Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

I nostri neuroni soprannaturali visualizzano le menti di altre persone | Flag Hour

Oggi, come mai prima d’ora, passiamo ore ogni giorno ascoltando audio o guardando video di personaggi diversi che parlano di tutto. Entra nel mondo attraverso i nostri sensi. Non mancano le fake news, come siamo conosciuti. Le nostre menti vengono consultate online sulla verità o sulla falsità di ciò che ci dice l’intervistatore. Cerchiamo di mettere in discussione mentalmente il viso, la voce, il cipiglio e il tono di chi parla. Costruiamo un’ipotesi sul gruppo percepito e la affrontiamo in quel momento, o durante il tempo in cui comunichiamo in qualche modo con l’interlocutore.

I neuropsicologi chiamano questo processo cognitivo “teoria della mente”. Qualcosa di inappropriato, perché in realtà è solo una “ipotesi di ragione”. Senza alcuna certezza, immaginiamo un intero profilo psicologico del nostro interlocutore e il contenuto di ciò che ci dice, che guida il nostro comportamento: spegnere la tv, annuire, ridere o piangere, o addirittura votare.

Ciò che i neuroscienziati si chiedono è: qual è il meccanismo cerebrale che ci permette di portare a termine questo complesso lavoro psicologico? Un importante passo avanti è stato pubblicato all’inizio di quest’anno da un gruppo di ricercatori associati al Massachusetts General Hospital. È stata la scoperta di “grandi neuroni”, come pensavo di chiamarli io stesso. Neuroni nella corteccia cerebrale che emettono segnali elettrici ogni volta che una persona cerca di immaginare cosa pensano gli assoni all’interno.

Il gruppo ha utilizzato pazienti volontari sottoposti a intervento chirurgico di impianto di pacemaker per controllare i tremori della malattia. Questo intervento può essere eseguito sul paziente sveglio e cosciente, in anestesia locale. Per determinare con precisione la posizione appropriata per l’impianto in profondità nel cervello, è necessario attraversare la regione della corteccia che si suppone sia responsabile della “teoria della mente”. Lungo la strada, i ricercatori hanno registrato l’attività elettrica di diversi neuroni con elettrodi estremamente sottili e per testarli hanno fornito al volontario l’acustica con semplici scherzi che lo hanno fatto riflettere.

READ  Scopri la nano-arte, un incontro di arte, scienza e tecnologia - notizie

Ad esempio: “João dà a Maria una scatola da scarpe chiusa con un libro dentro. Cosa pensa Maria nella scatola?” Una posizione più normale indicherebbe la risposta ovvia. Ma, pensiamo, Mariah potrebbe essere intelligente e rispondere a qualcos’altro … In quel momento, alcuni dei neuroni dei volontari stavano emettendo segnali elettrici intensamente. Per i cliché, il silenzio dei neuroni. I test psicologici dei pazienti confermano la ricerca mentale di un’ipotesi sul pensiero di Maria. Il lavoro è molto ben controllato e i dati sono molto potenti. Ero convinto che i cosiddetti neuroni esistessero davvero nel cervello umano.

Alcuni diranno che la conoscenza è inutile. Ma la scienza è sorprendente. La scoperta rivela che la cultura e l’istruzione raggiungono il punto iperbolico di imprimere proprietà altamente complesse sui singoli neuroni. Resta da vedere come funzionano insieme. E come potrebbero sbagliarsi nel giudicare la realtà degli altri.