Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La telenovela messicana guadagna spazio su Globoplay

Potresti aver sentito la frase “Mexican Dramalhao”. Viene spesso utilizzato quando qualcuno esagera il trauma del conflitto emotivo o anche momenti banali della quotidianità. In generale, è accompagnato da un senso dispregiativo.

Il nome Dramalhão ha acquisito l’aggettivo messicano principalmente a causa delle telenovelas realizzate in Messico, che sono arrivate qui negli anni ’80, su iniziativa della SBT. A quel tempo, le emittenti brasiliane, in particolare TV Globo, avevano una solida struttura per la produzione in serie, con storie molto brasiliane, e il confronto diventava inevitabile. Ma, presto, su Globoplay arriveranno tre esempi di drammi prodotti dalla radio messicana Televisa – A Usurpadora, Maria do Bairro e Marimar. A loro si unirà il bel fiore della produzione nazionale: Tieta, Roque Santeiro, Vale Tudo, O Bem Amado, Caminho das Índias e Joia Rara – i recenti vincitori dell’International Emmy Award per la migliore telenovela.

Questo romperà la barriera tra ciò che è tradizionalmente sinonimo di standard di qualità e le trame messicane, che sono considerate inferiori, nonostante abbiano un posto prigioniero nel cuore degli spettatori. E trasformeranno queste produzioni in cult: sì, i reboot della telenovela hanno avuto questo personaggio da quando Canal Viva è stato creato, nel 2010, e quando nel 2020 Globo ha deciso di pubblicarlo tutto sulla propria piattaforma di streaming.

“L’arrivo dei classici messicani su Globoplay taglia il paradigma del ‘Brasile in una telenovela, telenovela in Brasile’.” Questa è l’opinione di Mauro Alencar, dottore in Teledrammaturgia brasiliana e latinoamericana dell’Università di San Paolo che ha scritto la sua tesi di dottorato America Latina: Paraíso das Telenovelas, nel 2004.

“Piattaforme come Netflix, Amazon Prime Video, Disney+, Paramount+, il nuovo HBO Max e molti altri stanno cambiando completamente il profilo del produttore di contenuti e del consumatore. E la più grande prova di questo cambiamento radicale potrebbe risiedere proprio qui: Globo, anche se in Globoplay, molto affermata e patriottica, ha mostrato ciò che per decenni era stato ferocemente osteggiato in termini di estetica e narrativa: la telenovela messicana” aggiunge.

I tre prodotti fortemente legati a SBT — A Usurpadora, per esempio, sette volte per canale — saranno inseriti nel catalogo della piattaforma entro la fine dell’anno, con lo stesso doppiaggio trasmesso in tv da Silvio Santos. A proposito, questa domanda è decisiva nell’accoglienza dei fan della serie. Qualsiasi cambiamento porta al risentimento e può frustrare l’intento del canale di acquisire un nuovo pubblico.

Una sorta di riscaldamento all’arrivo del dramma messicano è stato il debutto, circa un mese fa, di un remake di Ruby, che Televisa aveva prodotto in due occasioni, 1968 e 2004, ispirato all’originale di Yolanda Vargas Dulché. La versione del 2000 è stata mostrata da SBT tre volte.

Ora, la storia della povera ragazza che supera i sentimenti della sua migliore amica per conquistare il suo fidanzato pieno di soldi appare sotto forma di una serie girata nel 2020, con 26 episodi e adattata dallo sceneggiatore venezuelano Leonardo Padron. La nuova edizione fa parte del progetto Fábrica de Sueños di Televisa, che mira a trasformare le serie di successo in soap opera.

Secondo Globoplay, che manda in onda il remake esclusivamente in Brasile, Ruby ha conquistato il primo posto tra le serie nella prima settimana del suo show, superando titoli statunitensi come The Big Bang Theory e The Good Doctor. Per Ana Carolina Lima, Chief Content Officer di Globoplay, la piattaforma riceve “naturalmente” le serie messicane. “La rilevanza dei contenuti è uno dei pilastri del nostro portfolio. I titoli che hanno avuto successo su altre piattaforme non sono una novità per noi. L’anno scorso, ad esempio, abbiamo introdotto nel nostro catalogo la serie Todo Mundo Odeia o Cris”, afferma il CEO , riferito al fumetto americano prodotto tra il 2005 e il 2009 e che, su Open TV, è stato mostrato da Record.

Anna Carolina afferma che la piattaforma ha un’amministrazione alla ricerca di contenuti che rispondano ai desideri degli abbonati. “Questo ci consente non solo di soddisfare le richieste del pubblico, ma anche di sorprenderlo”, afferma.

Sempre secondo il dirigente, A Usurpadora, Maria do Bairro e Marimar fanno parte del pacchetto che la piattaforma ha chiuso con Televisa che include anche la serie messicana Sem Medo da Verdade (la cui prima stagione è andata in onda il 28 giugno) e la soap opera Império de Lies, Ama morire e cadere in tentazione, sono tutti qui inediti.

