Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’utile aziendale aumenta del 114% a 2,8 milioni nel primo trimestre

Ramada Investimentos e Indústria ha registrato un utile di 2,85 milioni di euro nel primo trimestre di quest’anno, che equivale a un aumento del 114,1% rispetto a 1,33 milioni di euro registrato nello stesso periodo nel 2020.

I ricavi totali hanno raggiunto i 27,54 milioni di euro, in crescita del 21,8% rispetto al fatturato di 26,48 milioni tra gennaio e marzo dello scorso anno.

I costi totali sono invece stati pari a 23,6 milioni di euro, in calo dell’11,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L’EBITDA (EBITDA) è stato di 4,71 milioni di euro, in aumento del 68,0% rispetto al primo trimestre del 2020. Il margine EBITDA è stato del 14,6%, in aumento di 4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo di confronto. .

Lo conferma l’azienda guidata da João Borges de Oliveira Estratto conto “Nonostante l’ottimo inizio del 2021, a metà gennaio c’è stato un rallentamento della domanda”, ha rivelato CMVM.

“Proprio come l’anno scorso, l’aumento della domanda in Portogallo è stato notevole con il” blocco “cinese e italiano. Tuttavia, con lo sviluppo dell’epidemia in Portogallo, che ha portato a citare il paese come il caso peggiore in termini di circa 100.000 persone , potrebbe aver influenzato la decisione di non ordinare stampi in Portogallo e di scegliere mercati concorrenti. Si noti che questo effetto è scomparso a marzo e gli ordini sono tornati in Portogallo, con una crescita significativa della domanda da parte dei paesi che importano prodotti dai clienti. lavorazione dei metalli. “

“ Oltre alla crescita della domanda, il primo trimestre del 2021 è stato caratterizzato anche da un significativo aumento dei prezzi del rottame e del minerale di ferro, oltre alla rapida chiusura delle quote di importazione da paesi terzi nell’Unione Europea (che, una volta esaurito), aumenta la tassa del 25% sulle importazioni.) Lungo le linee, la carenza di container e il trasporto marittimo ha portato anche ad alcune incertezze e ritardi nelle consegne da parte dei fornitori da paesi lontani, dando ai fornitori europei l’opportunità di aumentare la loro produzione , raggiungendo anche la capacità di distribuzione e annullando alcuni ordini “, aggiunge.

READ  Covid19. L'Italia ha aggiunto 5.741 nuovi casi e 164 decessi nelle ultime 24 ore

Per ora, afferma l’azienda, “La preoccupazione è la possibilità di una carenza nel prossimo trimestre nel mercato dell’acciaio, a livello mondiale, così come si sente già in altri prodotti, come il rame e le leghe di alluminio. La Cina ha ritirato tutto sussidi all’esportazione come un modo per ridurre la produzione di acciaio. Dato che gli obiettivi di emissioni di CO2 devono essere raggiunti entro il 2030 “.