Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Haas rivela i piani per possedere un pilota americano in futuro: “Lo adoriamo”

Guenther Steiner capisce che è difficile, al momento, avere un americano sulla griglia di F11

Foto: LAT Photographic/Haas/Grand Prix

È un dato di fatto che da quando Liberty Media ha assunto la gestione della Formula 1, alla fine del 2016, uno degli obiettivi è stato quello di ampliare l’interesse e fidelizzare gli appassionati della categoria, con particolare attenzione al paese ospitante dell’azienda, gli Stati Uniti. . In un certo senso, l’obiettivo è stato raggiunto, non solo con un contratto annuale di GP nel paese – tranne nel 2020 a causa della pandemia – ma l’espansione sta avvenendo anche attraverso la serie “Drive to Survive”, su Netflix, e avrà un nuovo capitolo con un contratto per il GP di Miami a partire dal prossimo anno. Tuttavia, la F1 non ha ancora visto alcun pilota nordamericano parte della griglia da quando Alexander Rossi, ora a Indy, ha gareggiato nel GP di Singapore 2015 per l’ormai estinta Marussia.

È interessante notare che mesi dopo, nel 2016, Haas ha messo la bandiera americana sulla griglia della Formula 1 unendosi come una delle dieci squadre della Coppa del Mondo. Gene Haas, noto per il suo lavoro prima del team NASCAR, in collaborazione con Tony Stewart, dà il nome al team di F1, guidato dall’italiano Guenter Steiner.

Ma la carenza di piloti americani in Formula 1, anche con un team americano in griglia, i suoi giorni potrebbero essere contati. Questo è quanto ha dichiarato Steiner in un’intervista sul sito ufficiale della Formula 1. “Lo cerchiamo costantemente e continuiamo a parlarne anche con Stefano Domenicali. [direto-executivo da F1]. “Stiamo guardando cosa si può fare e cercando di fare un piano per il futuro”, ha spiegato il regista.

Dai un’occhiata al canale YouTube del Gran Premio! .

Segui il Gran Premio su Twitter Instagram!

Guenther Steiner vorrebbe avere un pilota americano in squadra

Guenther Steiner vorrebbe avere un pilota americano in squadra

Foto: Haas F1 Team / Gran Premio

Tuttavia, Steiner ha affermato che la mancanza di un pilota nelle vetture della scuderia statunitense potrebbe richiedere del tempo, in quanto molti concorrenti non hanno la cosiddetta super patente – un documento rilasciato dalla Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) per i piloti che aggiungono 40 punti, che possono accumularsi negli ultimi tre anni nella categoria giovanile o anche in categorie superiori, come Indy.

Inoltre, Haas ha un problema finanziario, che lo ha portato a rivolgersi a un pilota pagato, Nikita Mazepin, il cui padre Dmitriy e il suo conglomerato di affari UralChem rappresentano la maggior parte del budget della squadra.

“Non penso che dovrebbe essere immediato, non puoi fare nulla per ottenere qualcuno a causa della super licenza. Succederà. Dobbiamo solo essere pazienti per un po’. Ci sono alcuni ragazzi in Formula 2, Formula 3 , che sembrano promettenti. Andiamo. Vediamo cosa si può fare”, ha spiegato l’italiano.

Formula 3, ad esempio, in quest’anno 2021, quattro piloti americani. Sono: Juan Manuel Correa, Jack Crawford, Kaelen Frederick e Logan Sargent. Tuttavia, nessuno di loro ha ancora avuto la super licenza, così come Colton Herta, che è stato collegato a un passaggio in Formula 1 dopo essere andato su una pista di rally a Indy, ma Steiner ha detto che non c’era possibilità di ingaggiarlo per lo stesso motivo come gli altri.

“Non ho mai parlato con Colton, e sappiamo tutti che non ha una super patente”, ha concluso l’italiano, escludendo, per il momento, la nomina dell’attuale pilota di Andretti.

Di recente anche il campione del mondo di Formula 1 Mario Andretti ha messo in dubbio il fatto che Herta non abbia una super licenza, mentre Nikita Mazepin ne ha una e, quindi, può far parte della rete F1.

READ  Dove guardare la partita del campionato italiano (5/16)?