Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La femminista Sylvia Federici dice che le donne sono stanche

Come Sylvia Federici, 79 anni, filosofa italiana e una delle femministe più importanti del mondo, ha visto la frase scritta su un muro mentre stava per attraversare le strade di Buenos Aires durante un viaggio di lavoro all’inizio del 2019: “Lo chiamano amore. Lo chiamiamo lavoro non retribuito. Lo chiamiamo “. Inoltre, disegnare il vuoto di una donna.

Questa frase è stata scritta nel 1975 nel libro “Wages for Domestic Work” (Salary for Domestic Work, in Free Translation), riecheggia oggi. Secondo Federici, il custode della casa e della famiglia sostiene l’economia mondiale: un uomo lavora, e se i figli crescono per essere braccianti, dice loro. Per questo lavoro, che non fa parte dell’amore o della natura della donna, le donne devono essere pagate.

Federici, orgoglioso di vedere i suoi commenti diffusi, si alza davanti al computer durante un’intervista in videochiamata Tutti, Dal suo appartamento di New York, per mostrare una foto del muro argentino, che stampa e conserva sullo scaffale. “Sono contento di vederlo, ma dobbiamo ancora aprire la discussione”.

La filosofa è anche una delle partecipanti all’evento Women’s Post 2020, che discute di come l’epidemia di Covid-19 influenzi il presente e il futuro nella vita delle donne. Questo evento sarà trasmesso gratuitamente Tutti Il 26, 27 e 28 aprile è stato preso in considerazione dai giornalisti Ana Paula Badrio e Leah Risso e dal pubblicista Cristiano Dinez. Standard gestisce il progetto con più di 20 partecipanti al dibattito.

Per Federici la discussione sulla condizione delle donne nelle epidemie è importante perché si rendono conto di quanto vengono sfruttate. Secondo lui, le donne sono al centro dell’attuale crisi sanitaria.

READ  Chi possiede l'Inter? Incontra il milionario cinese

Donne Esplodere per la stanchezza. Kovit non ha creato questa crisi, esisteva già. Ma ora dirò che il 90% di loro riconoscerà che quello che fa a casa è lavoro

UNIVERSA – Parli della necessità che le donne paghino per l’assistenza domiciliare e familiare, almeno dal 1975. Qual è la differenza tra allora e adesso?

Sylvia Federici – Negli anni ’70, quando abbiamo lanciato la campagna “Salari per il lavoro domestico”, il problema principale per le donne era l’autonomia. È stato affermato che avremmo potuto lasciare la casa per lavoro. Ma abbiamo detto: “Stiamo già lavorando”. È stata una battaglia vedere l’attività domestica, non solo cucinare o prendersi cura dei bambini, ma creare personale. Non è normale che le donne si occupino della casa, che non è altro lavoro come la professione, ma non retribuito. Penso che il dibattito sia andato avanti, ma la domanda rimane ancora: come pagare la donna che si prende cura della casa? Non conosco la risposta, potrebbe essere con lo stipendio, il piano sanitario, con qualche tipo di servizio. Ma dobbiamo aprire questa discussione. I governi e le istituzioni devono essere mobilitati per collocare un qualche tipo di risorsa in questo settore.

Il movimento femminista ha ignorato questo problema concentrandosi maggiormente sull’importanza delle donne che lavorano fuori casa?

Tanto. Capisco perché, è stato visto come liberatorio e molte donne sono state coinvolte nel fare soldi.

È bello essere umani, ma non considero lavorare al di fuori della liberazione. Quando usciamo di casa per andare al lavoro, ci portiamo dietro il problema. Abbiamo il nostro lavoro e poi di notte ci occupiamo della casa il sabato. La verità è che le donne non smetteranno mai di lavorare

L’epidemia del governo ha contribuito alla comprensione delle donne delle faccende domestiche? Ci saranno cambiamenti?

READ  Lder da mfia 'Ndrangheta comea collaborar com polcia italia - இன்டர்நேஷனல்

Direi che il 90% delle donne sono uomini che lavorano in attività domestiche – e anche gli uomini lo riconosceranno. Le donne esplodono di stanchezza. Vedo che ci sono due gruppi. Lavorare a casa, prendersi cura della casa, aiutare i bambini con gli studi, affrontare lo stress dei bambini depressi. L’altro deve andarsene perché ha un lavoro essenziale, ma deve tornare, prendersi cura della casa e ha paura di essere contagiato. Le donne sono al centro della crisi sanitaria. Spero che questo momento sia un avvertimento per noi per iniziare il cambiamento.

Credi che questo sia il momento in cui ci sono più donne nella storia?

Sì. In passato, in altre comunità, il lavoro riproduttivo, ovvero la creazione e la cura degli altri, la salute, le emozioni, la casa, ecc., Veniva svolto dalla comunità. Il capitalismo ha creato la solitudine. Durante le epidemie la situazione è peggiorata da tutte le parti.

