Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Otto bambini sono stati uccisi durante l’attacco israeliano a Gaza; TV Building Crollo | Scienziato

Fonti mediche hanno detto che dieci persone della stessa famiglia palestinese, compresi otto bambini, sono state uccise sabato in un bombardamento israeliano sulla Striscia di Gaza. Un bambino di cinque mesi è sopravvissuto.

Inoltre, un edificio di 12 piani nella Striscia di Gaza che ospita gli uffici della US Associated Press e la stazione del Qatar Al-Jazeera è crollato sabato dopo essere stato colpito da missili israeliani, hanno riferito Reuters e agenzie AFP.

I media palestinesi hanno riferito che un giornalista palestinese è rimasto ferito nell’attacco e che detriti e schegge volavano a una distanza di decine di metri.

Jawad Mahdi, il proprietario dell’edificio Al-Jala, ha detto che un ufficiale dell’intelligence israeliana lo aveva avvertito prima dell’attacco che aveva un’ora per lasciare l’edificio. Ha richiesto altri 10 minuti per i giornalisti per riempire la loro attrezzatura, ma la sua richiesta è stata respinta, secondo AFP.

“Un attacco israeliano ha distrutto l’edificio che ospitava gli uffici dell’Associated Press a Gaza”, ha detto su Twitter John Gambrel, corrispondente dell’agenzia di stampa. “L’esercito ha avvertito il proprietario dell’edificio in cui si trova l’ufficio AP che il sito sarebbe stato oggetto di un’esplosione”, ha scritto poco prima dell’attacco.

Un altro giornalista di AP, che ha chiesto di non essere nominato, ha detto che tutto il personale stava bene, ma era scioccato.

La rete televisiva Al-Jazeera ha confermato tramite Twitter che i suoi uffici erano nell’edificio e hanno trasmesso in diretta le immagini della torre che crolla e si trasforma in una montagna di macerie. L’edificio contiene anche diversi altri appartamenti e uffici.

Walid al-Omari, capo dell’ufficio di Al-Jazeera in Israele e nei territori palestinesi, ha detto all’Afp: “È chiaro che si è deciso non solo di provocare distruzione e morte, ma anche di mettere a tacere i testimoni”.

“Continueremo la nostra copertura giornalistica nonostante la distruzione”, ha detto Safwat Al-Kahlout, corrispondente del canale a Gaza.

Il CEO facente funzione di Al-Jazeera, Mustafa Sawaj, ha descritto l’attacco come “barbaro” e ha detto che Israele dovrebbe essere ritenuto responsabile. “Lo scopo di questo odioso crimine è mettere a tacere i media e nascondere gli innumerevoli massacri e le sofferenze della popolazione di Gaza”, ha detto in una nota.

Il portavoce dell’esercito israeliano Jonathan Conricus ha respinto l’idea che Israele stia cercando di mettere a tacere i media. “Questo è totalmente falso”, ha detto a Reuters, “i media non sono l’obiettivo”.

Conricus ha descritto l’edificio come un obiettivo militare legittimo, dicendo che conteneva l’intelligence militare di Hamas. Ha detto che Hamas potrebbe aver calcolato questo mettendo i suoi “beni” in un edificio con uffici di stampa, “forse si aspettavano che li tenesse al sicuro dagli attacchi israeliani”.

L’agenzia di stampa americana “Associated Press” si è detta “scioccata e intimorita” dall’attacco israeliano. “Questo è un evento molto preoccupante. Abbiamo evitato per un pelo una massiccia perdita di vite umane”, ha detto in un comunicato il capo della CIA Gary Pruitt. “Il mondo sarà meno informato su ciò che sta accadendo a Gaza a causa di ciò che è accaduto oggi”, ha aggiunto.

Il governo degli Stati Uniti ha detto di aver chiesto a Israele di garantire la sicurezza dei giornalisti. “Abbiamo informato direttamente gli israeliani che garantire la sicurezza dei giornalisti e dei media indipendenti è una responsabilità primaria”, ha scritto su Twitter la segretaria stampa della Casa Bianca Jane Psaki.

La democratica Rachida Tlaib, un membro democratico della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e figlia di immigrati palestinesi, ha accusato Israele su Twitter di prendere di mira i media in modo che “il mondo non veda i palestinesi che vengono massacrati”.

Una torre che ospita l’Associated Press e Al-Jazeera crolla a Gaza dopo un attacco missilistico su Gaza City il 15 maggio 2021 – Foto: Muhammad Salem / Reuters

Vive un bambino di 5 mesi

Fonti mediche palestinesi hanno detto che dieci persone della stessa famiglia palestinese, compresi otto bambini, sono state uccise sabato in un bombardamento israeliano di Gaza City.

L’attacco ha colpito la casa della famiglia Abu Hatab nel campo profughi di Shati. L’edificio di tre piani in cui si trovavano è crollato dopo i bombardamenti.

La madre ei suoi quattro figli sono morti tra i 5 ei 15 anni. Sono morti anche quattro cugini – di età compresa tra gli 8 ei 14 anni – e la madre, che li aveva visitati in occasione dell’Eid al-Fitr, che segna la fine del Ramadan.

I genitori, Alaa Abu Hattab e Muhammad al-Hadidi, che erano fuori dall’edificio, sono sopravvissuti, così come un bambino di cinque mesi ricoverato in ospedale. La bambina è sopravvissuta perché la madre è diventata uno “scudo umano” per proteggerla.

Muhammad Al-Hadidi ha detto che i bambini “erano al sicuro nelle loro case e non portavano armi e non lanciavano razzi”. Indossavano vestiti nuovi per Eid al-Fitr.

In una dichiarazione, Ismail Haniyeh, leader di Hamas, ha condannato “un terribile massacro nel campo profughi di Al-Shati”.

