Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La polizia haitiana annuncia l’uccisione e l’arresto di coloro che sarebbero stati coinvolti nell’assassinio del presidente | Scienziato

Un portavoce della polizia per HaitiLeon Charles ha detto lo scorso mercoledì sera (7) che quattro sospetti avevano partecipato all’assassinio del presidente Jovenel Moise Sono stati uccisi e altri due sono stati arrestati.

Ha anche affermato che tre agenti di polizia che erano stati catturati dal gruppo erano stati rilasciati.

Mosé È stato ucciso in una sparatoria a casa sua, nella capitale, Port-au-Prince, nelle prime ore di mercoledì. Nell’attacco, la First Lady Martin Moyes è rimasta gravemente ferita. Trasferito a stato unitoLa donna è stata ricoverata in ospedale in condizioni gravi ma stabili.

Il primo ministro ad interim del Paese, Claude Joseph. Ha detto in una dichiarazione che l’uccisione di Moyes è stata un “atto barbaro, disumano e ripugnante”.

“Un gruppo di persone non identificate, alcune delle quali parlano spagnolo, ha attaccato la casa privata del Presidente della Repubblica” intorno all’una di notte e “il Capo dello Stato è stato ferito a morte”.

Le lingue ufficiali del Paese che sta attraversando una grave crisi politica, economica e sociale (vedi sotto), è creolo francese e haitiano.

lui è Ha esortato i residenti a “calmarsi” e ha affermato che “la situazione della sicurezza nel paese è sotto il controllo della polizia nazionale haitiana e delle forze armate haitiane”.. “Sono state prese tutte le misure per garantire la continuità dello stato e proteggere la nazione”, ha aggiunto.

Dopo ore, Il primo ministro ad interim ha dichiarato lo stato di emergenza nel Paese. Non è ancora chiaro chi assumerà la presidenza di Haiti per i seguenti motivi:

Haiti sta attraversando una grave crisi politica, economica e sociale. Jovenel Moise ha sciolto il Parlamento e governa con decreto da più di un anno, dopo che il paese non è riuscito a tenere le elezioni legislative e ha voluto promuovere una controversa riforma costituzionale.

Il presidente di Haiti, Jovenel Moise, in una foto del 2019 – Foto: Retamal de Hector/AFP

L’opposizione lo ha accusato di cercare di aumentare il suo potere, compreso un decreto che limita i poteri di un tribunale che sovrintende ai contratti governativi e un altro che ha creato un servizio di intelligence affiliato solo al presidente.

Ha detto che resterà in carica fino al 7 febbraio 2022, in un’interpretazione della costituzione respinta dall’opposizione. Per loro il mandato del presidente è scaduto il 7 febbraio di quest’anno.

A febbraio, i funzionari statali si sono detti frustrati Un “tentativo di golpe” contro il presidente, che sarebbe anche il bersaglio di un attentato fallito (vedi video sotto).

In quel momento furono arrestate più di 20 persone, tra cui un giudice federale presso la Corte di Cassazione e l’Ispettore Generale della Polizia di Stato.

Il governo haitiano afferma di essere stato sottoposto a un tentativo di colpo di statoمحاولة

Il governo haitiano afferma di essere stato sottoposto a un tentativo di colpo di statoمحاولة

Problemi dopo le elezioni

La controversia sul licenziamento fu il risultato della prima elezione di Moyes. Eletto nell’ottobre 2015 per un mandato di cinque anni, in un’elezione annullata per frode, ha vinto una nuova disputa l’anno successivo ed è entrato in carica solo nel 2017.

Moise è stato eletto con 600.000 voti in un paese di 11,3 milioni di persone. Poco conosciuto prima delle elezioni, è riuscito a conquistare l’appoggio dell’ex presidente Michel Martelly.

Le elezioni legislative e municipali avrebbero dovuto svolgersi quest’anno, ma sono state rinviate al 2022. Con il vuoto di potere, Moyes ha mantenuto la sua posizione per rimanere in carica per un altro anno, nonostante le critiche dell’opposizione.

Il presidente haitiano Jovenel Moise a una festa nel 2018 – Foto: Dieu Nalio Chery / AP

Haiti è il paese più povero delle Americhe e ha una lunga storia di dittature e colpi di stato. Negli ultimi mesi ha dovuto affrontare una crescente crisi politica e umanitaria, con scarsità di cibo e violenze nelle strade.

Il PIL pro capite del paese è di 1.600 USD all’anno (circa 8.500 R$) e Circa il 60% della popolazione vive con meno di due dollari al giorno (Poco più di $ 10).

Con una popolazione di 11,3 milioni di abitanti, Haiti confina con la Repubblica Dominicana sull’isola di Hispaniola nei Caraibi e ha uno dei più bassi Indice di Sviluppo Umano (HDI) al mondo: 0,51.

Colonizzata nel 1492, dopo l’arrivo in America di Cristoforo Colombo, Haiti è stato il primo paese del continente a ottenere l’indipendenza e la prima repubblica a guida nera, quando rovesciò il dominio francese all’inizio del XIX secolo.

Il paese è stato già invaso e ha subito l’intervento degli Stati Uniti nel XX secolo e ha una lunga storia di dittatori, come François “Papa Duc” Duvalier e suo figlio Jean-Claude “Baby Duc”. Le prime elezioni libere del paese si sono svolte nel 1990, ma Jean-Bertrand Aristide è stato estromesso con un colpo di stato l’anno successivo.

– Foto: Amanda Pace/G1

Ucciso il presidente haitiano