Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il nuovo governo in Israele: vedi Q&A sulla possibile fine dell’era Netanyahu | Scienziato

Benjamin Netanyahu Sta per dimettersi da primo ministro Israele Dopo 12 anni al potere. leader dell’opposizione di centro Yair LapidMercoledì (2), sono riuscito a formare un’ampia coalizione che includeva persone di destra Naftali Bennett. Se confermato dal parlamento, cosa che dovrebbe avvenire la prossima settimana, i due ruoteranno come primo ministro israeliano.

La potenziale formazione del nuovo governo israeliano dovrebbe – almeno per ora – porre fine allo stallo che si è intensificato due anni fa, quando Netanyahu non è riuscito ad aggrapparsi alla coalizione di destra che lo ha mantenuto al potere.

Gli oppositori stanno organizzando la formazione di un nuovo governo in Israele

Sebbene sia riuscito a formare una coalizione per un nuovo governo, Il gruppo anti-Netanyahu affronterà la sfida della coesione anche con questi diversi gruppi politici: Ad esempio, ci sono nazionalisti israeliani e arabi nella stessa coalizione, in un momento di tensione tra Israele e Palestina.

In questo articolo vedrai:

  • Netanyahu ha già lasciato il potere?
  • Perché è difficile formare un nuovo governo in Israele?
  • Come ha fatto Netanyahu a non rimanere al potere?
  • Come si è formata questa alleanza?
  • In quale contesto avviene questo cambiamento?
  • Chi è Naftali Bennett?
  • Chi è Yair Lapid?

Netanyahu ha già lasciato il potere?

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu prima di iniziare a testimoniare nel caso di corruzione a Gerusalemme – Foto: AP Photo/Reuven Castro, Pool

No. Netanyahu resta primo ministro almeno fino alla prossima settimana, quando la Knesset – parlamento – dovrebbe riunirsi per ratificare la nuova coalizione che formerà il nuovo governo.

Il primo ministro in carica può ancora persuadere i legislatori a rifiutare l’alleanza Lapid-Bennett. Al momento, questo è improbabile: dopotutto, proprio questa alleanza significa che l’opposizione è riuscita a formare un blocco di maggioranza in Parlamento.

Perché è difficile formare un nuovo governo in Israele?

Panoramica della Knesset, parlamento israeliano, novembre 2019 – Foto: Menachem Kahane/AFP

Per comprendere l’impasse politica israeliana, è necessario capire come funziona la formazione del governo israeliano.

Israele è uno stato parlamentare che elegge 120 membri del Congresso alla Knesset in ogni elezione – il nome dato al parlamento israeliano. Dopo le elezioni, il partito che ottiene 61 seggi dal presidente ottiene il diritto di nominare un primo ministro.

Di recente, con la frammentazione elettorale in Israele, è stato difficile per un partito unico raggiungere i 61 seggi. Pertanto, sono le alleanze che determinano quale gruppo avrà il potere di scegliere il primo ministro israeliano.

Quando la leadership del partito è più vicina a raggiungere quella maggioranza parlamentare, il presidente di Israele – il cui ruolo è più cerimoniale – dà a quel leader un lasso di tempo per stringere alleanze con altri partiti. Se ciò non avviene in tempo, il presidente può convocare una dirigenza dell’opposizione per cercare di formare un governo o si possono tenere nuove elezioni إجراء.

E cosa è successo a Netanyahu?

Benjamin Netanyahu presenta agli ambasciatori in una base militare israeliana a febbraio – Foto: REUTERS/Sebastian Scheiner

Nel 2019, il partito Likud di Netanyahu ha annunciato, Di fronte a un’elezione molto serrata bianconeraLa leggenda dell’avversario Benny Gantz. Con una leggera differenza, il presidente Reuven Rivlin ha dato all’allora primo ministro il diritto di formare un governo e mantenere la sua posizione, Ma l’alleanza non si è concretizzata.

La situazione in quel momento aveva un nome: Avigdor LiebermanIl leader del partito nazionalista Yisrael Beiteinu, che era uno dei principali alleati di Netanyahu. Il discorso militare di Lieberman si è scontrato con un’altra base della coalizione del Primo Ministroتحالف: ebrei ortodossi che rifiutano il servizio militare obbligatorio.

Di conseguenza, sono state indette nuove elezioni per la seconda metà del 2019. Senza successo, un’altra elezione – la terza in meno di un anno – si è svolta nel marzo 2020. Il risultato è stato simile, ma molto dovuto alla pandemia di coronavirus. Netanyahu e Gantz hanno deciso di formare una coalizione ampia e temporanea.

Questa alleanza, però, Presto è stato risolto a causa di vari disaccordi tra i due leader. Così, La quarta elezione era in programma Nel marzo 2021. Questa volta, un altro nome era il capo di Libra: Naftali Bennett, un milionario di destra che era molto vicino a Netanyahu e guida il partito Lamina.

