Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’edizione ricostruisce l’opera “The Diamond Entrepreneur” di Francesco Mignone

Foto: Gruppo CEDOC / TMRJ

Il direttore e ricercatore Roberto Duarte ricorda ancora il suo primo incontro con il compositore Francisco Mignone. Era ancora alla scuola di musica dove incontrò “quell’uomo di due metri”. In seguito si scoprì che aveva “chilometri di cuore”. “Quando mi sono diplomato, mi ha chiesto di essere il suo assistente. Ero stupito, non potevo dire nulla. E mi ha guardato incuriosito: che c’è che non va, non lo vuoi?”

Duarte non solo ha voluto questo, ma durante la sua carriera è diventato uno dei principali interpreti dell’opera del compositore, che ha contribuito a diffondere in tutto il mondo. A cui ora contribuisce alla pubblicazione dell’opera O Contractador dos Diamantes, creata da documenti trovati in ricerche approfondite: sono stati completati il ​​secondo e il terzo atto del pezzo, uno dei più importanti nel suo genere in Brasile. .

Francisco Mignone (1897-1986) è stato uno dei maggiori autori brasiliani del Novecento. Le sue opere fanno parte di quello che è stato chiamato nazionalismo musicale, con l’interesse a rivelare attraverso la musica classica la ricchezza del folklore brasiliano, ma senza il compositore a parte altre influenze, come quella italiana.

L’appaltatore, dai primi anni venti del secolo scorso, è proprio del periodo in cui Mignone studiava in Italia. L’opera, basata su un’opera teatrale di Afonso Arenos sull’esplorazione delle miniere di diamanti all’interno del Minas Gerais nel XVIII secolo, fu rappresentata per la prima volta a San Paolo nel 1924, da una compagnia argentina. Nello stesso anno, l’Orchestra Filarmonica di Vienna ha suonato uno dei suoi pezzi più famosi in Brasile. Negli anni ’50, c’è stato un montaggio a Rio de Janeiro, guidato dal compositore stesso. Poi è scomparso.

READ  Il caricamento licenzia tutti i suoi dipendenti e non avranno più una rete

“Nel 2019, l’Accademia Brasiliana di Musica mi ha invitato a realizzare una nuova versione della partitura. Ho deciso di accettare la sfida”, afferma Duarte. Poiché non esisteva un manoscritto originale per i capitoli due e tre, dovette cercare altre fonti. Uno di questi era il materiale dell’orchestra, che assembla una parte di ogni strumento. Il direttore tiene anche due note vocali per pianoforte e opera, una del 1924 e una degli anni ’50.

E cominciarono a comparire problemi. “C’erano alcune incongruenze tra le versioni, alcune con troppi nastri, altre con meno nastri. È anche possibile che Mignone abbia fatto recensioni ed estratti quando ha eseguito lo spettacolo a Rio de Janeiro, senza commentarlo. Era qualcosa che ha usato da fare… Una volta, ne ho fatto un pezzo, ha seguito ciò che era scritto e ha suggerito un modo diverso di suonare. Gli ho chiesto di scrivere la nuova forma sullo spartito e ha detto che non ne aveva bisogno.”

C’erano anche dubbi sulle clip di alcuni strumenti. e differenze nel testo. Per risolvere questi problemi, Duarte e il suo team hanno seguito criteri specifici. Nel caso degli strumenti musicali, ad esempio, incaricò dei musicisti di “raccontare” come venivano suonati negli anni ’20, per comprenderne le note musicali. Partendo dal presupposto che Mignone potesse aver cambiato il lavoro negli anni ’50, riportarono brani che sarebbero stati omessi, ma nel risultato indicavano potenziali tagli, secondo la versione per pianoforte e voce degli anni ’50. Un lavoro accurato, che deve essere svolto con attenzione. Tutte le opzioni che abbiamo fatto sono chiaramente indicate”.

Questa non è una nuova sfida per Duarte, che è responsabile del montaggio di opere come O Guarani di Carlos Gomez. Il lavoro di assemblaggio delle linee è solo il punto di partenza. “Alcune cose non tornano, ea volte i compositori sbagliano i loro copioni e devi prendere delle decisioni”, spiega. In questo caso, lo stretto contatto con il compositore ha aiutato. “Aveva una grandezza unica per quanto riguarda il suo lavoro.”

READ  La Disney rilascia un altro poster di Luca, il nuovo film della Pixar

Duarte ricorda di aver ricevuto elogi da Mignone quando ha suonato un suo pezzo al pianoforte – e poco dopo di averlo sentito interpretarlo in un modo completamente diverso. “Ho detto questo a lui, che è rimasto stupito e ha risposto: Ognuno suona a modo suo. ??Se volessi che ognuno suonasse il mio, segnerei lo spartito e lo butto via? Una volta gli ho chiesto se, in un pezzo particolare , la nota era C o D. Ha chiesto ​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​​​​​​​​​​​​​​​ Di chi ha detto che dovrei giocarci in entrambi i modi.

Il direttore ricorda anche che una volta chiese a Mignone di registrare un brano per il coro. Andarono a casa sua e, cercando nei cassetti, il compositore non riuscì a trovare. “Duarte, scegli una poesia e io ne scriverò un’altra, sarai più veloce che trovare questa poesia.”

E dove potrebbero essere le risorse di un imprenditore di diamanti? “E’ possibile che in alcune librerie le partiture siano state mischiate con un altro compositore e siano state catalogate e conservate nel posto sbagliato. Un giorno, forse, qualcuno la troverà per caso. Fino ad allora, la musica potrà essere ascoltata dal pubblico”.

Cosa che, se la pandemia lo permetterà, dovrebbe avvenire a breve. Secondo il compositore João Guilherme Ripper, presidente dell’Accademia di musica brasiliana, l’Amazonas Opera Festival prevede di “ripubblicare” l’opera nel 2022.

Informazioni dal giornale Stato di San Paolo.