Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’attrice Eva Wilma, una delle più grandi star della televisione e del teatro, muore all’età di 5-7 / 2021 / 15-87 – Fotografa

L’attrice Eva Wilma, uno dei più grandi nomi del dramma brasiliano, è morta sabato all’età di 87 anni. È stata ricoverata all’ospedale Albert Einstein da aprile per curare il cancro alle ovaie. L’attrice è stata ricoverata in ospedale nel gennaio di quest’anno con una polmonite.

Se non fosse stato per il divieto dei genitori, Eva Wilma avrebbe iniziato la sua carriera in “Holiday on Ice”, uno spettacolo di surf ininterrotto in tutto il mondo. A quattordici anni era già una ballerina classica, la cui precisione era stabile anche su una superficie ghiacciata.

Ma il suo debutto come attrice non è durato molto. Nel 1952, quando aveva 19 anni, iniziò a recitare con il film “Una donna e tre pagliacci” insieme al suo futuro marito, l’attore John Herbert, morto dieci anni prima. L’anno successivo ha presentato la sua prima commedia, “Uma Pulga na Balança”, diretta dall’italiano Luciano Salce.

Nel 1953 è anche apparso in televisione per la prima volta, nella serie “Namorados de São Paulo”, con cui recitava, Mario Sergio. Ben presto, John Herbert ha sostituito l’attore originale e il titolo dello spettacolo è stato cambiato in “Hello, Sweetness”. Eva Wilma è entrata con lui nella nostra storia televisiva.

Ha interpretato Cassiano Gabos Mendes come una risposta brasiliana alla serie americana “I Love Lucy” e Toby ha interpretato “Alô, Doçura” fino al 1964. Non c’erano personaggi affermati, ma Eva Wilma e John Herbert – che l’attrice sposò nel 1955 – ha sempre interpretato il ruolo della coppia che hanno incontrato. Con episodi di soli 15 minuti, lo spettacolo rappresentava un’epoca, ed era il precursore di quella che ora chiamiamo sitcom.

READ  Durante la messa, il parroco ammette di essere innamorato di una donna: "Voglio vivere questo amore".

Negli anni Cinquanta e Sessanta Eva Wilma ha partecipato anche ad alcune puntate del “Grande Teatro Tupi” e ad alcune rappresentazioni al Teatro de Arena. Il suo film più importante di quel periodo fu “São Paulo SA” di Luis Sergio Pearson, uscito nel 1965. Ma nel 1969, un’audizione a Hollywood cambiò quasi il corso della sua carriera.

L’attrice stava pranzando all’Universal’s a Los Angeles quando un agente le si avvicinò. Alfred Hitchcock stava cercando un’attrice latina per interpretare Kobe in quello che potrebbe essere uno dei suoi ultimi film, “Topázio”. Eva Wilma ha subito accettato e ha fatto tre audizioni per il regista britannico. Ha finito per superare la tedesca Karen Dior

“La mia consolazione è che Topázio non era un buon film di Hitchcock. L’ho guardato e mi sono detto: ‘Questo ruolo non era mio’, ha detto in un’intervista a Conversa Com Biel, nell’agosto dello scorso anno.” dovrei essere d’accordo, perché volevo farlo. “

Tornata in Brasile, Eva Wilma ha assistito al lancio della seconda fase della sua carriera televisiva. Per poco più di dieci anni è stata la più grande star della serie TV di Toby.

Anche di fronte all’irresistibile crescita di Globo, la più antica emittente del paese ha avuto diverse serie di successo del periodo. Quasi tutti i suoi libri Ivani Ribeiro Ed Eva Wilma interpreta “A Viagem”, “A Barba Azul” o “Mulheres de Areia”. In quest’ultimo, l’attrice aveva il suo ruolo più famoso – o ruoli, i gemelli Ruth e Raquel, uno buono e l’altro cattivo. A Toby, ha anche incontrato il suo secondo marito, l’attore Carlos Zara, morto nel 2002.

READ  Leifert cerca di costringere Fiuk a dire ciò che non vuole dire

Il crollo del canale nel 1980 la portò finalmente a trasferirsi a Globo. Eva Wilma era già matura e scappò dal giocare alle bambine nella nuova casa. D’altra parte, ha vinto molte personalità di alto profilo, come i cattivi aristocratici Francisca Mora Imperial di “Transas y Caritas” nel 1984, Maria Altiva Pedrera de Mendonca Albuquerque dal film del 1997 “A Endomada” o Dr. Marta. Korea Lopez di Woman 1998.

Parallelamente, non ha mai lasciato il teatro, avendo partecipato a vari spettacoli come “Antígona”, nel 1976, Esperando Godot, nel 1977, “Pato com Laranja”, nel 1980, e “Querida Mamãe”, dal 1994 al 1996.

Nel 1999, è apparsa al fianco di Eunice Muñoz – considerata la più grande attrice del Portogallo – in “Madame”, un ruolo originariamente scritto per Fernanda Montenegro. Lo spettacolo immaginava l’incontro tra due personaggi emblematici della letteratura del loro paese, Capito Brasil di “Dom Casmouro” e la portoghese Maria Eduarda di “Os Mayas”.

Più di recente, Eva Wilma è diventata una rarità in TV. Nel suo ultimo romanzo completo, “Fatti segreti”, 2015, è stato un ruolo relativamente piccolo ma accattivante. È stata Fabia, una nonna distrutta, a soccombere all’alcolismo. Da allora ha partecipato ad alcune lezioni ‘Il tempo non si ferma mai’, Nel 2018 e 2019, e un episodio della serie breve “Os Experientes”, del 2019. Non molto tempo fa, è stata vista in una ripetizione di “Fina Estampa”, un romanzo prodotto dieci anni fa.

Dopo essere stato ricoverato in ospedale nel marzo 2016, stava ancora tornando sul palco tre volte. Nell’agosto dello stesso anno, ha recitato, al fianco di Nikate Bruno, “What Happens to Baby Jane” – la prima direzione di un pezzo non musicale firmato da Charles Muller e Claudio Botelho. Eva Wilma ha incarnato il personaggio del titolo, Immortal in Cinema di Bette Davis. Nel 2018 ha partecipato al rimontaggio di “Wed, Failing, There at Home”, di Mario Brasini, insieme a Solly Franco e sotto la direzione di Alexandre Rainecki.

READ  Scopri l'originale e maggiori dettagli sulla danza

Nello stesso anno viene proiettato per la prima volta “Casos e Canções”, rivisitando la sua lunga carriera accompagnato dalla chitarra dal figlio John Herbert Jr. e dal pianista e cantante William Paiva. Nell’aprile dello scorso anno, all’inizio della pandemia, ha fatto questo spettacolo in una trasmissione in diretta su Internet. Era il suo ultimo lavoro.

La figlia di un cattolico tedesco e di un ebreo argentino di origine russa, Eva Wilma Riefle Buckup Zarattini, è morta nella stessa città in cui è nata. Ha lasciato i suoi figli, Vivienne e John Herbert Jr., dal suo primo matrimonio, ei suoi nipoti Miguel, Matthews, Gabriela, Francisco e Vittorio. Inoltre, ovviamente, un’eredità formidabile: l’eredità di una delle attrici brasiliane più belle e talentuose di tutti i tempi.