Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L'ingegnoso elicottero incontra problemi durante il sesto volo su Marte

L’ingegnoso elicottero incontra problemi durante il sesto volo su Marte

L’elicottero Ingenuity, dell’agenzia spaziale statunitense NASA, ha riscontrato alcuni problemi durante il suo sesto volo su Marte, svoltosi giovedì (27), ma è riuscito ad atterrare in sicurezza a circa 5 metri da dove avrebbe dovuto atterrare.

Leggi anche: L’esploratore cinese inizia un tour di Marte

Secondo la NASA, il problema si è verificato immediatamente dopo che il velivolo aveva terminato la prima fase del volo, secondo la telemetria. La creatività è salita a un’altezza di 10 metri e ha percorso 150 metri in linea retta verso sud-ovest ad una velocità di 15 km/h. Da questo punto, dovresti spostarti di altri 15 metri a sud, scattare foto a ovest, quindi altri 50 metri nella direzione precedente e scendere.

Tuttavia, dopo i primi 150 metri, l’elicottero ha iniziato a regolare inutilmente la sua velocità e ad oscillare avanti e indietro nell’aria. Questo continuò per il resto del viaggio. Secondo la NASA, i sensori prima dell’atterraggio indicavano variazioni significative nella traiettoria e picchi nel consumo di energia.

Per illustrare cosa è successo, l’agenzia ha raccontato come l’elicottero misura la sua posizione rispetto al suolo. Utilizzando apparecchiature di misurazione inerziale, è in grado di misurare l’accelerazione e la velocità di rotazione delle eliche. Man mano che i dati si accumulano, è possibile stimare la posizione, la velocità e l’altitudine del veicolo e il computer di bordo può regolare i controlli utilizzando queste stime circa 500 volte al secondo.

Per evitare l’accumulo di errori di misurazione, il veicolo corregge la sua posizione utilizzando una telecamera di navigazione, che acquisisce 30 immagini al secondo dalla Terra su Marte e le invia al sistema di navigazione.

READ  L'accesso a WhatsApp sarà limitato se l'utente non accetta i nuovi termini di utilizzo

È qui che entra in gioco un algoritmo, che controlla i timestamp di ciascuna immagine per determinare dove si trova l’elicottero in ogni momento del volo e quindi prevedendo dove andrà, in base alle differenze di colore e alle piccole asperità del terreno, come rocce e banchi di sabbia.

Queste previsioni fatte dall’algoritmo vengono poi confrontate con le immagini seguenti. Per determinare la posizione dell’auto, è corretta o necessita di correzione. Con questo, è possibile correggere l’altitudine, la velocità e la posizione.

Quello che è successo durante il volo è stato un errore nella sequenza di immagini scattata dalla telecamera di navigazione, circa 54 secondi dopo il decollo. L’errore ha causato la perdita di un’immagine da parte del sistema, ma con tutti i successivi timestamp delle immagini errati, facendo sì che Ingenuity calcoli una posizione diversa da quella in cui si trovava durante l’intero volo e tenti di apportare modifiche non necessarie per correggere i bug che non lo erano Là.

Anche con questo errore, l’imbarcazione è stata in grado di atterrare a soli 5 metri dal luogo designato e in sicurezza. Questo perché, nel costruire l’innovazione, gli ingegneri hanno ampliato il margine di sicurezza del volo e hanno deciso di smettere di usare le immagini della telecamera di navigazione durante l’atterraggio, la parte più critica del processo.

Per la NASA, “Il volo 5 si è concluso con Ingenuity che è atterrato in sicurezza sulla Terra perché un certo numero di sistemi ha risposto ai requisiti per mantenere l’elicottero in rotta e renderlo vivo, e ora conosciamo questa vulnerabilità e saremo in grado di risolverla”.