Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Euro: Nella semifinale, il capitano dell’Italia Chiellini ha rinunciato al ritiro nel tentativo di vincere un titolo senza precedenti

Nel maggio 2006, il giovane difensore italiano alto e snello è stato uno dei giocatori che si è trovato al centro del più grande scandalo calcistico del Paese. Calciopoli, schema di partite truccate che coinvolge arbitri e capitani di Serie A, il cui principale esito pratico è stato l’annullamento dello scudetto 2004/05 e la retrocessione della Juventus in Serie B la stagione successiva. Per Giorgio Chiellini, che aveva appena iniziato a fare i passi più alti della sua carriera al Delle Alpi (ex Stadio dei Bianconeri), l’inizio della carriera nel gigante di Turim, anche in Segundona, è diventato l’inizio di un percorso di titoli, dedizione, titoli e idolatria nel club e in Italia. Questa domenica il capitano dell’Azzurra potrebbe cimentarsi in una cosa mai vista prima a 36 anni: un titolo per la sua squadra.

Inghilterra:Sterling ha visto l’omicidio di suo padre e ha affrontato il razzismo per realizzare la profezia tatuata sulla sua pelle

Il viso è duro e lo stile di gioco, sia da terzino sinistro che da difensore, è la migliore rappresentazione della classica scuola difensiva italiana, Catenaccio. Ma Chiellini è, in effetti, un giocatore dominato dal cuore. Tutto ciò che lo ha messo in campo, nel forte potere difensivo che lo ha portato così lontano nella sua carriera, e ciò che lo ha reso capitano della Juventus e della Nazionale italiana. Nella semifinale contro la Spagna, lui e il terzino sinistro spagnolo Jordi Alba hanno avuto momenti di relax alla fine dei tempi supplementari e nei preparativi preliminari per i rigori, uno spettacolo quasi paradossale vista l’apprensione attesa al momento.

– Quando Alba ha visto il lancio rosso della monetina, ha pensato che significasse che avremmo colpito la sua parte (quella dei tifosi), ma ho scherzato con lui che non era così – dice il difensore, a proposito della scena del giudizio, al risate dei fan. Chiellini ha persino definito scherzosamente lo spagnolo un “bugiardo”.

READ  La recinzione italiana ha esaurito l'oro per la prima volta in 40 anni
Chiellini esulta durante i rigori contro la Spagna Foto: Karl Rissen/Paul via Reuters

Nato a Livorno e rivelato da un omonimo club locale, il giocatore è emerso fin da piccolo come uno dei più grandi nomi del calcio italiano. La sua altezza, capacità difensive e versatilità lo hanno portato a frequentare le squadre giovanili sin dalla sua adolescenza. Nei club è passato per Roma e Fiorentina prima di approdare alla Juventus, per la quale ha scritto una delle storie più belle della sua carriera: dall’anno in cui è sbarcato, la sua prima volta a Torino, attraverso la Segundona, fino ad oggi, ha vinto dieci titoli nazionali (nove nell’elite) e cinque in Coppa Italia, praticamente sempre da rookie.

Leggi di più:Il brasiliano che ama l’Argentina non rinuncerà alla sua preferenza nella finale di Copa America contro il Brasile

Anche dopo essersi affermato come difensore – per tre stagioni è stato nominato miglior difensore del calcio italiano – c’è stato il senso del volontariato: in più occasioni ha accettato di tornare a giocare da terzino sinistro per far posto a Barzagli e Bonucci, suo compagno di squadra. Juve e selezione italiana, che emerse come una caratteristica di spicco nell’anziana signora. Durante la sua permanenza a Torino, ha perso solo il titolo di campioni. Ha colpito due volte la traversa: è arrivato secondo nel 2015 e nel 2017.

L’euro era la competizione della vita

La permanenza in carica della squadra professionistica italiana si è intensificata intorno al 2007, subito dopo il titolo mondiale degli Azzurri in Germania. In Euro, il difensore ha vissuto i suoi momenti più importanti in maglia azzurra, sia positivi che negativi. Nel 2008 ha purtroppo ferito in allenamento il capitano e idolo Fabio Cannavaro, ma ha dato la sua prima grande prestazione in un torneo internazionale: l’Italia sarebbe stata eliminata ai rigori nei quarti di finale per la Spagna, che sarebbe stata campione.

