Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La criminalità organizzata tiene il Brasile in svantaggio nella classifica che misura la pace nel mondo; L’instabilità politica è una preoccupazione globale | Scienziato

Secondo l’edizione 2021 del rapporto, gli scontri tra trafficanti di droga e fazioni criminali hanno mostrato ancora una volta che il Brasile posiziona livelli allarmanti nella classifica che misura la pace mondiale. Indice di pace globale (GPI) Rilasciato questo giovedì (17).

Modalità sondaggio Brasile in posto 128. Nel rapporto 2020, Il paese è stato classificato 126. Nei criteri degli organizzatori dello studio, questa differenza è all’interno della stabilità.

Tuttavia, La classifica mantiene il Brasile a un livello considerato “basso di pace”Secondo il rapporto, che valuta 163 paesi in totale. Paese dietro ad altri che hanno vissuto conflitti nell’ultimo anno, come such Azerbaigian, o che si trovano in seri dilemmi politici, come Bielorussia.

Questa classifica si basa su un punteggio valutato sulla base di indicatori che vanno dalla criminalità urbana grado di stabilità politica. I ricercatori tengono conto anche della situazione economica di ciascun paese e dei meccanismi anticorruzione, tra gli altri fattori. Più piccolo è il mondo, maggiore è il grado di pace in quel paese.

Guarda i grafici sottostanti per vedere quali paesi hanno ottenuto il punteggio migliore e peggiore nello studio:

Classifica della pace: i primi 5 paesi

Il rapporto Global Peace Index valuta lo “Stato di pace” in 163 paesi. Più basso è il punteggio, maggiore è la pace.

Fonte: Istituto di Economia e Politica (IEP); Indice di pace globale 2021

Il brasiliano Paulo Pinto, ricercatore senior presso l’Istituto per l’economia e la pace (IEP) – l’ente responsabile dello studio – stima che i fattori che portano al deterioramento della pace in Brasile differiscano in relazione ai punti di preoccupazione nel resto del il mondo. .

“Quando si parla dei conflitti in corso nel mondo, si parla di guerre o rivoluzioni. Ma, in Brasile, questo indicatore ha un’altra connotazione, ovvero i conflitti con armi ad alta potenza tra contrabbandieri e organizzazioni criminali”, sottolinea. .

Questo spiega in parte perché i brasiliani sono i più temuti per la violenza al mondo, secondo un’altra classifica pubblicata lo scorso anno dall’IEP e dal Lloyd’s Register basata sui numeri del 2019. Oltre l’82,7% all’epoca si dichiarava “estremamente preoccupato” per la violenza, la percentuale più alta al mondo.

secondo osservatore di violenza, il sondaggio è stato realizzato da primo 1 In tutti gli stati e DF con dati sugli omicidi, il Brasile ha registrato un Gli omicidi aumentano del 5% nel 2020 rispetto all’anno precedente. Questo è il primo aumento dopo due anni di calo di quel numero.

Preoccupa l’instabilità politica nel mondo

Le forze dell’ordine bloccano e detengono i manifestanti dell’opposizione a Minsk, Bielorussia, settembre 2020 – Foto: Misha Friedman/Associated Press

globalmente, Lo stato di pace nel mondo è rimasto stabile, con un leggero calo dello 0,07% rispetto ai dati diffusi nel 2020. Gli autori avvertono che questa è la nona indagine, in una serie di 13 anni, in cui il Global Peace Index non è salito.

Il fatto positivo è che la violenza causata dal terrorismo è diminuita negli ultimi anni السنوات. Tuttavia, l’aumento delle tensioni politiche, sia interne che esterne, contribuisce a un aumento del senso di violenza: sia a causa di crisi nelle democrazie o proteste che si concludono con la violenza.

Ad esempio, file stato unito Ha registrato un peggioramento nelle classifiche di 163 paesi ed è apparso al 122° posto.

I manifestanti pro-Trump entrano a Capitol Hill per protestare il 6 gennaio – Foto: Saul Loeb / AFP

I sondaggisti lo attribuiscono in parte alle recenti crisi del Paese, come la violenza nelle manifestazioni e l’instabilità politica che ha causato. Poi il presidente Donald Trump ha rifiutato di riconoscere la sconfitta elettorale – Con conseguente violenza Invasione del Campidoglio a gennaio.

Situazioni come quella negli Stati Uniti all’inizio di quest’anno rappresentano una minaccia per la pace in tutto il mondo, afferma Paulo Pinto, ricercatore presso l’IEP. “È una tendenza globale”, L’esperto sottolinea altri punti di preoccupazione:

Qual è l’impatto del COVID-19?

La polizia arresta un partecipante a una protesta contro la riforma che consentirà al presidente Vladimir Putin di candidarsi per altri due mandati a Mosca nel luglio 2020 – Foto: Dimitar Delkov/AFP

Gli autori del sondaggio ritengono che sia troppo presto per descrivere nel dettaglio gli effetti della pandemia di coronavirus sul deterioramento della pace globale. sebbene, Lo studio indica che c’è stato, sì, un aumento della violenza in questo periodo.

Ancora una volta, una delle maggiori preoccupazioni dell’IEP è la stabilità politica ei disordini civili all’interno dei paesi. Vedi alcuni dei punti sollevati:

  • Proteste contro le misure di isolamentoQuesto ha mostrato la mancanza di fiducia nelle autorità sanitarie
  • Usare le leggi sulla pandemia come scusa per arrestare gli oppositori, come abbiamo visto in Russia (con l’arresto dei manifestanti anti-Vladimir Putin) e in Egitto (dove medici che protestavano per la mancanza di dispositivi di protezione sono stati arrestati per aver diffuso notizie false)
  • Violenza contro le persone di origine asiatica in aumento nei paesi occidentaliSoprattutto all’inizio dell’epidemia
  • preoccupazione per i casi di violenza domestica, È rafforzato dal periodo in cui le persone hanno dovuto rimanere a casa

Il ricercatore Paulo Pinto, dell’IEP, valuta l’uso abusivo di misure restrittive contro la pandemia come l’esito più preoccupante. “Questo potrebbe costituire un precedente – dice -. Se c’è una crisi internazionale, l’autorità vede carta bianca per l’uso della forza contro la popolazione”.