Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Ancora scontri tra manifestanti palestinesi e forze di sicurezza in Israele | Scienziato

I palestinesi e le forze di sicurezza si sono nuovamente scontrati sabato sera (24) fuori dalla Città Vecchia di Gerusalemme, nonostante l’appello alla calma del primo ministro. IsraeleE il Benjamin Netanyahu.

Sei palestinesi sono rimasti feriti, secondo la Mezzaluna Rossa palestinese. Cinque di loro hanno ricevuto immediatamente i primi soccorsi.

Gli scontri sono stati meno intensi rispetto a Nei primi giorni (Guarda il video Di seguito sono riportate le proteste mattutine del 23), ha scoperto un giornalista dell’AFP.

La polizia di occupazione contiene disordini nella Città Vecchia di Gerusalemme

A Gerusalemme Est, un’area palestinese occupata e annessa da Israele, centinaia di poliziotti sono stati inviati sabato notte alla periferia della Città Vecchia per prevenire ulteriori violenze, dopo giorni di scontri tra ebrei di estrema destra, palestinesi e forze di sicurezza.

Ci sono stati alcuni scontri di luce alla Porta di Damasco, che è uno dei mezzi principali per raggiungere la piazza della moschea, situata nella Città Vecchia, dopo le preghiere dell’ultimo giorno, a metà del mese di Ramadan, secondo Agence France-Presse .

Alcuni palestinesi hanno lanciato bottiglie d’acqua contro i poliziotti, che hanno risposto con bombe con effetto morale. Altri hanno dato fuoco alle discariche nelle strade vicino a Bab al-Amud.

Un palestinese durante una manifestazione nella Città Vecchia di Gerusalemme. I pneumatici bruciano sullo sfondo – Foto: Muhammad Salem / Reuters

La polizia ha detto che centinaia di palestinesi hanno lanciato pietre e molotov al valico di frontiera di Qalandia tra Gerusalemme e la Cisgiordania occupata.

“Prima di tutto, vogliamo preservare la legge e l’ordine pubblico. Ora, chiediamo il rispetto della legge e chiedo a tutte le parti di calmarsi”, ha detto Netanyahu poche ore fa in una dichiarazione dopo un incontro di emergenza con i funzionari della sicurezza israeliana.

Netanyahu ha anche annunciato che l’esercito israeliano è “pronto per qualsiasi scenario” nella Striscia di Gaza, dopo che venerdì notte sono stati lanciati circa 30 razzi dal settore palestinese contro Israele meridionale. In risposta, carri armati, combattenti ed elicotteri hanno attaccato le posizioni di Hamas, ha detto l’esercito.

L’ala militare di Hamas, il movimento islamista palestinese che governa Gaza, ha offerto il suo sostegno ai palestinesi a Gerusalemme est e ha minacciato Israele.

Sabato notte altri tre razzi sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza, uno dei quali è stato intercettato dallo scudo anti-missile israeliano, uno è esploso in una terra desolata e l’altro è atterrato nella Striscia di Gaza, secondo l’esercito.

Le tensioni sono aumentate negli ultimi giorni per gli incidenti tra ebrei e palestinesi a Gerusalemme est.

Gli scontri più feroci sono avvenuti giovedì sera, quando alcuni palestinesi hanno protestato contro una manifestazione di sostenitori di un movimento ebraico di estrema destra, cantando “Morte agli arabi”. Le forze israeliane, che si erano mobilitate per questa manifestazione, hanno ostacolato l’avanzata dei palestinesi. Più di 100 palestinesi e circa 20 poliziotti sono rimasti feriti.

Un palestinese fa esplodere fuochi d’artificio durante una protesta anti-israeliana a Gerusalemme sabato (24) – Foto: Muhammad Salem / Reuters

“Vogliamo preservare la libertà di culto come ogni anno per tutti i residenti e i turisti di Gerusalemme”, ha detto Netanyahu, riferendosi alla preghiera nel recinto della moschea, il luogo sacro dell’Islam, nel mezzo del Ramadan.

Di fronte alla crescente tensione con il settore palestinese, il capo di stato maggiore israeliano, Aviv Kochavi, ha deciso di rinviare una visita a stato unito Questo è già stato pianificato.

Gli scontri sono iniziati nei giorni scorsi a Gerusalemme dopo che la polizia ha impedito ai residenti di sedersi sulle scale intorno alla Porta di Damasco, dove i palestinesi di solito si riuniscono durante il Ramadan.

E poiché gli ebrei di estrema destra progettavano di manifestare vicino a questa grande porta che conduceva alla Città Vecchia, molti palestinesi l’hanno considerata una provocazione e un tentativo di prendere il controllo di questo luogo simbolico.

“Il problema è che è il mese del Ramadan, e la polizia ha chiuso le porte del balcone (…) e negli ultimi giorni siamo stati molestati da ebrei estremisti”, ha detto sabato all’Afp Mahmoud Issa, 30 anni.

Sabato notte circa 1.000 manifestanti, quasi tutti israeliani, si sono riuniti nel centro di Gerusalemme per chiedere la convivenza pacifica e il ritorno alla calma.

Sabato, l’inviato speciale delle Nazioni Unite per il Medio Oriente, Tor Wainesland, ha invitato “tutte le parti a esercitare la massima moderazione ed evitare un’ulteriore escalation”.

Ha continuato in una dichiarazione che “le azioni provocatorie a Gerusalemme devono cessare e il lancio indiscriminato di razzi nelle aree popolate viola il diritto internazionale e deve cessare immediatamente”.

Gli Stati Uniti si sono detti “estremamente preoccupati”. La Giordania, che gestisce i luoghi sacri islamici nella Città Vecchia, sabato ha condannato gli “attacchi razzisti” israeliani e ha avvertito che Gerusalemme è una “linea rossa”.

un volereIl nemico di Israele ha condannato gli “attacchi dell’entità sionista e dei colonialisti”.

READ  La medicina del colesterolo può avere effetti su COVID-19