Altri contenuti latini saranno presto introdotti sulla piattaforma, come El Bronx, la serie della polizia colombiana, e Operation Pacifico e Pair of Rental, di Telemundo, una rete americana di lingua spagnola. Quest’ultimo è un remake del brasiliano Feina Estampa (2011), di Aguinaldo Silva. Tutti hanno già assorbito il linguaggio della serie americana e portato produzioni più complesse per attirare il pubblico della trasmissione.

le radici

Secondo lo specialista Mauro Alensar, Messico, Argentina e Cuba hanno aperto la strada al genere telenovela, e quindi si può dire che sia stata l’America Latina a creare la forma come la conosciamo. Le produzioni brasiliane sono state, in un primo momento, fortemente influenzate da produzioni cubane e argentine – da quest’ultima è derivata la struttura della serie quotidiana, la prima è qui, 2-5499 Ocupado, su TV Excelsior, nel 1963, adattata dall’argentino Dulce Santucci 0597 da Ocupado, creato dall’argentino Alberto Meger.

Nei primi anni ’60 e ’70, TV Globo ha promosso la nazionalizzazione delle soap opera, rinnovando il linguaggio e modernizzando la produzione, incorporando questioni sociali nella trama, adattando i classici della letteratura e cercando giovani. Pubblico e diversità delle impostazioni geografiche.

“Poiché la telenovela brasiliana stava costruendo la propria lingua e si atteneva al brasiliano, era naturale allontanarsi dalle sue radici latine. Caratteristiche più sottili nella costruzione del carattere, nell’uso dello spazio geografico urbano e rurale, in particolare nelle questioni sociali e nella storia del Brasile come uno sfondo per trame ha trasformato la telenovela in un vero prodotto nazionale”, come afferma Alencar, che cita le telenovelas come velo della sposa, Red Summer e Pigmalione 70 come pionieri di questa rivoluzione.

Per Alencar, per ragioni storiche, la società messicana è stata educata dalla cosiddetta cultura della sofferenza, e quindi era necessario creare una nuova realtà nei media – che qui è classificata come dramma. “La base messicana, per il background sociale e culturale del Paese, è il dramma per eccellenza. Si tratta quindi per lo più di romanzi drammatici e meno naturalistici. Questo non significa che siano tutti così. Ma è la caratteristica più rilevante. La più esportato.”

Tra quelli da inserire nel catalogo Globoplay c’è A Usurpadora, del 1998, con la star messicana Gabriela Spanic nel cast. D’altra parte, sono state coinvolte Maria do Bayero e Marimar, l’attrice e cantante Thalia, che ha conquistato fan qui in Brasile. Questa lista manca di Maria Mercedes: formano una specie di trilogia.

L’opzione della soap opera messicana di Silvio Santos viene da lontano e combina preferenze personali e risparmio sui costi. Il primo ad andare in onda sul suo network, che è già un grande successo, è stato anche Os Ricos Crying – i titoli sono sempre stati un’attrazione a sé stante – di Inés Rodena. Nel 2005, SBT ha presentato una versione brasiliana della trama.

Lo sceneggiatore Henrique Zambelli ha adattato tre serie televisive messicane per la rete dopo che SBT ha firmato un contratto con Televisa, nei primi anni 2000, per fare copie delle sue trame. Zampele ha firmato le sceneggiature di Pícara Sonhadora (2001), Amor e dio (2001) e Marisol (2002). Ricorda che l’ordine di Silvio era di non manomettere la storia. C’è una leggenda secondo cui Televisa ha supervisionato tutto e non lo ha lasciato muovere. Non giusto. Fu Silvio a chiedere che la storia fosse il più fedele possibile all’originale. La sua mentalità era “Se funziona in questo modo in molti paesi, funzionerà anche qui”.

Molto spesso disponibili in Zambele erano i testi che venivano distribuiti agli attori o l’elenco dei doppiatori. Le linee guida per la scena e l’ambientazione non erano sempre presenti in questi ruoli. La soluzione era guardare i nastri originali su VHS. “Era necessario adattarsi a una lingua più vernacolare e alla realtà brasiliana. La lingua originale era fuori portata. Se avessi fatto solo la traduzione, sarebbe suonata molto falsa”, afferma Zambelli.

Uno dei maggiori cambiamenti che ha dovuto fare è stato con il personaggio di Chico, da Marisol, che era un torero in Messico. Qui è diventato un calciatore ed è stato interpretato dall’attore Rodrigo Lombardi. Il personaggio del titolo apparteneva a Bárbara Paz, all’epoca, che aveva recentemente lasciato il reality show Casa dos Artistas.

Per Zampelli, le soap opera messicane hanno sempre sofferto di pregiudizi, nonostante la loro ammirazione per il pubblico. “Non ci lavoravo da 16 anni. Tuttavia, non c’è stata una settimana in cui qualcuno non abbia scritto per commentare i lavori che ho modificato, che è ciò che mi distingue su Instagram”, dice. “Le soap opera messicane sono favole. Il pubblico le adora. Non hanno il peso dell’impegno con la realtà”.

Informazioni dal giornale Stato di San Paolo.

Guarda anche

+ Diabao dimesso dall’ospedale e ringrazia la donna di Satana: ‘Grazie a Dio è a casa’
+ Gli adolescenti usano vino che costa 18.000 reais brasiliani per spargimento di sangue
+ SBT decide di rimuovere Eliana e il personale che ha avuto contatti con Rodrigo Faro

+ Mercedes-Benz Sprinter vince l’edizione camper
+ Guarda le foto di Caroline Lima, la nuova relazione di Neymar
+ Anoressia, un disturbo alimentare che può portare alla morte

L’agenzia statunitense avverte: non lavare mai il pollo crudo
+ Yasmine Brunet rompe il silenzio حاجز
+ Lo squalo è stato catturato in MA con i resti del giovane persi nello stomaco

READ  Michael Bisping commenta il grande nome di UFC: "Non esiste più"