Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La bandiera del paese è polarizzata al di là delle differenze politiche

Nelle recenti discussioni sollevate nel contesto del CPI sulla gestione sanitaria della pandemia di covid-19, si può vedere il livello molto basso al quale le considerazioni scientifiche sono state presentate nella discussione pubblica. Famosi professori e capi delle autorità sanitarie hanno esposto insicurezze primarie e lacune riguardo alla performance “reale” della scienza.

Questo è un effetto riconosciuto a livello globale poiché la frammentazione della pratica scientifica è diventata sempre più limitata, poiché le riviste si espandono, digitalizzano ed espandono.

Recentemente, il problema del finanziamento delle riviste è tornato alla pratica del pagamento per articolo, o per traduzione “consigliata”. Lo stesso problema di finanza, utilità e giustificazione sociale ha portato all’appropriazione di questioni epistemologiche da parte della razionalità tecnologica.

Evidenziare questa classica differenza tra la ricerca di base, di carattere più generale, che svolge il ruolo di formazione dei ricercatori e di comunicazione interdisciplinare, e la ricerca applicata o focalizzata, che risponde a specifiche esigenze e interessi sociali o economici ben definiti.

In altre parole, prima della cosiddetta polarizzazione sociale, emersa nel 2013, la scienza stava già sperimentando le proprie polarità tra le scienze dure, le scienze “reali” come la fisica, la chimica e la biologia, e le scienze umane, come l’antropologia, sociologia e psicologia. All’interno di queste aree, è cresciuta la consapevolezza che razza, genere, classe ed etnia trascendevano i processi di giustificazione e riconoscimento nella scienza.

Il terzo livello di polarizzazione si trova all’interno dei dipartimenti, con una rigida gerarchia, una concorrenza accanita per aumentare i voti nei capi (e quindi ottenere benefici e più borse di studio) o per creare tendenze oggettive, copyright, se non ricerca, dominio.

In questo modo possiamo comprendere l’emergere della polarizzazione, basata sul disprezzo dei fatti e sull’interpretazione imprecisa delle idee, come parte della consapevolezza sociale che la scienza è più varia e divisa di quanto le nostre vane speranze di un’autorità unificata vorrebbero ammettere. .

READ  BRDE: Espaço Cultural BRDE organizza una mostra virtuale con attività per insegnanti

Si insinua così la tentazione, che è essenzialmente una richiesta di confessare, che se c’è una dicotomia, perché non dovrei difendere la validità delle mie personali convinzioni metafisiche? In fondo, se tutto può essere personalizzato secondo la volontà del consumatore, perché non imporre la stessa punizione e una maggiore legittimità di pensieri e convinzioni sulla stessa azione?

Per affrontare questa rete di problemi è interessante aggiungere i modelli proposti da Axelroad [1] Per comprendere la polarizzazione in generale. A tal fine, distingue nove tipi di polarizzazione: sparsa, dispersa, per copertura, regionale, in comunità fratturate, per differenziazione, per divergenza, per conformità di gruppo e per dimensione di parità.

Per contrastare questo pluralismo sono stati scavalcati tre paradigmi basati, rispettivamente, sulla diffusione culturale, sul consenso sociale e sulla struttura di trasmissione delle credenze. Questo porta al concetto di tratti polarizzanti di base, che sono i segni fisici della frattura della società.

Ad esempio, la “difesa della famiglia” è una caratteristica essenziale perché categorizza le persone. Mentre tutti sosteniamo la protezione dei nostri legami, l’espressione sostantivo si riferisce a quei “nemici” che “minacciano la famiglia”.

La polarizzazione basata sulla richiesta di parità, ad esempio razza o genere, risponde a un altro modello matematico e nessuno può spiegare la polarizzazione basata sulla localizzazione.

Tuttavia, ci sono associazioni regolari, ad esempio, una diminuzione della polarizzazione come frazione sociale, come sentiamo sempre più tra le famiglie brasiliane, può rappresentare un aumento della polarizzazione come consenso di gruppo, come a favore o contro la clorochina.

