Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

“Nella battaglia contro il Covid, le forze armate canadesi devono seguire la bandiera”, afferma Esper Kallas.

Decidendo, nel 2020, che ogni medico è libero di prescrivere ciò che vuole ai propri pazienti – nel bel mezzo della pandemia di Covid – il Federal Board of Medicine ha commesso un errore e “deve rivedere questa decisione”. Questo è il modo semplice e diretto per un medico delle infezioni classe esper, presidente del Dipartimento di Medicina dell’Università del Sud Pacifico, delinea una questione rigorosamente scientifica che si è trasformata in una lotta politica. “In Brasile abbiamo bisogno di raccomandazioni più precise”, chiede. “Spetta al consiglio avvicinarsi all’accademia” e adottare una “posizione basata sull’evidenza scientifica”.

Mentre si occupa da molti anni di malattie infettive – che gli sono costate molte epidemie, come Zika, dengue, febbre gialla e persino Covid (in forma lieve, lo scorso novembre), Callas rifiuta suggerimenti come clorochina, idrossiclorochina o ivermectina. Avverte che permettere al medico di risolvere la questione in una conversazione con il paziente “è diventato un disastro”. Avverte anche che la validità dei vaccini è ancora sconosciuta agli scienziati.

Tuttavia, sembra ottimista. “Il miglior vaccino? È quello che una persona ha in mano”, dice, prevedendo che “alla fine dell’anno avremo abbastanza vaccino nel paese”. Celebra l’enorme apprendimento dei ricercatori in quest’anno e mezzo di convivenza con SARSCOV-19, ma vede ancora una seria sfida davanti a sé: i brasiliani “devono guardare all’epidemia in un modo più collettivo” e capire che per la vaccinazione, l’uso della maschera e non folla non è una scelta personale. Ecco gli estratti chiave della conversazione in videoconferenza della scorsa settimana.

Cosa ne pensi della decisione del Consiglio Federale di Medicina, nel 2020, di liberare ogni medico per decidere da solo di prescrivere farmaci per il Corona virus?
Avevano torto. Abbiamo bisogno di consigli più precisi. Nella fame ognuno fa come vuole, secondo la sua coscienza, la faccenda è allo sbando. Ascolta, se stai curando la tubercolosi, hai un sacco di farmaci, un regime di trattamento e test… non hanno riconosciuto le prove scientifiche.

Dovrebbero rivedere la decisione?
Loro, avendo bisogno di avvicinarsi all’accademia, dovrebbero consultare le persone che studiano la materia. Adotta una posizione basata su prove scientifiche fattuali.

L’istituzione di un protocollo semplificherà la vita a un paziente Covid?
Senza dubbio. Quando vediamo il CFM rilasciare il medico per decidere la coscienza, e i pubblici ministeri sostengono trattamenti non provati che danneggiano il paziente…

Come abbiamo un protocollo se i casi sono individuali?
Ci sono cose che, sì, puoi aiutare con il protocollo. Ad esempio, dare istruzioni alle persone di non usare il farmaco nel momento sbagliato. Stabilire un protocollo che offra ai pazienti sintomatici un esame precoce, un attento monitoraggio dei sintomi e nessuna indicazione di steroidi nei primi giorni di malattia. E non usare l’idrossiclorochina perché aumenta il tasso di mortalità del 77%. Né ivermectina, perché non ci sono prove del suo beneficio.

READ  Bolsa ha molto spazio per crescere, dice Philip Miranda di Empiricus

Ma l’ivermectina è dannosa se il paziente la usa?
In alcune persone – cosa rara, ma capita – possono esserci gravi effetti collaterali. Perché usare un farmaco che non ha efficacia? Il paziente deve guidare e assistere nell’attuazione di progetti che rispondono in modo sistematico.

C’è resistenza anche oggi da parte di persone che non accettano di indossare una maschera e vogliono radunarsi. Come affronti questi comportamenti?
Questa lettera di cura è per qualsiasi malattia. Che sia contro il virus corona, la sifilide e l’HIV. Non fumare perché provoca il cancro ai polmoni. Questo è il primo aspetto. Il secondo è la percezione del rischio. Se pensi che questo non ti accadrà mai, stai abbassando la guardia. Ma se hai una lettera nel paese, facile da capire, diretta… ma noi no.

