Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il G7 delinea un piano infrastrutturale per competere con la Cina | Scienziato

Il Gruppo dei Sette, un gruppo delle sette democrazie più ricche del mondo, ha cercato questo sabato (12) di contenere la crescente influenza di Cina, presenta ai paesi in via di sviluppo un piano infrastrutturale per rivaleggiare con l’iniziativa del presidente Xi Jinping.

Il Gruppo dei Sette, i cui leader si stanno incontrando nel sud-ovest dell’Inghilterra, sta cercando una risposta comune alla crescente offensiva cinese, che è stata in una spirale economica e militare negli ultimi 40 anni.

Presidente Stati Uniti d’AmericaE il Joe BidenLa Casa Bianca ha affermato che i leader del G7 sperano che il loro piano fornisca una partnership infrastrutturale per aiutare a restringere i 40 trilioni di dollari necessari ai paesi in via di sviluppo entro il 2035.

“Non si tratta solo di affrontare o affrontare la Cina”, ha detto un alto funzionario del governo Biden. “Ma non abbiamo ancora offerto un’alternativa positiva che rifletta i nostri valori, i nostri standard e il modo in cui operiamo”.

La Casa Bianca ha aggiunto che il G7 e i suoi alleati utilizzeranno l’iniziativa per mobilitare il capitale del settore privato in aree come il clima, la salute, la sicurezza sanitaria, la tecnologia digitale e l’uguaglianza di genere.

Non era immediatamente chiaro come avrebbe funzionato esattamente il piano o quanto capitale avrebbe alla fine allocato.

I critici affermano che il piano di Xi di creare una versione moderna dell’antica rotta commerciale della Via della Seta per collegare la Cina con l’Asia, l’Europa e oltre è un modo per espandere la Cina comunista. Pechino afferma che ciò riflette le “eredità imperialiste” di molte potenze occidentali che hanno umiliato la Cina per secoli.

I leader del Gruppo dei Sette – Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Germania, Italia, Francia e Giappone – vorrebbero sfruttare il loro incontro al resort di Carbis Bay per Mostrano che le democrazie più ricche possono offrire un’alternativa alla crescente influenza della Cina.

L’emergere della Cina come potenza mondiale è considerato uno degli eventi geopolitici più rilevanti degli ultimi tempi dopo la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, che pose fine alla Guerra Fredda.

L’economia cinese nel 1979 era più piccola di quella italiana, ma dopo l’apertura agli investimenti esteri e l’introduzione di riforme di mercato, è diventata la seconda più grande al mondo ed è leader mondiale in una serie di nuove tecnologie.

La Casa Bianca ha affermato che come parte del piano del G7, gli Stati Uniti integreranno i finanziamenti per lo sviluppo esistenti e “stimoleranno collettivamente centinaia di miliardi di dollari in investimenti infrastrutturali”.