Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La guida italiana Sylvino è una fan della democrazia e ha risvegliato il suo amore tattico – 29/05/2021 – Sport

L’ex terzino e ora allenatore Silvino, 47 anni, non ha dimenticato una frase che ha detto di aver sentito da Gianluca Zambrotta, ex nazionale italiano, con cui ha giocato per il Barcellona tra il 2006 e il 2008.

“Brasiliano, perché siamo campioni?” “Perché abbiamo fatto bene la parte tattica”, ha detto l’italiano, che ha appena vinto il Mondiale 2006 in Germania.

È vero che è stato “rubato” – un termine che ha adottato nella sua prima intervista con Corinthians, martedì scorso (25), dopo aver richiamato l’attenzione sul fatto che stava continuamente armeggiando con una penna che aveva in mano e i suoi modi inarrestabili sulla sedia, un breve carriera finora con l’apprendimento Al Centro Tecnico di Coverciano, una scuola di riferimento nel calcio europeo, a Firenze, Italia.

“E’ un modo, una caratteristica. Non voglio essere così, ci sono momenti che mi danno fastidio, ma i miei piedi si muovono. Essere coinvolti nel mondo del calcio non è una perdita di tempo. Non abbiamo tempo da perdere ,” Lui ha spiegato.

Come assistente di Roberto Mancini all’Inter, si è reso conto che aveva anche bisogno di sviluppare il suo lato accademico. Fino ad allora, ha solo maturato esperienze lavorative, sotto nomi come Vagner Mancini e Tite, nei club e nella nazionale brasiliana.

“Ogni studio legato al calcio aiuta molto. L’Italia è un paese che ama questo e ha una grande conoscenza della tattica”, ha detto in un’intervista a ESPN, nell’agosto dello scorso anno.

Nella sede della Federazione Italiana a Coverciano, l’ottantenne Renzo Ulivieri, preside e uno dei docenti della scuola, ha trovato le risposte e gli spunti necessari per una nuova carriera.

“Hanno tutti i dettagli, tutto ciò che accade sul campo è molto apprezzato”, ha detto Sylvinho.

“L’uomo che insegna l’intero corso [Ulivieri] Ho lasciato cadere alcune grandi frasi, poi sono entrato nella complessità. Il calcio ha due fasi: con la palla e senza palla. Tu dici: “Giusto, il calcio è facile”. Poi è andato più in profondità. E in un’altra parte difensiva, ha parlato di difesa dell’uomo o dello spazio. Solo in seguito si è approfondito”.

READ  Botafogo x Remo: visualizzazione di sedi, squadre, appropriazione indebita e giudizio

Come allenatore, Olivieri ha risultati modesti. Forse la più grande è stata la sua occupazione in Serie B, la seconda divisione italiana, guidata dal Bologna, nel 1996. Il suo ultimo lavoro è stato nel 2008, al Regina. Da allora, è diventato il volto più famoso della scuola.

“Sono un grande fan di Socrate e Corinthian Democracy. Sylvinho era un ottimo studente. Insegniamo agli allenatori ad essere flessibili con l’idea di gioco. È chiaro che Sylvinho ha portato con sé la cultura calcistica brasiliana, mescolandosi con Europeo e italiano, è molto bravo anche a livello tattico” Foglia.

“Sono molto attento sul lato difensivo individuale [das equipes], con alternanza di segni umani e spaziali, segni rigorosi e sciolti”, spiega.

La democrazia, citata da Oliveri, è per lui più di una lontana ammirazione. Il movimento emerso negli anni ’80 guidato da Socrate, Casagrande e Vladimir, che ha sfidato la struttura autoritaria del club e la politica brasiliana, ha ispirato l’allenatore.

Renzo è rispettato nel paese per il suo insegnamento, ma anche per il suo lavoro di difesa della classe. Nel 2011 si è incatenato ai cancelli della sede della Federcalcio italiana (FIGC, per la sigla italiana), per protestare contro la rinuncia a allenamenti specifici per allenatori di categorie diverse da quelle dell’elite calcistica del Paese. La certificazione è diventata obbligatoria in Italia.

Giunto a Corinzi, Silvino ripeté il mantra del mentore difensivo. Ha elogiato il sorriso sul volto del giornalista che gli ha chiesto di tattica e il fatto che gli allenatori stranieri amano sottolineare le “linee superiori”, al punto da perdere la concentrazione.

