Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il presidente colombiano invia rinforzi a Cali dopo nuovi scontri nella regione | Scienziato

Scontri innescati dallo sciopero generale in Colombia: otto feriti domenica a Cali (9). Gruppi di civili armati hanno sparato ai manifestanti che facevano parte del movimento indigeno, che stava protestando contro il governo del presidente Ivan Duque.

I giornali locali hanno riferito che tutti i feriti erano indigeni e che gli otto feriti erano in condizioni critiche.

Il blocco ha causato carenze di prodotti e forniture nell’area, che ha aumentato la tensione nella terza città più grande della Colombia, che ha una popolazione di 2,2 milioni di abitanti.

Il presidente invierà rinforzi

Ivan Duque, Presidente della Colombia – Foto: UNTV tramite AP

Il presidente Ivan Duque ha autorizzato l’invio di rinforzi alle forze generali “per garantire l’ordine pubblico nella città e fornire la calma alla popolazione”. Ha ordinato la rimozione della squadra guidata dai ministri della Difesa Diego Molano e dal ministro dell’Interno Daniel Palacios.

Duke ha anche emanato misure per limitare le leggi sulla circolazione e la circolazione nella regione.

L’esercito nazionale ha garantito il dispiegamento di 2.100 uomini e 10.000 altri uomini della polizia nazionale per garantire il ripristino della sicurezza nell’area.

“Famiglie ricche di Cali si sono unite alla polizia (…) hanno sparato indiscriminatamente contro il movimento indigeno”, ha detto il deputato Feliciano Valencia, un leader indigeno.

L’Associazione indigena Cabildo del Norte del Cauca (ACIN) ha riferito che l’attacco è avvenuto nel settore di Canas Gordas, sulla strada che collega Cali a Jamundi, nella provincia della Valle del Cauca.

L’organizzazione ha detto che “le molestie ai civili armati continuano con i complici dell’esercito, della polizia e della squadra antisommossa mobile Asmad”.

Cali è una grande città nel sud-ovest della Colombia, vicino alla costa del Pacifico, che è stata un corridoio del traffico di droga e ha dovuto affrontare problemi di sicurezza per decenni, dalle bande ai gruppi armati organizzati.

A causa delle disuguaglianze, la situazione a Cali è peggiorata a partire dal 28 aprile, primo giorno di uno sciopero nazionale indetto dai lavoratori centrali e dalle organizzazioni studentesche, a cui si è unito il movimento indigeno.

I manifestanti hanno bloccato le strade, installato barricate ed espulso la forza generale, incapace di controllare gli eccessi.

La polizia della capitale di Cali ha accusato la popolazione indigena di saccheggi, vandalismo e “istigazione al terrore”.

READ  Bambini rapiti da scuola in Nigeria | Scienziato