Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’India stabilisce un nuovo record mondiale con oltre 400.000 casi di COVID-19 entro 24 ore | Scienziato

India Ha superato i 400.000 nuovi casi di coronavirus entro 24 ore Questo sabato (1), un nuovo record mondiale. Il Paese è il primo Paese a raggiungere questo numero di contagi in un solo giorno durante l’epidemia.

E secondo il Ministero della Salute, lui era lì 401.993 nuovi casi Nelle ultime 24 ore, il numero totale di feriti nel Paese è salito a 19,1 milioni.

Anche il ministero della Salute lo ha detto 3.523 morirono di Covid. Il paese ora ce l’ha 211853 morti Della malattia.

un L’India, venerdì (30), ha stabilito l’ottavo record mondiale per casi confermati di Covid-19 negli ultimi nove giorniSecondo i dati del governo e “Our World in Data”. Ci sono stati 386.452 feriti e 3.498 morti entro 24 ore.

Con oltre 2,5 milioni di casi e 21.000 decessi negli ultimi sette giorni, il paese è stato responsabile del 43% di tutte le nuove infezioni e del 23% di tutte le morti sul pianeta in questo periodo.

A metà della seconda ondata in India, il mondo ha superato 150 milioni di casi confermati, secondo i dati della Johns Hopkins University e Our World in Data, progetto legato all’Università di Oxford.

Il secondo Paese al mondo per popolazione, con una popolazione di oltre 1,3 miliardi, sta vivendo un crollo del sistema sanitario e funerario, soffre di vaccinazioni ancora lente e il governo è stato criticato per aver combattuto l’epidemia ( vedi sotto)).

Esplosione di casi di Covid-19 e decessi in India: comprensione di 5 punti

I prezzi degli input sono saliti alle stelle nel mercato parallelo e gli intermediari vendono ossigeno anche ai cancelli degli ospedali. In preda alla disperazione, molti acquistano medicinali di dubbia provenienza e forniture a prezzi esorbitanti. Ci sono anche molte segnalazioni di truffe.

“Non abbiamo trovato l’ossigeno”, dice Mukesh Kashyap, che aveva appena bruciato sua moglie di 38 anni. “Siamo andati al più grande ospedale privato della città e finalmente un piccolo ospedale mi ha costretto a pagare 55 euro per un’ora di ossigeno [mais de R$ 350]”.

Colpito, Kashyap ha affermato che è stato migliorato con l’ossigeno. “Ma poi i sintomi sono tornati. Abbiamo cercato di trovare un letto, ma non ha potuto resistere. I medici non sono riusciti a salvarla.”

Un uomo si prepara a sparare per bruciare un’altra vittima del Covid in India – Foto: Channi Anand / AP Photo

Crematori e cimiteri non sono in grado di assorbire il numero di corpi e in diverse città si sono svolti funerali di massa. Le celebrazioni condotte nell’ambito del protocollo Covid-19 superano di gran lunga i dati del governo.

A Nuova Delhi, il numero delle cremazioni è quintuplicato. Il Capital City Council sta cercando di aumentare la capacità della popolazione locale costruendo inceneritori anche sull’erba al di fuori delle strutture.

Con il crollo del sistema sanitario, molte persone contagiate muoiono in casa e non entrano nelle statistiche ufficiali.

Un uomo cerca di allevare una donna che è svenuta dopo aver visto il corpo di un parente morto per Covid-19 in un crematorio a Nuova Delhi, la capitale dell’India, il 30 aprile 2021 – Foto: Adnan Abidi / Reuters

La seconda ondata è completamente fuori controllo nel paese dopo che il governo indiano ha parlato della “fase finale della pandemia” a marzo e ha allentato le misure restrittive, lanciando manifestazioni religiose e festival (vedi video sotto) e persino partite di cricket allo stadio. .

Continuano le manifestazioni elettorali del Bharatiya Janata Party (Bjp), il partito del primo ministro indiano Narendra Modi, che scende in piazza anche se quotidianamente si registrano casi e morti.

Modi, che l’anno scorso ha adottato uno dei blocchi più duri al mondo, ha rifiutato di intervenire anche quest’anno per non influenzare la ripresa economica. Ora il governo sta affrontando critiche pungenti.

Il governo indiano ha attribuito la diffusione di casi e morti al mancato uso di maschere da parte della popolazione e al mancato rispetto della distanza sociale. Recentemente ha chiesto a Twitter di cancellare dozzine di post critici nei confronti del governo.

Gli esperti indicano anche la nuova variabile (vedi sotto) e lo stesso governo come cause.

Video: i devoti partecipano ai rituali del bagno durante la pandemia in India

Video: i devoti partecipano ai rituali del bagno durante la pandemia in India

Tra le critiche, il governo ha annunciato che espanderà la vaccinazione contro il Covid-19 per le persone di età compresa tra 18 e 44 anni, a partire da sabato.

Ma molti stati hanno riscontrato carenza di dosi per settimane e molti indiani hanno segnalato problemi con i social media nella programmazione della vaccinazione.

L’India è il terzo Paese con il maggior numero di dosi applicate al mondo (147 milioni), dopo la Cina (243 milioni) e gli Stati Uniti (234 milioni).

Ma proporzionalmente, il Paese ha implementato solo 10,66 vaccini ogni 100 abitanti, che è inferiore alla media globale (13,93) e alla Cina (16,95) e molto inferiore a quella degli Stati Uniti (70,16).

Sospettata di essere una delle cause della seconda ondata in India, la variante B.1.617 è già stata rilevata in decine di paesi e desta ancora molti sospetti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma di non sapere se il caso e il tasso di mortalità più alti del paese siano dovuti al fatto che la razza è più aggressiva, alla situazione del sistema sanitario indiano o ad entrambi.

Secondo l’organizzazione, la seconda ondata potrebbe essere causata da “altri comportamenti”, come il mancato rispetto delle restrizioni sanitarie e il gran numero di raduni.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato la razza indiana come una “variante di interesse”, piuttosto che una “fonte di preoccupazione” (COV).

Attualmente, le varianti classificate come “preoccupanti” sono brasiliane, britanniche e sudafricane. È il vaccino più pericoloso (più contagioso, più letale e resistente ai vaccini).