Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La Cina entra nella storia e diventa il terzo paese a far atterrare un robot su Marte - 15/05/2021

La Cina entra nella storia e diventa il terzo paese a far atterrare un robot su Marte – 15/05/2021

Sabato, la Cina ha fatto atterrare con successo il suo robot telecomandato “Zorong” sulla superficie di Marte, in un evento senza precedenti per la nazione asiatica che riflette le sue aspirazioni spaziali sempre più ambiziose. Il risultato cinese è storico, poiché fino ad ora solo gli Stati Uniti e l’ex Unione Sovietica sono riusciti a far atterrare robot funzionanti sul Pianeta Rosso.

I cinesi hanno lanciato la loro missione senza pilota “Tianwen-1” dalla Terra alla fine di luglio 2020, in onore della sonda che è stata inviata nello spazio.

Consiste di tre componenti: una sonda orbitante (in orbita attorno alla stella), una sonda (che atterra su Marte) e un robot “Zhurong” a bordo.

La rete statale CCTV, che ha trasmesso un programma speciale intitolato “Nihao Huoxing” (Hello Mars), ha dichiarato che il “Tianwen-1 Lander è atterrato con successo nell’area designata” su Marte con il robot “Zhurong” a bordo. Ha ricevuto un “segnale” a terra.

L’atterraggio ha raggiunto il picco alle 7:18 (20:18 venerdì, ora di Brasilia) in un’area del Pianeta Rosso chiamata “Utopia Planitia”, una vasta pianura situata nell’emisfero settentrionale di Marte, secondo lo spazio cinese. Agenzia (CNSA).

Atterrare sul Pianeta Rosso è particolarmente difficile e in passato diverse missioni europee, sovietiche e americane hanno fallito. In molti casi, l’atterraggio su Marte ha avuto successo, ma non c’è stato alcun collegamento con la Terra.

La Cina aveva già provato a inviare una sonda su Marte nel 2011, in missione congiunta con la Russia, ma il tentativo fallì e Pechino decise di proseguire l’avventura da sola.

Questo è il primo tentativo indipendente e ambizioso dei cinesi, che sperano di fare tutto ciò che gli americani hanno fatto in varie missioni su Marte dagli anni ’60.

READ  Galaxy A32 5G: risorse ridotte, prezzo più alto per ogni rete che non utilizzi ancora | analizzando

A febbraio, la Cina ha posizionato la sonda “Tianwen-1” nell’orbita di Marte e ha scattato foto del pianeta rosso.

Sabato è riuscito ad atterrare il modulo di atterraggio sulla superficie di Marte, che permetterà al robot guidato “Zhurong” di partire.

Il completamento di queste tre operazioni nella prima missione su Marte non ha precedenti.

Origine pericolosa

Arrivare su Marte è stato un momento critico.

L’agenzia spaziale ha spiegato che una volta raggiunta l’atmosfera del pianeta rosso, la sonda “Tianwen-1” ha lanciato un paracadute per provocare un atterraggio pericoloso per diversi minuti.

Quindi, l’unità è stata installata a 100 metri sopra il tetto, per identificare gli ostacoli, prima di atterrare definitivamente.

Qin Lan, analista di GoTaikonauts.com specializzato nel programma spaziale cinese, ha spiegato che data la distanza dalla Terra, Tianwen-1 doveva “atterrare da solo” senza aiuto esterno.

Il pianeta rosso si trova a 200 milioni di chilometri dalla Terra, secondo i media cinesi, e il segnale impiega “18 minuti” per arrivare. “Quindi, in caso di problemi, nessuno sulla terra può aiutarti”, ha detto Chen all’AFP.

Ore dopo, il robot ha inviato un “messaggio” ai suoi “amici sulla Terra” tramite il social network cinese Weibo.

“Sono ancora nel carrello di atterraggio”, ha detto. “Non sono impaziente di scoprire cosa c’è su Marte.”

Lo “Zorong” pesa più di 200 kg, è dotato di quattro pannelli solari per alimentarlo con l’elettricità e prevede di essere operativo per un periodo di tre mesi.

Zhurong, sonda cinese in viaggio verso Marte

Foto: divulgazione / CNSA

È inoltre dotato di telecamere, radar e laser che consentono di studiare l’ambiente e analizzare la composizione delle rocce di Marte.

La missione su Marte cercherà anche possibili segni di vita passata.

Raggiungendo il pianeta rosso dopo alcuni mesi di perseveranza, la navicella spaziale della NASA, l’agenzia speciale degli Stati Uniti, è atterrata su Marte il 18 febbraio in missione alla ricerca di prove di vite passate.

Il nome “Zhurong” è stato scelto dopo una ricerca su Internet e si riferisce al dio del fuoco nella mitologia cinese. Il simbolismo è giustificato dal nome cinese di Marte: “Huxing”, letteralmente “pianeta del fuoco”.

Ambizioni spaziali

La Cina ha investito miliardi di dollari nel suo programma spaziale per cercare di mettersi al passo con Europa, Russia e Stati Uniti.

Nel 2003, ha inviato il suo primo astronauta nello spazio e ha lanciato satelliti per sé e per gli altri.

Nel 2019, un veicolo è atterrato sul lato opposto della luna, un altro risultato globale senza precedenti. L’anno scorso ha portato campioni dalla Luna sulla Terra.

Il gigante asiatico prevede di allestire una grande stazione spaziale entro il 2022 e spera di inviare le persone sulla luna entro dodici anni. La prima delle tre unità della stazione spaziale è stata lanciata alla fine di aprile.

Per completare la costruzione, la Cina prevede di lanciare dozzine di missioni, alcune delle quali con equipaggio.

La missione “Tianwen-1” ha inviato la sua prima immagine di Marte a febbraio: un’immagine in bianco e nero che mostra incisioni come il cratere Schiaparelli e il sistema della valle di Valles Marineris.