Questa confusione ha generato 214 milioni di malattie infettive in Brasile… e una guerra di disinformazione, giusto?
Senza dubbio. Così come abbiamo 214 milioni di allenatori di calcio e il conflitto tra Israele e palestinesi ha 214 milioni di analisti. Il fine di questo è la creazione di una percezione individuale: ognuno affronterà questo pericolo. In effetti, il cittadino dovrebbe fare un passo indietro e capire cosa c’era che non andava. È la riflessione che tutti dovrebbero fare.

Ho sempre sostenuto le audizioni di massa. Stai ancora pensando così?
Continuo. Quando sai che a una festa qualcuno è stato infettato e il virus si stava diffondendo a tutti, assicurati di ottenere una valutazione migliore. Prendiamo il caso di una superportatrice: negli Stati Uniti c’è stata una prova del coro in cui una persona, senza sintomi, ha trasmesso il virus all’80% dei cantanti. Il lavoro in Slovacchia ha dimostrato che, insieme ad altre misure di isolamento, i test rapidi hanno ridotto la trasmissione nella comunità del 58% in un breve periodo di tempo.

C’è un modo per implementarlo qui? Il mondo ha sbagliato a non sostenere i test di massa fin dall’inizio?
È stata la Corea del Sud ad applicare questa strategia in modo aggressivo, e perché? Perché all’epoca avevamo solo la PCR, che è un test molto più difficile. Dipende da manodopera altamente qualificata e da un laboratorio specializzato. In Brasile, abbiamo ancora avuto difficoltà a espandere la PCR.

Perché questo accade?
Il primo è stato l’input. Quindi la rete di laboratori con la capacità di farlo. Oggi effettuerai una PCR nella rete pubblica e aspetterai 2-7 giorni per vedere il risultato. Se sospetti di avere il coronavirus e vuoi autoisolarti, il risultato apparirà dopo una settimana e sarà di scarsa utilità. Ma se hai un test che dà risultati entro 15 minuti, che è un test dell’antigene, la decisione verrà presa immediatamente.

READ  Gave Tilt # 16: L'astronomia è importante, ma non tutti lo realizzano - 26/05/2021

Questo test dell’antigene è più economico o costoso?
È molto più economico e si può fare in casa. Ci sono diversi fronti di discussione per iniziare a sostituire la PCR con il test dell’antigene, non solo perché è più economico, ma perché mostra molta più eliminazione di virus riproducibili rispetto alla stessa PCR. La possibilità che una persona abbia un test dell’antigene è del 98%. Quello dalla PCR, 80%.

Se il governo vuole test di massa, quanto tempo passa tra la decisione e l’evento?
Ci vuole un po’ di tempo, ma è facile perché le persone hanno familiarità con il concetto di test. Quando esce il risultato, la prospettiva cambia, giusto? Vedi, un test di laboratorio per l’HIV richiede un giorno o due. Ma c’è un test rapido che viene fuori subito, e ogni volta che installi le tue tende per test STD/AIDS in un ambiente pubblico, è finito in un’ora o due. L’Inghilterra lo offre ampiamente, due volte alla settimana, all’intera popolazione. Penso che dovremmo anche iniziare a pensare e comportarci in questo modo

Esistono prove oggi di ciò che funziona o non funziona nel trattamento di una persona infetta?
Le cure per il Covid sono migliorate notevolmente da marzo 2020, quando è arrivato qui. All’epoca in cui apparve la paziente, tutto era un mistero, e lei non sapeva cosa fosse un sintomo, e cosa significasse a lungo termine. Ma poi è iniziata una meravigliosa fase di apprendimento. Conosciamo le diverse fasi del virus, la sua replicazione, lo stadio dell’infiammazione e sappiamo che alcuni casi hanno cambiamenti nella coagulazione. E cos’altro abbiamo imparato? Fino all’ultima volta che ho visto una recensione, in 303 studi su clorochina o idrossiclorochina, non ha mostrato alcun effetto e un preoccupante rischio di effetti collaterali.

