Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il geofisico Roy Mora è un candidato astronauta perché fare scienza nello spazio è “superiore”

L’Agenzia spaziale europea ha aperto il 31 marzo un nuovo processo per il reclutamento degli astronauti, la scadenza per le domande è venerdì.

Con una laurea in geoingegneria e un dottorato in geofisica, Roy Mora ha superato l’età consigliata per fare domanda, ma ci proverà comunque, sperando che l’ESA ci riconsideri. Sostiene che un astronauta più anziano potrebbe essere un “oggetto di interesse” per gli esperimenti spaziali.

Poiché l’età non è un prerequisito per la nomina, l’Agenzia spaziale europea ha fissato un termine massimo di 50 anni per ogni astronauta arruolato per completare almeno due missioni prima del pensionamento.

Roy Mora ha 53 anni, ha un talento e una formazione in velivoli leggeri e ha un gusto per la “ricerca scientifica fuori dal laboratorio”. Il desiderio di partecipare a esperimenti scientifici è uno dei requisiti minimi richiesti ai candidati dall’Agenzia spaziale europea.

Lusa Roy Mora, che nel 2016 ha partecipato a un programma supportato dalla NASA che porta gli scienziati all’estremo tra l’atmosfera terrestre e lo spazio esterno per studiare l’atmosfera (il terzo strato dell’atmosfera). Successivamente, il ricercatore si è formato in esperimenti scientifici sulla microgravità e sulla geologia planetaria.

In combinazione con la “sfida” e il “fascino per la scoperta” in un “ambiente difficile da raggiungere” con “l’ambizione di vedere il “Pianeta Terra” dall’esterno”, è anche ciò che spinge il geofisico ad applicare.

Tra le “attività scientifiche” che vorrebbe svolgere nello spazio, evidenzia lo studio di come le onde sismiche si propagano in corpi celesti con gravità minore della Terra, come nel caso della Luna.

Se all’inizio l’età è un ostacolo alla loro scelta – dice “devo essere realista” – allora il paradiso non lo è.

READ  La Confederazione calcistica brasiliana annuncia le date e i luoghi dei turni 16-20 del campionato brasiliano

Rui Mora, che insegna alla Facoltà di Scienze dell’Università di Porto, è il “mentore scientifico” di un esperimento promosso dal programma portoghese-americano MIT Portugal che mira a indagare come le particelle metalliche si “raccolgono” in microgravità, all’origine delle formazione per esempio.

Il lancio del volo senza equipaggio contenente la scatola che consentirà lo svolgimento dell’esperimento è previsto per settembre, in una capsula per la compagnia aerea americana Blue Origin, il cui fondatore, Jeff Bezos, prevede di effettuare il suo primo volo turistico nello spazio il 20 luglio.

In entrambi i casi, è un volo suborbitale, in cui l’astronave raggiunge lo spazio, ma la sua traiettoria attraversa l’atmosfera terrestre senza completare l’intera orbita del pianeta.

Sui voli suborbitali, Roy Mora vede una “finestra di opportunità” per il Portogallo di avere, a breve termine, astronauti nello spazio diversi dall’Agenzia spaziale europea, le cui campagne di reclutamento sono state sporadiche. Ha indicato la possibilità di condurre esperimenti scientifici in un volo che richiede pochi minuti e ad un costo inferiore.

Consapevole dei pericoli che i viaggi spaziali possono comportare, il geofisico e professore “sarebbe molto orgoglioso e felice” se potesse dire alle giovani generazioni che “a causa della scarsità di accesso allo spazio”, per lo scienziato ne sarebbe valsa la pena. I risultati ottenuti.