Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Impronta di organi umani nello spazio? Sembra che la NASA stia per farlo accadere – 26/06/2021

Hai mai immaginato un organo protesico 3D nel mezzo dello spazio? Sembra una fantasia, ma è quello che la NASA sta per fare. L’agenzia spaziale statunitense ha annunciato i vincitori della sfida Sfida del tessuto vascolare, che mira ad accelerare la produzione di tessuto di organi umani in grado di sopravvivere a missioni a lungo raggio ea terra.

I ricercatori dell’eroe hanno utilizzato la stampa 3D per creare tessuto epatico umano in laboratorio. E lo hanno fatto. I progressi nella ricerca come questi contribuiscono direttamente al campo del trapianto di organi.

Lanciato nel 2016, include la NASA Challenge تحدي Investire 500mila dollari. Le due squadre vincitrici dell’Istituto alzarsi Giungla per Rinnovato medicinale, che ha già fatto notizia per lo sviluppo di una stampante 3D in grado di realizzare tessuti per l’uomo. Il terzo posto è ancora aperto per la competizione.

La proposta del concorso era che i partecipanti realizzassero un tessuto d’organo umano denso e vascolarizzato che potesse sopravvivere per 30 giorni, secondo le informazioni di PosizioneTecnica riconsiderando, dal MIT (Massachusetts Institute of Technology).

progetti

Le squadre vincitrici sono state nominate: Winston e WFIRM. Ognuno di loro ha usato metodi diversi per creare tessuti che potrebbero vivere all’interno del corpo umano, come gli organi normali.

La differenza principale era nell’angiogenesi, cioè come si formano i vasi all’interno del corpo. Un progetto ha utilizzato strutture di tubi e l’altro fatto di tessuto spugnoso per monitorare la rimozione dei rifiuti e il passaggio dei nutrienti.

Winston è stato il più grande vincitore e riceverà $ 300.000 USD (quasi 1,5 milioni di R$), oltre ad essere in grado di far progredire gli studi all’interno della Stazione Spaziale Internazionale – è vero, nello spazio.

READ  I club alzano il segnale di avvertimento e temono il contatto con il Flamengo nelle decisioni della "Liga"

D’altra parte, WFIRM ha guadagnato $ 100.000 (circa R $ 493.000). Chi ottiene il terzo posto riceverà anche $ 100.000.

Il presidente della WFIRM Anthony Atala ha dichiarato a “Technology Review” che la sfida che ha dovuto affrontare è stata una pietra miliare nel campo della bioingegneria. Entrambe le squadre sono riuscite a riprodurre il fegato, che, secondo il ricercatore, è uno dei tessuti “più complessi da riprodurre a causa del gran numero di funzioni”.

I risultati dei progetti potrebbero ancora aiutare gli astronauti nelle future missioni spaziali. D’ora in poi, il laboratorio della NASA lavorerà con Winston Trasferire nello spazio tutte le tecnologie sviluppate sulla Terra.

Ma quanto è importante?

La cosa più importante di tutte, ovviamente, è salvare vite. I dati del 2016 della Società brasiliana di trapianto di organi mostrano che solo in Brasile sono morte 2.300 persone in attesa di trapianto.

Studi come quelli supportati dalla NASA rappresentano un progresso, ma l’area rimane una sfida. In un’intervista con il sito web dell’agenzia spaziale, la direttrice del test Lynne Harper ha affermato che “il valore del tessuto artificiale dipende da come imita ciò che accade all’interno del corpo”.

Per Harper, “La ricerca risultante da questa sfida rappresenta un punto di riferimento e una base ben documentata per costruire il prossimo passo”.

Il problema principale da risolvere ora è la sopravvivenza a lungo termine del membro. Man mano che gli studi si spostano nello spazio, c’è il potenziale per capire di più sull’esposizione alle radiazioni, così come i dettagli, come mitigare i danni alle cellule sane durante il trapianto.

E non è l’unica

L’iniziativa di ricerca della NASA non è l’unica a guardare alle protesi extraterrestri. L’astronauta Christina Koch, nel 2019, ha creato un’azienda che cerca di stampare tessuti in microgravità.

READ  Rivelino commenta il lavoro di Sylvinho e dice che non giocherà per il club: hanno ucciso il Corinthians

La differenza con Project Koch è che non si tratta solo di stampa 3D. L’obiettivo è produrre tessuto cardiaco che possa essere trasportato e utilizzato dalle persone nei prossimi 10 anni.