Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Vaccini efficaci nel ridurre i casi gravi di Covid-19 negli anziani

Vaccini efficaci nel ridurre i casi gravi di Covid-19 negli anziani

Uno studio della Fondazione Oswaldo Cruz ha rilevato l’efficacia degli agenti fortificanti di AstraZeneca / Oxford Mi Coronavac nel ridurre i ricoveri oi decessi negli anziani, compresa la variante gamma (P1), responsabile della maggior parte dei casi di Covid-19 in Brasile.

L’analisi tecnica valuta sia gli individui che sono stati vaccinati con almeno la prima dose sia quelli che sono stati vaccinati con due dosi. Nel primo caso, indipendentemente dal vaccino Covid-19 applicato, l’efficacia è stata del 73,7% per le persone di età compresa tra 60 e 79 anni e del 63% per le persone con più di 80 anni.

Con almeno la prima dose di AstraZeneca/Oxford, prodotta da Fiocruz in Brasile, è stata riscontrata un’efficacia dell’81,7% per le persone di età compresa tra 60 e 79 anni e del 62,8% per le persone con più di 80 anni. Con Coronavac, il tasso osservato è stato del 70,3% per le persone tra i 60 e i 79 anni e del 62,9% per le persone con più di 80 anni.

Con il regime completo a due dosi, l’efficacia aumenta, indipendentemente dal vaccino applicato, al 79,8%, in quelli di età compresa tra 60 e 79 anni, e al 70,3% oltre gli 80 anni. Con due dosi di AstraZeneca, l’efficacia è stata stimata del 93,8% in 60-79 anni e del 91,3% in 80 anni. Tra quelli vaccinati con due dosi di CoronaVac, i tassi erano del 79,6% di età compresa tra 60 e 79 anni e del 68,8% di età superiore a 80 anni. L’efficacia diminuisce con l’età perché il sistema immunitario negli anziani perde la sua capacità di proteggere il corpo.

READ  Il missile incontrollato cinese cadrà a terra nei prossimi giorni

L’efficacia di questi vaccini è stata precedentemente dimostrata durante studi clinici. Gli autori della nota tecnica notano che una differenza di questo studio è che fornisce prove dell’efficacia del vaccino contro varianti preoccupanti, che hanno una maggiore trasmissione e predominanza nel territorio brasiliano, come P1.

“Ci sono valori molto alti dei tassi di infezione a fine febbraio e inizio marzo, quando inizia il processo di riduzione del numero dei casi, e sono più espressivi per le fasce di età 60-79 anni e 80 anni e oltre “, dice una nota. “Con i risultati di efficacia vaccinale descritti qui e con una maggiore copertura vaccinale in questi intervalli rispetto ad altri nel periodo, la vaccinazione è stata un fattore importante nel ridurre il numero di casi gravi e di decessi”.

Lo studio è stato condotto attraverso analisi statistiche utilizzando i database delle vaccinazioni del National Immunization Program. Con i dati riportati al 7 giugno, la valutazione includeva record totali di oltre 40 milioni di vaccinati con almeno una dose del vaccino e più di 798.000 casi acuti o decessi, con sindrome respiratoria acuta grave con Covid-19 confermato o sospetto. I casi immunizzati e non immunizzati sono stati differenziati e quindi stratificati per fasce di età.