Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

In un raro record, Hubble cattura la nascita di un esopianeta gigante: il Revista Galileo

Un’illustrazione di un esopianeta PDS 70b mostra la sua configurazione (Immagine: NASA, ESA, STScI, Joseph Olmsted (STScI))

A una distanza impressionante di 370 anni luce dalla Terra, nella costellazione di Centauri, il telescopio Hubble ha catturato la rara vista della nascita di un esopianeta delle dimensioni di Giove. Nei raggi ultravioletti, questo “altro mondo” sembra nutrirsi del disco di gas e polvere attorno alla sua stella ospite.

L’importante record è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Astronomical JournalQuesto giovedì (29). Poiché si tratta di un esopianeta, cioè al di fuori del nostro sistema solare, questo risultato è eccezionale.

Solo 15 di queste stelle distanti sono state osservate direttamente dai telescopi, sebbene più di 4.000 di esse siano state identificate negli ultimi decenni, secondo la NASA. Anche nelle foto migliori, gli esopianeti tendono ad apparire come piccoli punti, perché sono così lontani.

Invece, la nuova tecnologia UV di Hubble ha migliorato questo problema, che potrebbe aprire una nuova strada per la ricerca futura sulla formazione stellare che si trova in altri sistemi planetari.

L'osservazione del telescopio Hubble oscura la luminosità della stella centrale in modo che il PDS 70b possa essere osservato direttamente (Foto: Joseph Depasqual (STScI))

L’osservazione del telescopio Hubble oscura la luminosità della stella centrale in modo che il PDS 70b possa essere osservato direttamente (Foto: Joseph Depasqual (STScI))

L’esopianeta, chiamato PDS 70b, fa parte di un sistema in cui orbita attorno alla stella nana arancione PDS 70. Inoltre, c’è un altro nuovo pianeta, all’interno di un disco di polvere e gas, che circonda anche il corpo luminoso, che è 3000 volte più illuminato da Urano a lunghezze d’onda ultraviolette.

Le immagini di un esopianeta sono state elaborate rimuovendo questo intenso bagliore dalla stella nana arancione. Pertanto, solo la luce della stella stessa potrebbe essere studiata, aumentando il limite di quanto il pianeta è vicino alla sua stella nelle osservazioni.

READ  Il Flamengo arriva a Buenos Aires per la prima volta a Libertadores contro il Velez Sarsfield | Fenicottero
Il Very Large Telescope (VTL) ha effettuato la prima registrazione della nascita del pianeta PDS 70b nel 2018 (Immagine: ESO, VLT, André B. Müller (ESO))

Il Very Large Telescope (VTL) ha effettuato la prima registrazione della nascita del pianeta PDS 70b nel 2018 (Immagine: ESO, VLT, André B. Müller (ESO))

“Questo sistema è entusiasmante, perché possiamo vedere un pianeta in formazione”, dice Yifan Zhou, ricercatore presso l’Università del Texas negli Stati Uniti, che ha guidato la scoperta. “Questo è il più piccolo pianeta reale che Hubble abbia mai fotografato dal vivo”, La situazione attuale.

Si stima che il PDS 70b fosse al culmine di 5 milioni di anni “giovani”. Passa il suo tempo a raccogliere materiali e ad assemblare messe. Gli scienziati sperano che il corpo lavorerà per insegnare loro come far crescere altri pianeti giganti, un’area di ricerca che deve ancora essere esplorata.

Attualmente, le osservazioni hanno permesso di misurare il tasso di aumento della massa del pianeta, rivelando che ha già accumulato fino a cinque volte la massa di Giove dalla sua nascita. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che il sistema planetario PDS 70 contiene un disco stellare che alimenta la crescita dei pianeti in tutto il sistema. È interessante notare che uno dei “mondi” nutriti in questa fase è un esopianeta PDS 70b, che – come se “affamato” – estrae materia dal disco più grande nel proprio disco di gas e polvere.