Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Mate Bhuvan vince due Walmark International Awards 2021

Tradotto da

Helena Osorio

Pubblicato in



11 giugno 2021

Giovane stilista inglese Matty Buffan Entrambi i premi provengono da Il Walmark International Prize 2021, Creativity and Innovation, che si svolge virtualmente quest’anno.

Matty Bovan fotografato da Ian Javan per Getty – Foto: Ibrahim Hasan

Come raro doppio vincitore del concorso annuale, il designer Mati Bovin è stato scelto da una giuria che includeva la giornalista francese Karen Roitfeld. Il giovane designer sierraleonese Eb Camara, co-fondatore di GUAP (The World’s First Video Magazine); Pioniere del movimento della moda sostenibile in Asia, Shaway Yeh, uno dei leader della moda più influenti in Cina; lo scrittore irlandese Sinad Burke, attivista per la disabilità; la designer cinese Tasha Liu, dietro la fondazione delle piattaforme Dongliang e Labelhood per supportare i designer cinesi indipendenti ed emergenti; Il famoso stilista americano Tom Brown; e Julie Davies, amministratore delegato di Woolmark, con ruoli che si espandono per includere la lotta all’innovazione e al tutoraggio educativo

È cresciuto a York (Inghilterra), dove vive tuttora, Matty Buffan Il 30enne stilista Si è laureata alla Central Saint Martins University di Londra nel 2015, con un master in moda intrecciataFamoso per la miscelazione di colori brillanti, luminosi e dai toni alti. Il tuo kit di laurea con 12 Guarda Si è aperta la mostra finale del corso, che presentava maglie scultoree, trame e motivi artigianali, ed è stata insignita del L’Oréal Professionel Creative Award, seguito dal 2015 Alumni Award di tenere premuto LVMH è francese e lavora con lo stilista americano Marc Jacobs e il marchio italiano Miu Miu.

Buffan è attualmente premiato come doppio vincitore del prestigioso Walmark International Prize 2021 e ha deciso di collaborare entro la fine dell’anno con lo Yorkshire Sculpture Garden (YSP), creando un’installazione artistica coinvolgente e partecipativa che solleva domande sull’identità e su chi la controlla.

Come ha ammesso il giornalista francese Roitfeld: “Ciò che mi ha colpito di Mattie è la sua capacità di vincere il Premio Innovazione e Creatività, e penso che se lo meriti davvero. È pura moda, mi fa sognare e mi ricorda Vivienne Westwood da bambina …, o John Galliano, e abbiamo un disperato bisogno di quel tipo di designer. Nel mondo della moda di oggi”.

READ  La "mano ferma" di Lagarde mantiene il metronomo al massimo - O Jornal Económico

Il designer americano Brown ha aggiunto: “Matte è davvero creativo e originale, dimostrando ed esemplificando che fa tutto parte della pura creatività”.

I Woolmark Awards sono stati ambiti per molto tempo, in particolare dal 1954, quando l’allora Yves Saint Laurent ha creato un abito e Karl Lagerfeld, un cappotto. Quest’anno, Bhuvan ha vinto il Walmark International Prize for Creativity e il Karl Lagerfeld Prize for Innovation.

Collezione Mate Bovan – Fotografia: Ibrahim Hassan

Nell’ultima collezione di Matty Bovan ‘Ode to the Sea’, trae ispirazione dal viaggio e dalla fuga, attraversando un evento traumatico e uscendo illeso dall’altra parte. Utilizzando il tessuto in rotolo English Tradition AW Hainsworth; Con la serigrafia e la pittura a mano, Bauvan ha dato nuova vita a pezzi di stoffa scartati. Le limitate operazioni interne hanno trasformato il tessuto in pezzi commerciali.

“È un tale onore vincere questi premi e sono molto entusiasta di vedere dove mi porterà. In effetti, ero già molto entusiasta della piattaforma e dell’esperienza dei Woolmark Awards”, ha affermato Bauvan. Ha aggiunto: “Fare parte del Woolmark International Award ha contribuito a elevare il mio marchio e ad aumentare la mia consapevolezza e conoscenza di come lavoro come azienda e come marchio. È stato fantastico e ne ho adorato ogni minuto”. .

