Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Gli astronauti della NASA arrivano alla Stazione Spaziale Internazionale a bordo della navicella SpaceX |  La Gazzetta Nazionale

Gli astronauti della NASA arrivano alla Stazione Spaziale Internazionale a bordo della navicella SpaceX | La Gazzetta Nazionale

Gli astronauti della NASA, che hanno lasciato la Florida venerdì (23), sono già arrivati ​​alla Stazione Spaziale Internazionale a bordo della navicella SpaceX.

Un razzo Falcon 9 illuminato all’alba al Kennedy Space Center di Cape Canaveral, in Florida. È la terza missione con equipaggio di SpaceX. L’imprenditore Elon Musk, che gestisce SpaceX, afferma che è l’inizio di una nuova era spaziale, l’era dell’esplorazione spaziale commerciale.

Ora, l’attrezzatura è molto più economica perché l’attrezzatura viene riciclata. Il razzo Falcon è già stato utilizzato. Dopo il lancio, è tornato sulla Terra per future missioni.

La navicella Dragon Endeavour, con quattro astronauti a bordo, ha visitato la Stazione Spaziale Internazionale nel maggio 2020. Un’altra navicella SpaceX, Dragon Resilience, è stata collegata alla stazione da novembre. Ha anche scortato quattro astronauti ed è tornato sulla Terra mercoledì (28).

Endeavour è arrivato in stazione all’alba di sabato (24). L’accoppiamento era completamente automatico controllato dai computer di bordo. I colleghi dell’ex missione SpaceX hanno ricevuto astronauti – due americani, un giapponese e un francese – oltre a due russi e americani che sono arrivati ​​alla stazione all’inizio di aprile.

Con 11 a bordo, la capacità massima dà l’impressione di sovraffollamento. Tuttavia, la stazione dispone di sei camere da letto per l’equipaggio. Tutti loro sono stati vaccinati e testati per Covid-19. Quando la lezione di elasticità partirà il 28, sarà più rilassante. A ottobre, Resilience restituisce altri quattro astronauti.

La Stazione Spaziale Internazionale è in orbita dal 1998, ma funzionerà solo fino al 2030, quando sarà smantellata ei pezzi atterreranno nell’Oceano Pacifico. Quindi avrebbe iniziato un’altra era nella conquista dello spazio: la prima missione su Marte.