Come si è formata questa alleanza?

Naftali Bennett e Yair Lapid, nelle foto del 24 marzo. I politici hanno formato una coalizione che potrebbe governare Israele – Foto: Ammar Awad/Amir Cohen/Reuters

Le elezioni del marzo 2021 si sono concluse con il Likud di Netanyahu che ha vinto 30 seggi su 120. Nonostante fronte visibileIl risultato è stato considerato negativo per le richieste del Primo Ministro. È stato persino invitato a formare una nuova coalizione, ma fallito.

Al secondo posto c’era il partito di 17 posti di Yair Lapid, Yesh Atid, che era già in movimento per cercare di formare una coalizione. E quindi , Il presidente Rivlin gli ha chiesto di provare a cucire la maggioranza.

In un primo momento, Naftali Bennett – il cui partito Yamina ha vinto sette membri del Congresso – ha rifiutato di sostenere Lapid. Sebbene non sia venuto ad annunciare il suo sostegno al suo ex alleato Netanyahu, la destra non vedeva di buon occhio la formazione di un governo con leader più centrali e gruppi arabo-israeliani. Questioni come la selezione dei giudici erano un enorme ostacolo per i politici.

Ma Lapid e Bennett hanno deciso di condividere il potere come segue:

  • Bennett sarà primo ministro per i primi due anni del suo mandato
  • Lapid assumerà la carica per i prossimi due anni

Un’altra caratteristica degna di nota di questa alleanza in Israele è l’ingresso nella United Arab List, un piccolo partito islamista – e questa sarà la prima volta che una tale alleanza ha incorporato la base dominante.

In altre parole, è stata formata un’ampia coalizione per rimuovere Netanyahu dal potere, con gruppi diversi dalla politica israeliana, che affronteranno la sfida di mantenere la coalizione per non gettare Israele in una nuova situazione.

In quale contesto dovrebbe avvenire questo cambiamento?

Scie luminose dal sistema antimissile israeliano ad Ashkelon, 11 maggio 2021 – Foto: Nir Elias/Reuters

Se il nuovo governo sarà approvato, assumerà le sue funzioni mentre la regione si riprenderà dagli scontri tra l’esercito israeliano e le milizie palestinesi nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania. Si stima che più di 200 persone siano state uccise nei combattimenti. La tregua continua, ma le tensioni restano.

È probabile che questo sia un punto di crisi nell’ampia coalizione di nazionalisti israeliani e arabi islamici. Non è chiaro come i gruppi affronteranno queste differenze se il nuovo governo entrerà in vigore.

Dal punto di vista economico, Israele è tornato alla vita normale dopo il successo del piano di vaccinazione contro il Covid-19. Il numero di casi di coronavirus nel Paese è molto basso e i nuovi decessi sono praticamente in calo.

Con la formazione di un nuovo governo, anche il futuro di Netanyahu sarà incerto: è responsabile di corruzione, nei casi legati a tangenti e frodi. La decisione finale dipenderà ancora dal processo, che è già ripreso.

Naftali Bennett, leader del partito Lamina, al parlamento israeliano a Gerusalemme il 30 maggio – Foto: Yonatan Sindel / Pool via AP

Naftali Bennett, 49 anni, è stato uno dei migliori consiglieri di Netanyahu fino alle sue dimissioni da primo ministro. Guida il partito Yamina, conservatore e nazionalista, con un appello militare e religioso.

Milionario e esperto di tecnologia, Bennett si considera più di destra di Netanyahu. Ma ha detto che l’ex alleato stava “usando l’odio e la polarizzazione come strumento politico”.

Un potenziale punto di tensione sarebbe la posizione alquanto dura di Bennett nei confronti della Palestina: si oppone alla creazione di uno stato palestinese ed è stato uno dei più grandi sostenitori dell’occupazione israeliana della Cisgiordania prima di entrare in politica.

Yair Lapid, candidato del partito di opposizione Yesh Atid, vota a Tel Aviv alle elezioni israeliane – Foto: Corina Kern / Reuters

Lapid, 57 anni, guida un gruppo centrale dopo essersi fatto un nome come giornalista e presentatore televisivo. È stato eletto per la prima volta in parlamento nel 2013, e il suo partito Yesh Atid – che significa “c’è un futuro” – sta guadagnando particolare trazione tra la classe media non religiosa.

Lapid è diventata una delle più grandi voci che si oppongono a Netanyahu, ma il nome è stato oscurato da Benny Gantz nelle elezioni del 2019 e del 2020. Quando Gantz si è unito a Netanyahu in un’offerta fallita per un’ampia coalizione durante la pandemia, il centrista ha guadagnato importanza.

READ  Tank Drone fornisce aerei da combattimento militari a metà volo negli Stati Uniti; guarda | Scienziato