Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Materie prime e automobili stabiliscono nuovi record per l’Europa. Il petrolio sale ai suoi livelli 3 mesi fa – mercati in un minuto

Il petrolio sale a Londra ai massimi in quasi tre mesi

I prezzi dell'”oro nero” continuano ad essere scambiati in territorio positivo, incoraggiati dalla possibilità di un aumento della domanda, che sarà superiore al greggio che entrerà nel mercato tramite l’Opec+.

I membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dei loro alleati (OPEC+) hanno deciso all’odierna riunione ministeriale di non commentare le quote di produzione per agosto, in attesa degli sviluppi sui colloqui tra Iran e Stati Uniti per revocare eventualmente le sanzioni imposte a Teheran sul suo programma nucleare . .

Il gruppo ha ribadito l’obiettivo già fissato ad aprile di aumentare l’offerta a giugno e luglio, tuttavia i prezzi del greggio sono in aumento. Perché? Secondo le stime di analisti e organizzazioni, come l’OPEC e l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA), il consumo di carburante aumenterà in modo significativo nella seconda metà di quest’anno, a causa dell’avanzamento delle vaccinazioni contro il virus Corona, quindi aspettati una carenza di approvvigionamento – anche con i rubinetti aperti dai membri OPEC+. Anche l’ulteriore afflusso di petrolio iraniano potrebbe essere facilmente assorbito dai mercati, secondo le previsioni.

Ad aprile, il gruppo ha indicato che aumenterà le forniture a maggio di 350.000 barili al giorno, che a giugno porteranno sul mercato altri 350.000 barili al giorno ea luglio altri 441.000 barili. E poiché l’Arabia Saudita, nello stesso periodo, tornerà sul mercato con il milione di barili in più che aveva proposto di ridurre a inizio anno, ciò significa che tra maggio e luglio l’offerta aggiuntiva sarà di 2,1 milioni di barili nel mattina.

Il “benchmark” statunitense del West Texas Intermediate (WTI), con consegna a luglio, continua a salire del 3,44% a 68,60 dollari al barile.

READ  Bruxelles mantiene aperte tutte le opzioni per quanto riguarda la vaccinazione e non commenta i contratti con Astrazeneca e J&J - Coronavirus

Il contratto di luglio per il Brent del Mare del Nord, un greggio scambiato a Londra e riferimento per le importazioni europee, ha totalizzato il 2,63% a 71,14 dollari, il massimo dell’8 marzo.