Gli altri cinque finalisti sono: Bethany Williams, un marchio di abbigliamento che collabora con comunità e enti di beneficenza per creare collezioni con storie vere incarnate; Casablanca, brand parigino di abbigliamento maschile, fondato nel 2018 dal direttore creativo parigino, Sharaf Tajer, di origine marocchina; Il designer Kenneth Eze e il suo marchio omonimo si sono concentrati sulla reinterpretazione dell’artigianato nigeriano di creare una prospettiva originale sulla produzione di tessuti e moda di lusso; Lecavalier, della designer franco-canadese Marie-Yves Lecavalier, che reinventa il lusso; e Thebe Magugu, un marchio di moda sudafricano di lusso che prende il nome dal giovane designer fondatore con sede a Johannesburg.

READ  Aiuto d'urgenza 2021: Caixa paga la prima rata per i bambini nati a novembre che beneficiano della Bolsa Família con gli ultimi 8 shekel | primo soccorso

In una settimana intensa per Woolmark, il gruppo che sostiene i marchi e l’industria globale della lana, ha anche aperto un nuovo spazio a La Caserne, un nuovo incubatore di moda responsabile nel nord di Parigi, supportato anche da Kering e LVMH.

La Caserne è un showroom by Woolmark, che supporterà giovani designer, studenti e brand impegnati in una selezione di tessuti in lana innovativi e sostenibili, aiutando i brand a scoprire la diversità di questi materiali naturali, rinnovabili e circolari. Questo tipo di impegno è stato per molti anni al centro della strategia di Walmark. Il gruppo ha lavorato con il programma IME professionale di LVMH negli ultimi tre anni e ha lanciato casi di studio con ESCP Business School sulle sfide della moda sostenibile.

L’apertura dell’incubatore è stata celebrata con l’installazione di un patio con i disegni di due dei finalisti di quest’anno, Casablanca e Thebe Magogo.

Uno sguardo a Matti Bovan, che fonde l’eredità europea e africana – Fotografia: Ibrahim Hassan

Abbiamo parlato con Damien Pommeret, direttore generale regionale di Woolmark, per avere le ultime notizie su tutte le mosse della sua organizzazione.

FashionNetwork.com: Perché Woolmark si è unito a La Caserne?
Damien Pomerer:
Sono responsabile di tutta l’Europa occidentale e ho sede a Parigi, anche se gran parte del team è a Londra. Ma quando ho sentito parlare di questo nuovo concetto e di questo posto, ho pensato che sarebbe stato bello. Quando le persone viaggiano per vedere la moda, vogliono andare in un posto facilmente accessibile, dove puoi avere ristoranti, gli spalti e Showroom, come La Caserne. Quindi, qui abbiamo creato un file showroom Durevole, proprio sopra l’ingresso. Sopra di noi c’è LVMH e al piano di sopra c’è Kering. Ci sono molti nuovi designer e marchi diversi. Il concetto è davvero quello di unire le persone, persone che non si conoscono, c’è un grande mix.

READ  I primi dieci rimorsi politici

FNW: Come vedi lo sviluppo di questo progetto?
DP:
Nella moda raramente c’è stata una cultura della condivisione o dello scambio. Quindi abbiamo discusso di come cambieremo il nostro modo di lavorare. Per noi come organizzazione no profit che esiste da molto tempo, facciamo molte cose, ma probabilmente non siamo molto bravi a comunicarle. E qui lo miglioriamo. Stiamo realizzando molti progetti, lavorando nel settore della cura degli animali; Con una circolare con tutta la filiera e con i brand. Diciamo: “Ehi, vuoi cambiare un po’ il tuo punto di vista?” Perché ora forse il 15% di ciò che viene venduto nel lusso è ancora plastica. Molte marche non sanno come cambiare. Così, ad esempio, abbiamo creato una grande collaborazione con Prada in occasione dell’America’s Cup, con una gamma 100% lana e senza sostanze chimiche. Questa innovazione è a disposizione di marchi e designer.

FNW: Come funzionerà il tuo spazio?
DP:
Avremo due persone permanenti. Cinque giorni alla settimana puoi visitare, per vedere cosa è disponibile, per trarre ispirazione, per discutere di questioni tecniche incerte. Collaboriamo anche con IFM (The Leading Fashion School in Paris), Parsons e persino i College of Engineering. A settembre termineremo una splendida collaborazione con ECMCP, una delle migliori business school in Francia. Questo illustra la nostra missione di educare tutti gli studenti in modo che sappiano cosa sono le fibre naturali.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com. Tutti i diritti riservati.