READ  La Juventus annuncia il ritorno di allenatore Massimiliano Allegri dopo l'addio di Pirlo
Chiellini è stato morso da Luis Suarez ai Mondiali 2014 Foto: Tony Gentile/Reuters
Chiellini è stato morso da Luis Suarez ai Mondiali 2014 Foto: Tony Gentile/Reuters

Quattro anni dopo, ha lottato con gli infortuni, ma ha aiutato l’Italia meno brillante a raggiungere la finale, dove si incontreranno di nuovo con la Spagna. Si è conclusa con un fallimento e ha lasciato il difensore infortunato nella finale, che si è conclusa con una sconfitta per 4-0 per gli spagnoli. Nel 2016 l’Italia, in un apparente momento di transizione, si vendicò della vecchia Spagna agli ottavi, ma finì per lasciare la competizione ai rigori alla Germania, allora campione del mondo, nella fase successiva. In tutte e tre le occasioni Chiellini è stato lì, al centro del sistema difensivo.

Coppa America: Messi cerca il suo primo titolo nella quinta finale per l’Argentina

“La sua prestazione negli anni è sempre stata molto buona. Chiellini è un grande professionista, lavora molto e scende in campo per lottare fino all’ultimo. Oggi è più famoso per aver giocato la Coppa dei Campioni, giocando un ruolo cruciale in difesa e il giocatore più attraente della squadra.Per capire quanto ami la squadra, cosa Basta guardarlo mentre viene eseguito l’inno nazionale italiano – afferma il giornalista brasiliano Anderson Marquez, di MondoSportivo.

Rinunciare alla pensione e “l’ultimo ballo”

In Coppa del Mondo, il difensore non ha vissuto grandi momenti. Ha attraversato due dolorose eliminazioni della fase a gironi nel 2010 e nel 2014 – quando è stato morso da Suarez – e ha finito per perdere la Coppa del Mondo 2018, un fallimento che lo ha portato a considerare il ritiro dalla nazionale. Il difensore ha vissuto il periodo di transizione intergenerazionale più drammatico in casa Azura, che ha lottato con la mancanza di talento per tutta la sua carriera.

READ  nemico intimo! Adesanya mette in palio il titolo dei medi nella rivincita con Vittori - 06/12/2021

“C’è un gap generazionale tra i difensori. I giovani arrivano al campionato italiano sapendo come posizionarsi e tirare fuori il pallone, possono fare tiri precisi dai 40 metri, ma non hanno idea di come fare il patch a uomo”. o man-to-man Una posizione – Criticata, nel 2017. Analogo parere ha già espresso il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri.

Chiellini ha un master in management e immagine aziendale: Instagram/Giorgio Chiellini
Chiellini ha un master in management e immagine aziendale: Instagram/Giorgio Chiellini

Laureato in Economia e Commercio e Master in Management e Impresa all’Università di Torino con il massimo dei voti, Chiellini aveva tutte le carte in regola per pianificare i primi passi della vita fuori dalla prateria. Ma ha accettato di tornare in Nazionale, tra gli altri impegni, per gareggiare nella competizione, che già ammetteva essere l’ultima con la maglia italiana. Le risate nella partita contro la Spagna si traducono in uno stile di gioco divertente, un mantra che si ripete spesso tra l’attuale nazionale italiana e le giovanili. Accidentale per chi ha capito che il calcio è cambiato nello stile di gioco, ma che conosce l’importanza della sua presenza al fianco dei ragazzi.

“Dopo il primo carico (che è stato sprecato da Locatelli) ero disperato. Condividiamo una passione che durerà per sempre. Alla fine ci siamo abbracciati e abbiamo pianto”, ha ammesso il capitano.

Il giocatore ha pubblicato un’autobiografia l’anno scorso, “Io, Giorgio”. Nel libro, racconta passaggi della sua carriera, e ha anche suscitato polemiche a causa delle critiche a Felipe Melo e Balotelli – si è scusato poco dopo la pubblicazione degli estratti. Domenica l’italiano ha la possibilità di aggiungere un nuovo capitolo nelle future edizioni del lavoro: il primo trofeo che potrà finalmente alzare con la maglia della nazionale.