Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La rottura dei brevetti sui vaccini non risolve il problema, afferma l’Unione Europea – Epoca Negucius

Ursula von der Leyen (Foto: Thierry Mons / Getty Images)

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha parlato venerdì (7) della violazione dei brevetti per un vaccino anti-virus, dopo un vertice con i leader del blocco europeo a Porto, in Portogallo.

L’incontro, a cui hanno partecipato 24 capi di Stato e di governo presenti, doveva discutere di questioni sociali fino al 2030, ma la conferenza stampa di Von der Leyen si è conclusa in gran parte con la questione dei vaccini.

“Penso che dovremmo essere aperti alla discussione, ma abbiamo bisogno di vaccini ora. Violare la proprietà intellettuale non risolverà il problema. Ciò che risolverà sarà la condivisione di vaccini, l’esportazione di dosi e gli investimenti per aumentare la produzione”, ha detto. Leader europeo.

Senza citare altri paesi, il tedesco ha commentato i paesi più ricchi – soprattutto Stati Uniti e Regno Unito – affermando che “l’Unione europea è l’unica regione democratica al mondo che esporta su larga scala”.

“Circa il 50% di ciò che viene prodotto in Europa viene esportato in 90 paesi, compreso Covax. Sono state esportate circa 200 milioni di dosi e circa 200 milioni di dosi sono state distribuite agli europei. Invitiamo tutti coloro che lavorano duramente nel dibattito sull’interruzione temporanea di brevetti per unirsi a noi ed esportare Gran parte

Von der Leyen ha anche affermato che non solo vuole investimenti per aumentare la produzione di sistemi immunitari in Europa, “ma intendo anche lavorare affinché le aziende farmaceutiche investano in capacità produttiva, ad esempio, nei paesi africani”.

L’agenda sociale

Il vertice di venerdì ha discusso, oltre alla questione dei vaccini, le sfide sociali che il blocco dovrà affrontare nei prossimi anni. Le definizioni saranno pubblicate nella cosiddetta “Dichiarazione di Porto” e hanno obiettivi dettagliati fino al 2030. Tuttavia, è stato stabilito che l’adozione e l’attuazione degli obiettivi non saranno vincolanti.

READ  La mafia italiana guadagna 2,2 miliardi di euro infiltrandosi nel turismo

Nel testo, i leader europei si impegnano “a mantenere le misure di emergenza”. [da pandemia de Covid-19] Anche quando necessario, promuovere un obiettivo per facilitare la creazione di posti di lavoro “nel blocco. Chiedono ancora al Consiglio europeo di approvare gli obiettivi dell’Agenda Sociale 2030, di cui il 70% dell’occupazione e il 60% dei lavoratori adulti sono associati alla formazione annuale sessioni.

“La Dichiarazione di Porto è un impegno per il futuro e la speranza. Oggi arriviamo alla conclusione che saremo in grado di raggiungere società più prospere ed eque tra loro, oltre a raggiungere gli obiettivi climatici e digitali, che abbiamo già raggiunto , e lavoreranno sulle nostre basi sociali ”, ha sottolineato il Primo Ministro del Portogallo, Antonio Costa.

Il documento rileva che i leader europei e le loro parti sociali accolgono con favore il piano d’azione europeo per i diritti sociali presentato dalla Commissione all’inizio di marzo, che delinea misure concrete per raggiungere obiettivi sociali. Il piano d’azione propone obiettivi per l’occupazione, lo sviluppo e l’inclusione sociale.

“Il piano d’azione aiuterà l’Europa ad affrontare le trasformazioni derivanti dai nuovi sviluppi nella sfera sociale, tecnologica ed economica e le conseguenze sociali ed economiche dell’epidemia. Aiuterà anche a garantire questo, nel contesto del doppio digitale, afferma il testo : “Il cambiamento climatico non lascerà indietro nessuno”.

Durante le discussioni, il primo ministro italiano Mario Draghi ha chiesto che l’economia sia più equa e includa l’intera popolazione.

“Molti paesi dell’Unione europea hanno un mercato del lavoro bidirezionale, che offre vantaggi ai lavoratori e agli uomini anziani che sono generalmente garantiti, a spese dei non assicurati, con donne e giovani. Questo sistema è altamente ingiusto e un ostacolo alla nostra capacità di crescere e innovare “, ha detto l’italiano.

READ  Chi è il gangster italiano noto come "il re della cocaina di Milano" arrestato in Brasile - 25/05/2021 - il mondo

Draghi ha anche criticato le “molte disparità” tra i paesi del blocco europeo.

L’Unione europea ha sempre fatto del suo modello sociale un motivo di orgoglio e il sogno europeo è quello di garantire che nessuno venga lasciato indietro.

Ma anche prima della pandemia, le nostre società e il mercato del lavoro erano frammentati. Disuguaglianza generazionale, disuguaglianza di genere e disuguaglianza regionale. “Questa non è l’Italia come dovrebbe essere, né l’Europa come dovrebbe essere”, ha aggiunto.