Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Gli Stati Uniti impongono e poi sospendono nuove tariffe per dare tempo all’Accordo Fiscale Internazionale – Tasse

Mercoledì, gli Stati Uniti hanno imposto un aumento delle tariffe sulle merci importate da sei paesi. Tuttavia, hanno continuato a sospendere l’applicazione di tariffe più elevate al fine di concedere più tempo per un accordo globale sulla tassazione delle società tecnologiche giganti nell’ambito della discussione in corso nell’OCSE e nel G-20.

Ieri, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha imposto una tariffa del 25% sui prodotti importati da India, Turchia, Regno Unito, Italia, Spagna e Austria in risposta all’applicazione delle tasse da parte di questi sei paesi sui giganti tecnologici statunitensi come Google e Facebook. E Amazon. Nel 2019, i prodotti presi di mira da questa escalation tariffaria sono stati di 2 miliardi di dollari, ha scritto Bloomberg, spiegando che vanno dalle scarpe italiane ai tappeti turchi, compresa l’importazione di frutti di mare o cosmetici.

Tuttavia, subito dopo, ha riferito che l’applicazione di queste tariffe aumentate sarebbe stata ritardata fino a 180 giorni per concedere più tempo per negoziare un accordo internazionale sulla creazione di un’imposta minima in grado di impedire alle multinazionali di non pagare le tasse sugli utili in un paese particolare.Poiché si trova in paesi a bassa pressione fiscale, è una questione che è stata negoziata a livello dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e il Gruppo dei Venti. “Gli Stati Uniti sono concentrati sulla ricerca di una soluzione multilaterale a una serie di questioni chiave relative alla tassazione internazionale, comprese le nostre preoccupazioni sulla tassazione dei servizi digitali”, ha affermato la rappresentante degli Stati Uniti Catherine Tay, citata dalla stampa statunitense.

Catherine Taye ha spiegato che la decisione dell’amministrazione guidata dal presidente Joe Biden mira a “fornire tempo per i negoziati”. [na OCDE e G20] Continuare a fare progressi”, mantenendo sul tavolo la discussione sulla possibilità che Washington risponda alle azioni di altri Paesi che sono viste come pratiche asimmetriche a livello commerciale.

READ  Club Super League: quali sono le lezioni apprese da questa storia?

Ricordiamo che dopo aver assunto la carica di Presidente degli Stati Uniti, il democratico Joe Biden ha iniziato una serie di battute d’arresto per quanto riguarda le politiche perseguite dal predecessore Donald Trump, sia negli affari interni che internazionali. Tuttavia, nonostante abbia indicato l’intenzione di seguire un percorso di negoziati multilaterali per porre fine alle controversie commerciali, Biden ha avvertito che gli Stati Uniti non mancheranno di prendersi cura dei propri interessi commerciali.

Pertanto, lo scorso marzo il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha proposto di applicare nuove rigide tariffe a quei sei paesi per un valore combinato di 880 milioni di dollari.

L’aliquota minima globale dell’imposta sul reddito delle società sta guadagnando terreno
Questa azione statunitense è un altro segnale di pressione affinché, a livello internazionale, si raggiunga un accordo che preveda l’adozione di un’aliquota minima per le multinazionali.

All’inizio di questa settimana, Reuters ha riferito di un documento di lavoro dei ministri delle finanze delle sette economie più ricche del mondo, che indicava l’aspettativa che sarebbe stato possibile per il Gruppo dei Sette paesi industrializzati raggiungere un accordo “ambizioso” su una tassa minima globale. sugli utili societari all’assemblea di venerdì e sabato 4 e 5 giugno.

Dal canto suo, il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, ha affermato di ritenere, al termine dell’ultimo Eurogruppo, che sarebbe “possibile raggiungere un accordo di principio a livello del G-20” già a l’incontro programmato. Il 9 luglio a Venezia.

Per finanziare gli ambiziosi piani economici e sociali già approvati, Joe Biden ha deciso di aumentare le tasse sulle società e sui più ricchi (plusvalenze). Come parte di questo processo, il capo del Tesoro scelto da Biden, Janet Yellen, ha proposto ad aprile di stabilire un’aliquota minima globale dell’imposta sul reddito delle società del 21%, una proposta che da allora si è evoluta in un’imposta di almeno il 15%.

READ  Minas Gerais e l'Italia per fare affari in un incontro virtuale