Quando le scuole chiusero, le madri impazzirono. Oltre a tutte le solite faccende domestiche, ora non sono in grado di organizzarsi perché devono occuparsi dei bambini a casa, delle faccende scolastiche e della tristezza dei loro figli. Un altro problema è la violenza domestica, perché essere soli aumenta il rischio di essere ulteriormente attaccati. L’uomo intanto si dedica al suo lavoro

Qual è la differenza nell’impatto di questo problema tra donne bianche e nere?

Il libro “O Patriarcado do Calerio” di Sylvia Federici

Immagine: Revelation

Tutti i problemi che le donne bianche avevano erano così gravi con le donne di colore che dovevano sempre lavorare fuori casa perché il marito non aveva un lavoro o il loro stipendio era troppo basso. Inoltre, molte persone si prendono cura della casa di qualcun altro, quindi devono affrontare le doppie faccende domestiche perché devono anche prendersi cura della propria casa. Vivono con più insicurezza, hanno a che fare con il razzismo, lo stipendio medio è più basso e hanno un’aspettativa di vita più breve. Quindi abbiamo parlato qui, ma con meno soldi e più problemi.

Molte femministe bianche vedono la casa come il luogo che vogliono lasciare. Ma per le donne nere, l’unico posto in cui sono riconosciute come esseri umani, c’è un pericolo fuori

Nel tuo nuovo libro, “O Patriarcado du Calerio” (ed. Poitembo), pubblicato a marzo, dici che il lavoro riproduttivo è stato trascurato anche dai movimenti di sinistra. Perché queste missioni sono invisibili?

La sinistra e i critici del capitalismo vedono il lavoro svolto nelle aziende e negli uffici. La riproduzione, cioè la persona responsabile della riproduzione delle persone, è elencata come femmina e non produttiva. Non è stata vista come una priorità. Questo è un errore. Le donne portano il peso in tutto il sistema senza retribuzione. Questa idea ‘Ah, sei una ragazza? Allora pulisci casa, cambia i pannolini e vai in cucina ‘. Chiunque critichi il capitalismo deve mettere in discussione il lavoro riproduttivo perché l’intera struttura capitalista è stata stabilita sulla base della depravazione delle donne.

Cosa c’entra il lavoro domestico con la violenza domestica?

In un certo senso, lo Stato, la borghesia, vede il mandato e lo vede come colui che ha diritto sulla donna. È come se potesse controllarlo. Quando entra in casa e dice: “La cena non è pronta, la casa è sporca”, dice la voce dello Stato. E poiché è sfruttato dal capo, ma incapace di combattere con lui, assume la donna per riconquistare il suo potere. In questo contesto, il sesso è per loro una funzione, un cambio di lavoro. La donna non ha l’autorità di dire quando vuole o quando non vuole fare sesso. Quando si è sposato, è stato come ammettere che avrebbe fatto sesso ogni volta che voleva.

Per 50 anni sei stato critico nei confronti di chi ama le attività domestiche e gli assistenti familiari. Perché è così difficile creare questa associazione?

Con lo sfruttamento è una manipolazione che ci lega al nostro rapporto con l’uomo, che in molti casi è sottomesso. Ciò significa che non ci è permesso amare veramente. L’amore viene distrutto ogni giorno mentre la famiglia è formata dalla disuguaglianza di genere.

Ecco il tuo libro di maggior successo “Calibro E la maga “(Ed. Elephant), su come l’oppressione femminile è iniziata con il capitalismo. È necessario essere femministe e contro l’oppressione di genere e contro il capitalismo?

credo Esistono diversi tipi di femminismo, quindi parliamo al plurale. È Pro-capitalista, Qualcuno che vuole l’uguaglianza con gli uomini, ma senza cambiamento sociale. Questa è l’ONU di Hillary Clinton (Nazioni Unite). Ma non è mio. Per me, il femminismo è un movimento per il cambiamento sociale che combatte contro tutte le forme di disuguaglianza, come il razzismo. etarismo. Non siate come gli uomini perché anche loro sono sfruttati. Invece di competere nel mondo, collaboriamo gli uni con gli altri.

Il presidente Jair Bolzano (senza partito) non avrebbe assunto una donna con uno stipendio pari a quello di un uomo e, tra l’altro, ha indicato la gravidanza. Come vedi questa affermazione?

Mostra come quest’uomo valuta la vita. La donna ha bisogno di guadagnare di più per essere incinta. Immaginate se le donne scioperassero e venissero informate che non avrebbero più figli? L’umanità e il capitalismo finiranno. Quello che dice è una sciocchezza, non vede nell’avere un figlio un valore aggiunto, anzi, la madre va punita. Dice che è un peccato per i suoi sostenitori avere un presidente.