della Florida, oltre a Otto latitanti colombiani.

Tra gli arrestati ci sono sei colombiani e due residenti negli Stati Uniti. In totale, 17 sospetti sono stati arrestati per la loro partecipazione all’assassinio del presidente Jovenel Moise

Secondo il quotidiano haitiano Le Nouvelliste, il giudice ha confermato le identità di due dei tre colombiani uccisi negli scontri di mercoledì con la polizia: Mauricio Javier Romero Medina e Doberni Cappador Giraldo. Secondo il quotidiano El Tiempo, Cappador ha 40 anni, è nato nella città colombiana di Armenia ed è stato il primo vice sergente dell’esercito colombiano, entrando nelle forze armate nel 1990. Romero Medina si è unito alle forze armate quello stesso anno e sarà un pensionato sergente.

saperne di più: La polizia haitiana arresta 11 “mercenari” armati all’ambasciata di Taiwan Taiwan

La polizia colombiana ha dichiarato che il lavoro di intelligence sarebbe durato 32 giorni. È stato anche scoperto che Grosso Guarín e Franco Castaneda facevano parte di un gruppo di almeno quattro prigionieri colombiani entrati ad Haiti il ​​6 giugno dalla Repubblica Dominicana, paese di confine che condivide la stessa isola caraibica con Haiti.

Secondo le informazioni ufficiali diffuse, questo gruppo ha viaggiato da Bogotà alla Repubblica Dominicana il 4 giugno, utilizzando l’aeroporto di Punta Cana situato nell’est del Paese.

I quattro uomini si sono poi trasferiti a Santo Domingo, la capitale della Repubblica Dominicana, dove, secondo le foto pubblicate sui social network, hanno visitato luoghi emblematici, tra cui il Palazzo Nazionale, la Città Coloniale, il Faro di Colón e il Lungomare. Un sito chiamato Malecon. di Santo Domingo.

L'ex militare colombiano Manuel Antonio Grosso Guarín posa per una foto davanti al palazzo presidenziale della Repubblica Dominicana Immagine: Riproduzione/Facebook
L’ex militare colombiano Manuel Antonio Grosso Guarín posa per una foto davanti al palazzo presidenziale della Repubblica Dominicana Immagine: Riproduzione/Facebook

Tutte le foto pubblicate da Grosso Guarín mentre vagava per Santo Domingo il 6 giugno.

In uno di essi, è apparso con Mario Antonio Palacios Palacios, che, secondo i documenti ottenuti dal quotidiano colombiano El Tiempo, sarebbe “un cittadino con documenti colombiani, ma apparentemente di origine haitiana”. Tra i suoi amici di Facebook ci sono diversi soldati colombiani.

El Tiempo si riferisce anche a un quarto uomo che era sullo stesso volo e sembra essere stato assegnato ai militari dall’ospedale navale di Cartagena e che lavorava come infermiere nelle forze armate. Non è ancora noto se fosse uno dei detenuti.

e altro ancora: L’inviato speciale delle Nazioni Unite per Haiti approva il primo ministro ad interim e chiede il rispetto del calendario elettorale

Questa mattina, la radio W della Colombia ha intervistato una donna che si è identificata come la moglie di Francisco Eladio Uribe Ochoa, aggiungendo che era una di quelle catturate ad Haiti. Ha detto che ai colombiani non era stato detto “esattamente dove sarebbero stati portati e dove avrebbero avuto bisogno di farlo”.

“Hanno detto che era un’opportunità per lavorare con un’agenzia per prendersi cura delle famiglie degli anziani”, ha detto.

Secondo lei, colui che ha reclutato suo marito era “Mr. Cappadur, uno dei morti”:

“Lo ha incontrato a Chiquinakura, Boyaca, quando era attivo prima del suo ritiro. Si è ritirato nel 2019.

Generale Santos Cruz: ‘Non è giusto incolpare la missione Onu per la crisi ad Haiti’

La donna ha aggiunto che suo marito non l’ha menzionata con il nome della società che l’ha assunto, ma ha detto che le ha dato la sigla “CTU”.

Il presidente colombiano Ivan Duque ha incaricato il capo del dipartimento investigativo criminale e dell’Interpol (Dejean), il generale Fernando Murillo, di recarsi ad Haiti per sostenere le indagini.

“traduttori”

Oltre alle informazioni sui colombiani, è noto che James Solajis, uno dei due haitiani americani arrestati, nel 2010 lavorava come guardia giurata presso l’ambasciata canadese ad Haiti. I registri pubblici mostrano che Solajis, un cittadino americano naturalizzato, viveva a Tamarack, in Florida, vicino a Fort Lauderdale, e non aveva precedenti penali. Ha una licenza di agente di sicurezza e una licenza di arma da fuoco.

Il giudice che ha interrogato i due, Clement Noel, ha dichiarato al New York Times che hanno affermato di aver lavorato come interpreti per il gruppo che ha ucciso il presidente e che non sono entrati nella stanza in cui è stato ucciso Moyes. Secondo il giudice, è stato Solag, all’inizio dell’operazione, a gridare che il gruppo era della US Drug Enforcement Agency.

I due uomini hanno anche detto che la presunta mente del crimine era uno straniero di nome “Mike” che parlava spagnolo e inglese. Si sono rifiutati di dire quanto avrebbero guadagnato per il progetto.

READ  Il governo Trump ha segretamente avuto accesso ai tabulati telefonici di quattro giornalisti del New York Times