“Grazie, ero così concentrato sulla domanda e ho perso il tuo nome”, ha detto il fan dei Corinthians, agitando freneticamente la penna tra le mani. Poi ha citato un estratto dal libro di Pep Guardiola, con cui ha lavorato a Barcellona: “4-4-2, per me è un numero di telefono, i pezzi si muovono”.

READ  Con Aguirre all'orizzonte, il Corinthians potrebbe tornare da un allenatore straniero 16 anni dopo, Lance

“Ho finito per parlare troppo”, era divertito, dopo quasi tre minuti di risposta, il più lungo dell’intera intervista.

La Florence School ha una tradizione tremenda. Esiste dal 1968 e ha formato nomi importanti del calcio odierno, come Carlo Ancelotti, Antonio Conte, Roberto Mancini e Massimiliano Allegri, oltre a personaggi storicamente importanti come Fabio Capello, Marcelo Lippi e Arrigo Sacchi.

“È molto preparato. Le domande messe in pratica, nel corso, ha reso il punto della presentazione in teoria. Sono rimasto colpito” Foglia L’ex centrocampista Toniho Cerezo, suo compagno di squadra.

Oltre a Cerezo, Sylvinho era accompagnato dall’ex terzino e centrocampista Mancini, che ha trascorso del tempo all’Atlético-MG e ha trascorso molto tempo nel calcio italiano. Altro collega è stato il centrocampista argentino, naturalizzato italiano, Mauro Camoranesi.

“Quello che ho notato per la prima volta, perché non lo conoscevo, è che è un tipo molto intelligente. Analizza tutto quello che fai. Siamo d’accordo su quasi tutto nel calcio”, ha detto Camoranesi. Foglia. “Il Brasile ha qualcosa di molto raro, che è il numero di giocatori che producono, ma non producono così tanti allenatori”.

Il passaggio dell’attuale dirigente di Alvenegro attraverso la scuola ha formato convinzioni. Il primo, è stato rivelato già in conferenza stampa: ha avvertito che non rinuncerà a giocare con la linea a quattro difensori, il suo sistema preferito. “C’è varietà nel sistema tattico, il che è positivo, ma parto dal principio di una rosa di quattro giocatori”.

Sylvinho si è laureato nel 2019, e da quando è stato al centro tecnico di Coverciano ha studiato ogni giorno di più. Al punto da seguire e decifrare il Getafe per la stagione 2019/20, guidato dal tecnico spagnolo Jose Bordalas, con uno schema che andava dal 4-4-2 al 4-4-1-1.

READ  Torino vs Parma il Campionato Italiano: dove guardare e le rose

“In Italia è tutto codificato, ma io te lo dico: senza passione non si fa nulla. Ho visto Guardiola, Titi, Mancini, il loro spirito ti entra. Gli occhi dei giocatori brillano”, ha raccontato in un’intervista al portiere.

Dedito alla perfezione, crede che agli atleti piaccia ascoltare “dettagli troppo ricchi” per accettare modifiche e correzioni tattiche. Ha segnato la sua carriera in un’occasione in cui ha sentito il suo allora compagno Guardiola ammettere di aver segnato non “l’ultimo uomo, ma il penultimo uomo”, a causa di un errore di movimento.

Prima di Corinthians, Sylvinho era solo un allenatore. A Lione c’erano solo 11 partite e meno di tre mesi, un’esperienza che si è conclusa bruscamente e ha messo in dubbio le sue capacità.

Ha portato qui tutto quello che ha imparato in Italia. Qui il lavoro che ha fatto con gli atleti è stato buono e loro erano in gran forma”. Foglia L’ex difensore Claudio Kacapa, oggi allenatore del Lione.

“Quello che ha sempre sottolineato è che non si può perdere tempo. Anche nell’intervallo tra un allenamento e l’altro, da un esercizio all’altro, non gli piaceva troppo tempo per ricominciare”.

Con un contratto fino alla fine del 2022, l’ex giocatore è ancora una volta sul terreno dove tutto è iniziato, l’occasione per applicare quanto appreso a Coverciano.

Spera di iniziare a dimostrare questa conoscenza domenica (30), alla Neo Química Arena, nella sua prima apparizione come allenatore per il club che lo ha allenato come atleta. La partita contro l’Atlético-GO, in programma alle 18:15, sarà trasmessa in TV in Premiere.