Da parte sua, l’esercito israeliano ha annunciato il suo attacco a “un certo numero di leader di Hamas” in un appartamento nell’area del campo profughi di Shati. Ha detto che “prende tutte le precauzioni possibili per evitare di colpire i civili” durante le sue operazioni, accusando Hamas “intenzionalmente” di usare i civili come “scudo” per proteggersi.

Tor Wennesland, l’inviato delle Nazioni Unite in Medio Oriente, ha risposto su Twitter: “I bambini continuano a essere vittime di questa escalation mortale. Ripeto che i bambini non dovrebbero essere esposti alla violenza o a rischio”.

Sabato Israele ha colpito la Striscia di Gaza con attacchi aerei e militanti palestinesi hanno lanciato razzi contro Tel Aviv e altre città. I diplomatici americani e arabi cercano di calmare la situazione, ma inutilmente (Leggi di più sotto).

Durante la notte, i militanti palestinesi hanno lanciato quasi 200 razzi contro le città israeliane e gli aerei israeliani hanno colpito obiettivi che sarebbero stati usati da Hamas, il gruppo islamista che gestisce Gaza.

I medici palestinesi hanno affermato che almeno 139 persone, compresi 39 bambini, sono state uccise a Gaza dall’inizio del conflitto lunedì. Israele ha registrato 10 morti, inclusi due bambini. Nella scala dei feriti, ci sono 1.000 palestinesi e 560 israeliani.

Il bombardamento israeliano ha ucciso più di 15 palestinesi a Gaza venerdì sera e sabato mattina, secondo i medici, compresa la famiglia palestinese.

L’esercito israeliano ha detto sabato che circa 2.300 razzi sono stati lanciati da Gaza in Israele da lunedì e le difese antimissile ne hanno intercettati circa 1.000 e 380 sono atterrati nella Striscia di Gaza.

Il bilancio delle vittime ha superato i 130 nel conflitto tra Israele e Gaza

Le sirene hanno suonato ripetutamente a Tel Aviv sabato e migliaia di israeliani si sono precipitati a rifugiarsi. I medici hanno detto che un missile ha colpito un condominio alla periferia di un centro commerciale a Ramat Gan, uccidendo una persona.

A Gaza, Akram Farouk, 36 anni, è fuggito da casa con la sua famiglia dopo che un vicino gli ha detto di aver ricevuto una chiamata da un ufficiale israeliano che gli diceva che il suo edificio sarebbe stato colpito.

“Non abbiamo dormito tutta la notte a causa delle esplosioni, e ora sono in strada con mia moglie ei miei figli che piangono e tremano”, ha detto.

L’esercito israeliano ha detto che i suoi aerei hanno bombardato i siti di lancio di razzi e gli appartamenti dei militanti di Hamas.

Gli israeliani hanno imparato a immergersi per proteggersi in qualsiasi momento del giorno e della notte. Nella città costiera israeliana di Ashdod, Mark Redman ha valutato i danni al suo edificio causati da un missile. “Vogliamo vivere in pace e tranquillità”, ha detto il 36enne, aggiungendo che doveva cercare di spiegare ai suoi tre figli piccoli cosa stava succedendo.

Hamas ha lanciato lunedì (10) razzi dopo le tensioni su un caso giudiziario per espellere diverse famiglie palestinesi da Gerusalemme est e in risposta agli scontri tra polizia israeliana e palestinesi vicino alla moschea di Al-Aqsa, il terzo luogo più sacro dell’Islam.

Le ostilità tra Israele e Gaza hanno coinciso con atti di violenza nelle comunità miste ebraiche e arabe in Israele. I templi furono attaccati e i negozi di proprietà araba vandalizzati e scoppiarono scontri di strada. Le perdite palestinesi si estendono anche oltre Gaza.

I palestinesi, che celebrano ogni anno il 15 maggio il “Disaster Day” – il loro sfollamento nella guerra del 1948-1949 che ha accompagnato l’istituzione di Israele – hanno riferito che 11 persone sono state uccise questa settimana nella Cisgiordania occupata, dopo scontri tra manifestanti e forze israeliane. .

L'inviato americano arriva in Israele per i colloqui di pace

L’inviato americano arriva in Israele per i colloqui di pace

Gli sforzi diplomatici regionali e internazionali devono ancora mostrare segni di fine delle ostilità. L’Egitto, che ha guidato lo sforzo regionale, ha inviato ambulanze attraverso il confine con Gaza per trasportare le vittime palestinesi negli ospedali egiziani.

Hadi Amr, il vice sottosegretario al Ministero degli affari israeliani e palestinesi, inviato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, è arrivato in Israele venerdì, prima della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di domenica.

L’ambasciata americana ha dichiarato in un comunicato che l’inviato intende “rafforzare la necessità di lavorare per una calma duratura”.

Due fonti di sicurezza egiziane hanno detto venerdì che l’Egitto sta cercando un cessate il fuoco in modo che i negoziati possano iniziare. Il Cairo ha sostenuto Hamas e ha fatto pressioni sugli Stati Uniti per ottenere un accordo con Israele.

Venerdì un funzionario palestinese ha dichiarato: “I mediatori di Egitto, Qatar e Nazioni Unite stanno intensificando i loro contatti con tutte le parti nel tentativo di riportare la calma, ma non è stato ancora raggiunto un accordo”.

Venerdì gli Emirati Arabi Uniti hanno chiesto un cessate il fuoco e negoziati e hanno offerto le condoglianze a tutte le vittime.

A settembre, gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrain sono diventati il ​​primo paese arabo in un quarto di secolo a stabilire relazioni formali con Israele.

Scontri in Israele e Gaza