Tuttavia, quest’ultima forma di polarizzazione ha un peculiare effetto decrementale su altre polarizzazioni come la dispersione e la copertura (superiorità) o la discriminazione (superiorità delle abitudini culturali).

READ  E c'è ancora chi lo paragona a Busquets.

Il modello strutturale dell’equilibrio tra le polarizzazioni dipende dall’evolversi all’interno di uno spettro il cui orizzonte è la “visione estrema assoluta”. In altre parole, è come se il fenomeno della convinzione fosse primario, e quindi induce polarizzazione per disaccordo o unanimità, ma non interferirà con la polarizzazione per rottura nella società o nella dimensione dell’equivalenza.

Ciò si traduce in una conclusione di potenziale importanza per il contesto del Brasile e la posizione della polarizzazione scientifica al suo interno.

La controversia sulla polarizzazione non è un conflitto di tesi, ma una lotta tra diversi modelli di polarizzazione.

La destra tende ad aggregare polarizzazioni sparse (anti-corruzione), disperse (poveri apolitici) e divise (familiari), creando polarizzazioni “loro” che giustificano il potere interattivo di “noi”.

La sinistra invece coltiva la polarizzazione per discriminazione (superiorità morale e cognitiva), consenso di gruppo (partiti e movimenti sociali) e per scala di parità (requisiti identitari). Ma qui il vettore va da “noi” a “loro”.

Per questo le equazioni non si chiudono: la destra attacca i sinistri e li accusa di corruzione e arroganza. A sua volta, la sinistra accusa la destra di violenza e volgarità.

Ma quando si parla di scienza emerge una polarizzazione diversa, con le università viste come fraudolente e regionali (da qui la sistematica negazione delle nostre buone posizioni nelle classifiche internazionali).

Tuttavia, la pandemia di COVID-19 si è ulteriormente polarizzata per mettere in discussione la politica sanitaria internazionale, che è rappresentata dall’Organizzazione mondiale della sanità. Così come professori e studiosi, insieme ad artisti e giornalisti di sinistra, rappresentano l’élite economica senza carati, la destra. Gli imprenditori sarebbero ricchi, ignoranti.

Qui si scontrano due diverse logiche di polarizzazione: regionalismo di destra e differenziazione di sinistra. Tale ragionamento è controintuitivo in quanto, per quasi ogni altro soggetto, la sinistra tende a valutare il linguaggio popolare mentre la destra coltiva una gerarchia di distinzione e merito.

READ  Gave Tilt # 16: L'astronomia è importante, ma non tutti lo realizzano - 26/05/2021

Questo ci aiuta a capire perché professori, pensatori e ricercatori mettono in gioco la loro reputazione accademica, come se le loro opinioni quando si tratta di politica o sussidi per le politiche pubbliche e le loro convinzioni diventassero indipendenti e senza complicazioni da concetti e consenso. La pratica era già nella dichiarazione di Fernando Henrique Cardoso, che avrebbe detto: “Dimentica quello che ho scritto”.

La professionalizzazione della ricerca brasiliana, sulla base della valutazione e della produttività, delle unità abitative nei dipartimenti e nelle fattorie della conoscenza, ha portato allo sviluppo di un embrione di polarizzazione cognitiva, ma ha anche creato questo effetto collaterale di punire coloro che si impegnano nel dibattito pubblico , nel tentativo di tradurre la scienza in pratiche trasformative o critiche Politiche intermittenti, reazionarie e illogiche.

riferimento

[1] Aaron Bramson, Patrick Grimm, Daniel J. Singer, William J. Berger, Graham Sack, Stephen Fisher, Karissa Floken, Bennett Holman (2017) Comprendere la polarizzazione: significati, misure e modello Philosophy of Science Evaluation, Volume 84, Number 1, gennaio 2017.