Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

In Italia gli studenti delle scuole elementari ritrovano la via del ritorno a scuola, anche nella zona rossa

Mercoledì rientrano in classe tutti gli alunni delle scuole elementari italiane, anche nelle nove regioni classificate in zona rossa. Anche gli studenti universitari tornano in classe, ma solo nella Zona Arancione.

Articolo scritto da

Pubblicato

Aggiornare

Tempo di studiare: 1 minuto.

Questo è sicuramente un cambiamento in Italia. A differenza della Francia, dove le scuole sono chiuse da molto tempo, mercoledì 7 aprile gli studenti delle elementari tornano a scuola, anche nelle zone più gravemente colpite dall’epidemia del Govt-19, classificate in rosso su questo argomento. Solo gli studenti delle scuole medie delle zone arancioni tornano a scuola il mercoledì.

Inutile dire che genitori, studenti e insegnanti si sono mobilitati per chiedere la riapertura delle scuole. Per più di un anno l’Italia, inizialmente colpita dall’epidemia, ha chiuso completamente o parzialmente le sue scuole per 30 settimane. Non è salito al potere, Mario Tragi ha promesso di riaprire, quindi questo è un mese e mezzo dopo. Soprattutto, in ottime condizioni, spiega Antonello Gianelli, presidente dell’Associazione Dirigenti Scolastici: “Quello che è cambiato è il numero di persone vaccinate nel Paese e soprattutto il personale scolastico. Adesso quel numero è altissimo: siamo oltre l’80%!”

Come Antonello Giannelli, Mario Draghi spiega che la scuola non è fonte di inquinamento, almeno fino alle medie. Il capo del consiglio in particolare si è affidato allo studio dell’epidemiologa milanese Sarah Gandhi. “Abbiamo esaminato se l’andamento delle curve di inquinamento fosse correlato all’apertura o alla chiusura delle scuole e non abbiamo trovato una relazione statisticamente significativa., Lui spiega. La chiusura delle scuole non solo aiuta a controllare la diffusione del virus, ma provoca anche danni sociali e psicologici. ” In Italia, i presidi regionali non hanno più il diritto di chiudere le scuole.

READ  Scopri l'Italia Grazie per 4 siti eccezionali