Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il vaccino con diverse dosi antigov crea polemiche in Italia – Eboca negatios

La Lombardia ha interrotto la campagna con vaccini diversi dalla prima dose (Foto: Denia Rocco / Agensia Brasile)

O applicazione Vaccini Diverse modalità per completare le vaccinazioni degli italiani che hanno ricevuto la prima dose antigovernativa di AstraZeneca sono state oggetto di dibattito in Italia nei giorni scorsi. Questo perché alcune parti del paese, in particolare la Lombardia, non sono d’accordo a mescolarsi con agenti immunitari.

La polemica è iniziata la scorsa settimana dopo una conferenza stampa tenuta dal Comitato Italiano per la Tecnologia e la Scienza (CDS), il Ministero della Salute e la Commissione di Emergenza del Govt-19 per raccomandare i dosaggi di VoxVerea e Astrogeneka dell’Università di Oxford solo per le persone anziane 60 e oltre.

Questa misura determina se l’uso di vaccini MRNA nel paese di Pfizer / Bioentech o Moderna è indicato per i minori di 60 anni. Per coloro che ricevono la prima dose di AZ, CTS si riferisce anche ai vaccini che utilizzano l’RNA messaggero della seconda dose.

Il cambiamento è avvenuto dopo che una donna di 18 anni è morta per un coagulo di sangue giovedì (10 maggio) dopo aver ricevuto una dose iniziale di AstraZeneca. Secondo un resoconto dei media italiani, la giovane donna soffriva di trombocitopenia autoimmune (cioè aveva un basso numero di piastrine nel sangue) ed era in doppia terapia ormonale.

A seguito di questo caso, a tutti i minori di 60 anni che hanno ricevuto una dose iniziale di AstraZeneca è stato raccomandato di assumere un vaccino diverso per la loro seconda dose, indicando un “alto allarme”, non ultimo, perché gli studi indicano che il rischio/beneficio è positivo e che il vaccino è approvato per l’intera popolazione, affermano i funzionari sanitari.

READ  La stampa italiana presenta la proposta del Benfica per Hysaju

Oggi (14), questa decisione è stata approvata anche dall’Agenzia Italiana del Farmaco (IFA) perché c’è stato un aumento significativo della risposta anticorpale alla combinazione di agenti immunitari. Approvato “in base a studi medici pubblicati nelle ultime settimane”.

Nonostante ciò, alcuni governatori hanno resistito e non hanno iniziato a rispettare la nuova regola in quello che viene chiamato il vaccino eterologo – l’uso della seconda dose con un vaccino antigozzo diverso da quello utilizzato nella prima somministrazione – nei loro posti di vaccino.

La Lombardia ha interrotto la campagna di immunizzazione con vaccini diversi dalla prima dose. Il governatore della Campania Vincenzo de Luca ha respinto la candidatura e ha detto che avrebbe vietato le vaccinazioni con AstraZeneca.

“Il vaccino eterologo è utilizzato da molte settimane da paesi importanti come la Germania, ma i risultati sono incoraggianti. Ci sono alcuni studi che dimostrano che la risposta immunitaria è addirittura migliore di due vaccini della stessa dimensione”, ha difeso il ministro della Salute Roberto. Speranza.

Oltre a Speranza, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha ribadito la necessità di seguire le raccomandazioni perché le regioni sono sicure, ed è stato colto di sorpresa dalla constatazione che solo uno su 100.000 riceventi di Vauxhavoria potrebbe produrre episodi tromboembolici.

La nuova mossa del governo nazionale è giustificata anche dal fatto che in Italia i vaccini MRNA sono insufficienti e l’UE non ha rinnovato l’acquisto dei dosaggi di AstraZeneca.

Tutti e quattro i vaccini anticovalenti approvati in Europa sono validi per l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) e non sono vietati dall’Agenzia europea di regolamentazione per l’uso di astrogeni.

READ  Ex deputato italiano condannato a 25 anni di reclusione per legami di gruppo

“Tutti i vaccini approvati dall’EMA, incluso AstraZeneca, mantengono un favorevole rapporto rischio-beneficio, specialmente per gli anziani e i vulnerabili, quindi dovrebbero essere usati in modo coerente”, ha detto a Marco Cavalieri l’ANSA, coordinatore della Task Force Vaccine dell’Ema.

Secondo lui, mentre i giovani sono stati finora vaccinati con AstraZeneca e sono in attesa di una seconda dose, “non ci sono ancora prove che i casi di trombosi siano legati a una seconda dose”. “Nelle prossime settimane, esamineremo i dati disponibili e ne prenderemo prova. Ad oggi, i dati preliminari saranno buoni”.