Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il Vaticano condanna il cardinale e i suoi collaboratori per investimenti fraudolenti

Vaticano, 3 luglio 2021 (AFP) – Il Vaticano ha annunciato, sabato (3), il deferimento di dieci persone, tra cui un influente cardinale, al Tribunale penale con l’accusa di vago finanziamento, tramite uomini d’affari italiani, di un edificio di lusso a Londra .

Il cardinale Angelo Besio, una delle figure più influenti in Vaticano e stretto collaboratore di papa Francesco, comparirà davanti al tribunale della Santa Sede dal 27 luglio, secondo un comunicato del Vaticano.

Pique, 73 anni, è sotto processo per appropriazione indebita, abuso di potere e corruzione di testimoni nel caso, i cui primi elementi hanno cominciato ad apparire sulla stampa italiana nel settembre 2019.

In una dichiarazione rilasciata sabato, il cardinale si è detto “vittima di un complotto” e ha affermato la sua “assoluta innocenza”.

L’influente cardinale era secondo nella Segreteria di Stato, l’amministrazione centrale della Santa Sede, quando a Londra nel 2014 iniziò il processo di acquisto dell’edificio.

Tra gli altri imputati c’è lo svizzero Rene Bruhlhardt, ex capo dell’Autorità per l’informazione finanziaria (AIF), la gendarmeria finanziaria della Santa Sede, che deve essere ritenuto responsabile dell’abuso di potere.

Sarà processato anche monsignor Enrico Crasso, ex direttore dell’eredità riservata del ministro degli Esteri, per racket e abuso di potere, un mana del valore di diverse centinaia di milioni di euro che proviene in gran parte da donazioni private alla Santa Sede.

L’investimento legato allo scandalo è un edificio di 17.000 metri quadrati nel quartiere alla moda di Chelsea a Londra, che è stato convertito in una cinquantina di appartamenti di lusso.

La prima partecipazione al progetto è avvenuta nel 2014 attraverso un fondo in Lussemburgo gestito dalla holding Raffaele Mincione.

READ  Minas Gerais e l'Italia per fare affari in un incontro virtuale

L’opaca gestione finanziaria, tra Svizzera e Lussemburgo, portò il Vaticano a porvi fine quattro anni dopo, acquistando l’intero edificio a Londra.

L’edificio era troppo caro, con avidi intermediari e grosse somme che si gonfiavano in fumo. Con altri investimenti sospetti, il danno al Vaticano ammonterà a centinaia di milioni di euro, secondo i media italiani.

Nel novembre 2019, papa Francesco ha ammesso alla stampa che c’era uno “scandalo” di corruzione all’interno del Vaticano. “Abbiamo fatto cose che non erano pulite”, ha lamentato il Papa.

La Santa Sede ha affermato sabato che il processo di costruzione a Londra “è direttamente collegato alle direttive e alla riforma di Sua Santità Papa Francesco a favore della trasparenza e della standardizzazione delle finanze vaticane”.

Il papa argentino è stato eletto nel 2013 per sistemare le finanze del Vaticano, una riforma difficile che ha incontrato resistenze all’interno di alcuni ministeri che gestiscono il denaro in modo molto indipendente e opaco.

Nel 2017, ha osservato che “riparare” la Curia Romana (il governo del Vaticano) significava “pulire la Sfinge egizia con uno spazzolino da denti”.

A tal fine ha creato nel 2014 la Segreteria Generale per l’Economia, ripulito la Banca Vaticana, dove nel 2015 sono stati chiusi 5.000 conti sospetti, ha curato le gare per le spese interne e affidato all’Amministrazione del Patrimonio Apostolico (APSA) i bilanci di diversi dipartimenti vaticani .

gab / ia / mab / tjc / bn / mr