Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Scopri l’originale e maggiori dettagli sulla danza

un Balletto Apparso nelle corti italiane durante il XV secolo, come spettacoli ufficiali durante il Rinascimento, gli spettacoli erano un tipo di teatro che prevedeva la recitazione sui passi della musica e della danza in modo che le storie potessero essere raccontate. Ma il balletto si è sviluppato in Inghilterra, Russia e Francia come metodo per questo Ballo di festa.

Il balletto è uno dei balli più famosi al mondo. | Foto: riproduzione.

L’origine del balletto

Il ballo veniva inizialmente eseguito in feste aristocratiche per intrattenere la nobiltà, e le corti italiane usavano il balletto per intrattenere i loro ospiti e promuovere i balli con spettacoli di danza e musica.

Il primo balletto registrato si tenne nel 1489 per commemorare il matrimonio del Duca di Milano con Isabel de Aragon. Tuttavia, la popolarità del balletto iniziò a verificarsi quando l’italiana Catarina de Medici sposò il re Enrico II e divenne regina di Francia, presentando il tipo di scene alla corte francese. Catarina aveva una grande ammirazione per la danza e si è assicurata di assumere il grande coreografo italiano Baltazar de Pujoyolx.

La scena più bella e famosa presentata allo stadio fu il “Balletto Comico da Rainha” del 1581, prodotto per celebrare le nozze della sorella di Catarina. Nel 1581, Beaujoyeulx eseguì un’esibizione completamente diversa dagli attuali spettacoli di balletto, combinando non solo danza, ma anche poesia, discorso, canto e orchestra musicale, che durò più di cinque ore. La regina era l’invidia del risultato di questo balletto da tutte le altre case reali europee.

Il balletto raggiunse l’apice della sua popolarità nel XVII secolo, durante il regno di Luigi XIV. Da quando aveva 5 anni, King ha avuto la passione per la danza ed è diventato un grande ballerino nella sua adolescenza, a soli 12 anni, ha ballato per la prima volta nel balletto. Ha partecipato a “The Night Ballet of the Royals”, dove ha interpretato il ruolo della luce nel fertilizzare la terra, guadagnandosi il titolo di Re Sol. Da ciò, ha partecipato a diversi altri spettacoli di balletto che sono apparsi come dio o altro. personalità forte.

READ  Telecine: otto classici imperdibili che hanno segnato il cinema

Nel 1661 fu fondato il re Luigi XVI Royal Academy of Dance La prima scuola di danza al mondo. Era in una delle stanze del Louvre. Nel 1669 fu fondata l’Académie Royale de Musique e Jean-Baptiste Lully, il ballerino preferito del re e che per lui compose molti balletti, fu nominato direttore della scuola. L’insegnante della scuola di danza, il francese Pierre Beauchamp, è stato l’ideatore delle cinque posizioni fondamentali che sono diventate la base di tutto l’apprendimento accademico nel mondo. Balletto classico È ancora usato nel balletto oggi.

Trasformazioni di danza e scena

Il balletto fu perfezionato e iniziò ad avere sempre meno versi e più balli. Gli spettacoli iniziarono a lasciare i palazzi e ad andare nei teatri. I ricchi in generale iniziarono a raggiungerlo, così come l’aristocrazia, così cominciò ad apparire il teatro professionale.

Intorno al diciottesimo secolo, gli spettacoli si concentrarono maggiormente sulla musica e sulla danza. A quel tempo, i ballerini iniziarono a ribellarsi agli abiti che indossavano, poiché limitavano i loro movimenti. A causa di questa restrizione, gli uomini di solito hanno vinto ruoli di primo piano negli spettacoli, a causa della coreografia di cui sbandavano e turbinavano. La belga Marie Ann Cubis de Camargo, una delle prime ballerine importanti nella storia del balletto, ha abbassato i tacchi e accorciato le gonne per sviluppare al meglio la sua danza. L’ultimo momento meraviglioso nella genesi del balletto è avvenuto nel diciannovesimo secolo, quando l’italiana Marie Taglioni ha aperto la strada alla danza in punta di piedi.

Balletto come lo conosciamo oggi

Dal diciannovesimo secolo in poi, il balletto divenne come lo conosciamo oggi. A quel tempo, le donne iniziarono a guadagnare importanza e iniziarono a esplorare la danza a portata di mano. Con il miglioramento della danza con le scarpe da punta, i ballerini sono diventati più popolari dei ballerini. Nel 1841 fu presentato il famoso balletto “Giselle”, che è stato riprodotto fino ad oggi. Nel 1877, il Ballet La Bayadére, con la prima versione del Lago dei cigni, fu creato da Tchaikovsky.

READ  Il marito di uno dei partecipanti ha detto che era normale festeggiare

Durante il diciannovesimo secolo, il romanticismo ha assunto il balletto classico, così come altri movimenti artistici. Impatto del pregiudizio soprannaturale e dell’immagine della vulnerabilità femminile sulla performance di danza. La Russia ha avuto una grande influenza sul balletto a metà del diciannovesimo secolo e nel paese è cresciuta la richiesta di movimenti con classe estrema e tecnica molto raffinata. La Russia è il luogo di nascita di famosi ballerini e coreografi da quel momento ai giorni nostri.

Il russo Serge Diaghilev, direttore della rivista Arts, insieme ad amici artisti, iniziò a organizzare una mostra di pittori russi a Parigi, che ebbe molto successo, poi promosse musicisti russi, opera russa e nel 1909, infine, balletto russo. Diaghilev ha portato in Francia i migliori ballerini delle compagnie imperiali, come Anna Pavlova, Tamara Karsaviana e Vaslav Neginsky.

Più tre grandi performance sotto la direzione del coreografo Mikhail Fokin, il fantastico giovane che ha fatto il critico francese con i suoi migliori commenti. Ma nel 1911 i russi furono invitati a tornare nel loro paese e Diaghilev fondò la sua compagnia, Russian Ballet, per iniziare una nuova era nel balletto. Negli anni che seguirono, fino alla morte di Diaghilev nel 1929, la compagnia di balletto russa attirò il pubblico in Europa e in America. Attualmente, la compagnia di balletto russa è la più grande del mondo, grazie alla popolarità del suo creatore.

____________________________
Scritto da Jennifer Alexander – Speak! Uniso