Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La mafia italiana perde gli aiuti svizzeri a favore della Covid

Un “Carabinierre” italiano detiene il busto contenente le ceneri del gangster Emmanuel Cipello, ucciso in un’imboscata a Napoli, in Italia. Keystone / Siro Fusco

L’emittente pubblica RTS ha riferito mercoledì che la mafia italiana ha trovato il modo per rubare milioni dalla Svizzera durante la pandemia di coronavirus.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 maggio 2021-15: 30

swissinfo.ch/fh

“Abbiamo scoperto che i soldi per le aziende in prestiti per aiutare Covid stanno andando all’estero molto rapidamente”, dice Nicoletta Della Valle, direttore dell’Amministrazione federale della polizia (Fedpol). “Sono le banche che ci informano di queste mosse”.

Ad oggi, l’Ufficio federale di comunicazione sul riciclaggio di denaro (MROS) stima che almeno 180 milioni di franchi svizzeri (199 milioni di dollari) in prestiti governativi siano stati trasferiti per compensare i danni finanziari della pandemia di coronavirus. È improbabile che questi soldi tornino in Svizzera.

Le forze dell’ordine antimafia temono anche che la mafia italiana possa beneficiare in modo significativo dei fondi dell’Unione europea destinati all’Italia per il recupero della Covid (220 miliardi di franchi svizzeri). In Sicilia, la potente organizzazione commerciale italiana Confcommercio sostiene che Cosa Nostra sta per impadronirsi dell’intera economia dell’isola.

Essere sottovalutato

Questo fenomeno è ancora difficile da rilevare in Svizzera. Ma Fedpol parla di molteplici forme di criminalità: traffico di armi, traffico di esseri umani, droga, denaro contraffatto, ricezione di merci rubate e riciclaggio di denaro.

“Lo abbiamo sottovalutato molto tempo fa”, dice Della Valle, soprattutto perché questi crimini vengono perseguiti a livello cantonale. “Li abbiamo trattati, dico, come crimini normali, e non abbiamo visto legami mafiosi. Ora, col passare del tempo, dopo aver analizzato i vecchi casellari giudiziari, ci siamo resi conto, ad esempio, che non si trattava di un omicidio, ma un crimine. Omicidio legato alla mafia “.

L’analisi della polizia ha aiutato a rivelare l’ampiezza e la profondità delle attività mafiose in Svizzera. I pubblici ministeri cantonali hanno confermato all’RTS che i casi di omicidio, frode e contrabbando di armi a Zurigo e nella Svizzera italiana indicavano collegamenti con la ‘ndrangheta calabrese.

A Ginevra, secondo i rapporti RTS, la mafia ha ottenuto successi nei settori dell’edilizia, della droga e del riciclaggio di denaro.

“La presenza della mafia italiana in Svizzera risale a più di 40 anni fa”, dice il presidente della Fedpol. “I suoi ex presidenti sono venuti in Svizzera, a Torgau, Bienna e Berna. Adesso i suoi nipoti fanno affari e sono in tutta la Svizzera. Ci sono gangster che parlano lo svizzero tedesco meglio dell’italiano”.

Alcuni resoconti dei media parlano di 400 persone legate alla mafia in Svizzera. Ma, secondo fonti RTS, questa è solo la punta dell’iceberg.

Per comprendere meglio il fenomeno mafioso in Svizzera, l’Università Italo-Svizzera ha aperto mercoledì il suo Osservatorio sulla criminalità organizzata.

READ  Il lancio del primo lotto di aiuti di emergenza per il 2021