Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il Brasile va a Tokyo dove il 95% della delegazione è stato vaccinato contro il COVID-19 | le Olimpiadi

La delegazione brasiliana potrà raggiungere Tokyo con un punteggio prossimo al 10 in termini di vaccinazione. La prospettiva è che circa il 95% della squadra brasiliana, che comprende atleti, allenatori e personale di supporto, sarà vaccinata contro il Covid-19 quando arriverà in Giappone nelle prossime settimane per le Olimpiadi. In tutto, quasi 700 persone, oggi con 272 atleti classificati, avranno le credenziali del Comitato Olimpico Brasiliano (COB) a queste Olimpiadi e attualmente il 92% di loro ha già ricevuto almeno la prima dose del vaccino. .

Daniel Alves ha ricevuto la prima dose del vaccino e rappresenterà il Brasile alle Olimpiadi di Tokyo – Foto: Rubens Cherry / Saupolovic

Molto vicino a questo, tra il 90 e il 100%, è molto probabile, abbiamo già il 92% delle persone che sono state vaccinate con la prima dose. Degli atleti dovremmo arrivare quasi al 95%, anche tenendo conto degli atleti che sono all’estero, perché abbiamo anche una partnership con alcuni Comitati Olimpici Nazionali per quegli atleti che vivono in altri paesi, per esempio Portogallo e Spagna – Sebastian Pereira spiega , Direttore delle alte prestazioni al COB e vice capo della missione a Tokyo.

Il Brasile ha ricevuto circa 2.000 dosi di Pfizer, donate dal Comitato Olimpico Internazionale, per vaccinare tutti coloro che parteciperanno alle Olimpiadi di Tokyo, che inizieranno entro un mese. Ma ci sono anche atleti e membri di comitati tecnici che sono stati vaccinati all’estero, in virtù di accordi con comitati olimpici come Spagna e Portogallo, o che hanno potuto ricevere dosi in Paesi dove la vaccinazione è già avvenuta, come gli Stati Uniti.

Isaquías Queiroz prende la seconda dose del vaccino a Belo Horizonte – Foto: Social Media – 4th Military District / Disclosure

Quel 5% che non raggiungerà il Giappone ed è stato vaccinato si divide in: alcuni atleti non vogliono ricevere il vaccino; Alcuni giocatori, come la squadra di calcio maschile, non hanno ricevuto a causa della mancanza di organizzazione della Confederazione calcistica brasiliana o della presenza di club nello stesso luogo durante il periodo di 21 giorni; E sono rari i casi di chi si trova in paesi, senza essere residente, dove non viene vaccinato finché non ha avuto la possibilità di farsi le vaccinazioni. Tuttavia, la UEFA ha raggiunto accordi per vaccinare atleti e allenatori in molti paesi, dall’Italia alla Danimarca o alla Serbia.

– Riteniamo che con questo gruppo, che è composto da circa il 100% della delegazione brasiliana, insieme alla delegazione annunciata dal Comitato Internazionale, l’80% di quelli vaccinati in tutta la famiglia olimpica, ci sia grande sicurezza ai Giochi – conclude Sebastian Pereira.

Il Comitato Olimpico Internazionale afferma che circa l’80% dei partecipanti a queste Olimpiadi sarà vaccinato, ma non richiede la vaccinazione di atleti, giornalisti o volontari, nonostante la fornitura di vaccini a tutti gli accreditati ai Giochi. Il Giappone è in stato di emergenza da diversi mesi, con restrizioni alla circolazione che includono eventi sportivi. Finora, il 16% dei giapponesi ha ricevuto almeno una dose del vaccino. Tuttavia, solo il 6% è completamente immunizzato

READ  Le banche digitali stanno guadagnando più spazio durante la pandemia e rimangono ai vertici del mercato finanziario ⋆ Portal Comunique-se