E l’ivermectina?
Allo stesso modo, niente ha funzionato. Poi sono arrivate le informazioni degli pneumologi secondo cui l’azitromicina può essere utile per le malattie polmonari. L’ho usato molto sui pazienti io stesso. Fino a ottobre, uno studio in Inghilterra con più di 8.000 partecipanti ha mostrato che il suo effetto nella fase iniziale della malattia era pari a zero. Parallelamente, abbiamo trovato alcune cure di successo, le più importanti delle quali sono i corticosteroidi, perché quando c’è una causa infiammatoria nella seconda settimana, quando la moltiplicazione del virus è già alle spalle. Ciò ha ridotto il tasso di mortalità in quasi un terzo dei casi.

Questo è un fatto importante.
Sì, ma è stato anche riscontrato che se usato in una fase molto precoce, c’è una tendenza all’aumento della mortalità. Devi usarlo al momento giusto. Abbiamo anche appreso che un farmaco chiamato Tocilizumab sopprime una sostanza nel sistema immunitario chiamata interleuchina. Riduce il tasso di mortalità del 15% delle persone. Ma in questi casi, tutto deve essere applicato in modo molto personale per ogni paziente. Tocilizumab non è per tutti e solo una piccola parte ne trarrà beneficio. Non esiste inoltre un consenso definitivo sull’uso degli anticoagulanti. Ad ogni modo, abbiamo imparato molto e il tasso di mortalità tende ad essere più basso in Brasile. perché? Perché stiamo effettuando ricerche basate su solide prove scientifiche.

READ  Fase missilistica cinese Long March 5B

E come mostriamo tutto questo nel bel mezzo di una pandemia?
Opportunità e soluzioni appaiono nelle crisi. Ora è il momento, di fronte alla pandemia, di mettere in discussione tutto questo.

Qual è il miglior vaccino?
Il miglior vaccino è quello nel braccio di una persona.

Ma non esiste una taglia unica e nessuna pianificazione.
Entro la fine dell’anno ci sarà abbastanza vaccino nel Paese e il volume promesso dalle tre grandi aziende (Pfizer, Coronavac e AztraZeneca) è abbastanza grande. Butantan sta progredendo nel completamento del suo vaccino.

Quando torni alla normalità, cosa è normale essere?
Penso che potremo tornare alla normalità quando ci saranno pochi casi. Ciò significa che il numero è troppo basso perché il covid possa essere incorporato nella routine. Dopodiché avremo eventi e giochi e maschere saranno facoltativi. Le abitudini cambieranno, potremmo aver bisogno di dosi di richiamo a intervalli. Avremo delle variabili? Richiederanno vaccinazioni diverse? Non abbiamo ancora una risposta per questo, dobbiamo continuare a guardare. Per quanto riguarda l’idea di non preoccuparsi più del Covid, penso che ci vorrà molto tempo. Potrebbe non scomparire nemmeno per gli operatori sanitari e la comunità scientifica.

Quali altre lezioni importanti ha portato la pandemia?
Penso che dobbiamo pensare e guardare le cose collettivamente. Quando qualcuno sta cercando un modo per ottenere un altro vaccino, vuole una dose per sé da una persona non protetta. Oppure, quando non vuoi farti vaccinare perché non ci credi, devi vedere che non sei solo. Non pensare all’altro. La visione collettiva è qualcosa che i brasiliani devono coltivare di più.

Individualità sfrenata, definita da Eduardo Jannetti …
In Brasile, abbiamo sempre avuto un buon impegno nei programmi di immunizzazione. Ma la recente politicizzazione e polarizzazione indebolisce questo impegno.

Come operatore sanitario, come ti prendi cura di te stesso?
Non smetto di indossare la mascherina, evito solo i grumi. Ma, nei miei rapporti quotidiani con i pazienti Covid, se adotto troppo rigore, non potrò prendermi cura delle persone.

Come hai vissuto con lei?
Pensavo, fin dall’inizio, che il rischio di contrarre il virus fosse alto, ma dovevo seguirlo per aiutare i malati. In realtà ho contratto il virus, lo scorso novembre. Per fortuna era una bella foto. Penso che stiamo facendo la nostra parte. Dopotutto, è quello che stiamo studiando.

/ Collaborazione con Gabriel Manzano