Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Gli americani celebrano “Juneteenth”, ora festa nazionale, per simboleggiare la fine della schiavitù negli Stati Uniti | Scienziato

Gli americani celebrano il sabato (19) e per la prima volta una festa nazionale, “giugno”. La data rappresenta la liberazione dell’ultimo schiavizzato in Texas nel 1865 ed è ampiamente celebrata nel paese come simbolo dei movimenti antirazzisti.

Giovedì (17), capo stato unitoE il Joe BidenE il Sulla legge che ha trasformato il 19 luglio in festa nazionaleÈ stato introdotto dal Congresso degli Stati Uniti e approvato all’unanimità dai senatori democratici e repubblicani.

Il “giugno” era già considerato una vacanza in alcuni stati del paese, ma con il sostegno del movimento Black Lives Matter, dall’assassinio dell’ex guardia di sicurezza nera George Floyd, sono aumentate le pressioni per l’approvazione di una legge federale.

Il Giorno dell'Abolizione diventerà una vacanza negli Stati Uniti

Il Giorno dell’Abolizione diventerà una vacanza negli Stati Uniti

Sabato sono in programma una serie di proteste e omaggi in diverse parti del Paese.

A New York è stato costruito un monumento in onore di George Floyd, inaugurato lo scorso giugno nel quartiere di Brooklyn, un’area con una forte presenza della comunità nera.

L’uccisione di Floyd ha scatenato una serie di proteste contro il razzismo e la violenza della polizia nell’ultimo anno.

I manifestanti salutano il memoriale di George Floyd a New York in questa foto del 19 giugno 2021 – Gina Moon/Reuters

“Juneteenth” è un’agglutinazione in inglese datata 19 giugno (19 giugno). Il giorno in cui gli ultimi schiavi nel paese ricevettero l’informazione che erano liberi – per più di 150 anni.

Il 1° gennaio 1863, l’allora presidente Abraham Lincoln ordinò la fine della schiavitù (circa due anni e mezzo prima del 19 giugno 1865) firmando il Proclama di emancipazione.

Tuttavia, durante la guerra civile americana (1861-1865), gli Stati Confederati meridionali mantennero il sistema di schiavitù – anche questa fu una delle cause della guerra.

Il leader confederato Robert Lee firmò la sua resa il 9 aprile 1865, ma ci vollero più di due mesi perché la notizia raggiungesse la piccola città di Galveston, in Texas, il 19 giugno.

La bandiera di Juneteenth sventola a Omaha, Nebraska, venerdì (19) – Foto: AP Photo/Nati Harnik

READ  La first lady, rimasta ferita nell'attentato che ha ucciso il presidente di Haiti, sarà portata in ospedale a Miami