Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Open Space – La scienza dell’oltre la negazione

Negli ultimi due anni, la bandiera ha raggiunto la ribalta nei media nazionali, facendo notizia e sui social network. Due ragioni contribuiscono a ciò: il suo riconoscimento come fattore chiave nella lotta contro l’epidemia causata da SARSCoV-2; Privare i titolari di cariche governative e coloro che li seguono.

Questa ostilità ci ha imposto una letargia volontaria di fronte alla pericolosa epidemia che stiamo affrontando, provocando la morte di centinaia di migliaia di persone, anche se gli scienziati lavorano per produrre vaccini per contrastare il virus Corona.

Nel giro di circa un anno divenne possibile la produzione su larga scala dell’ambita panacea. Allo stesso tempo, il capo governatore supplente ha cercato di sminuire, se non combattere, il campione della scienza, svalutare le università pubbliche e imporre tagli di bilancio alle agenzie di finanziamento della ricerca, agendo contro la logica della ragione.

In primo luogo, ha negato la gravità dell’epidemia, poi ha indicato soluzioni inefficaci, ha fornito esempi di cosa non fare e, infine, ha posto ostacoli significativi alla soluzione del problema, ovvero l’immunizzazione di massa della popolazione.

Il risultato, oltre alle morti, ha rivelato al resto del mondo l’ignoranza, l’incompetenza e l’incuria dei brasiliani. Per invertire questa catastrofe che coinvolge la gestione della scienza e dell’innovazione, dovremo tornare agli anni Cinquanta del secolo scorso, quando il Brasile, riconoscendo il ruolo guida dell’istruzione e della ricerca per lo sviluppo della civiltà e la portata della sovranità nazionale, pose le basi per il possesso di professionisti altamente qualificati nel Paese e una rete di sostegno e promozione per la formazione di scienziati e istituzioni di ricerca.

READ  Palmeiras respinge la proposta americana per l'attaccante Ron

Da questo periodo, ad esempio, furono creati nel 1951 Capes (Coordinamento per il miglioramento del personale dell’istruzione superiore), CNPq (Consiglio nazionale per lo sviluppo scientifico e tecnologico), sempre nel 1951, Finep (finanziatore di studi e progetti), nel 1967, e la rete Un vasto numero di università pubbliche è attualmente minacciato di sospensione e limitazione delle proprie attività per mancanza di risorse.

Avremo, oltre a fermare il FNDCT (Fondo Nazionale per lo Sviluppo Scientifico e Tecnologico), creato nel 1969, riconfigurare il bilancio delle istituzioni e degli enti di sostegno alla ricerca, ampliare i loro bandi pubblici e garantire le risorse umane e finanziarie delle università pubbliche , gravemente colpita dall’emendamento costituzionale 93/16 e dalla legge integrativa 173 /20, che dovrebbe essere in vigore fino a dicembre 2021.

Armi sulla Terra, dovremo costruire una nuova carta e portare l’istruzione pubblica e la scienza alla massima priorità della nazione. Solo così incoraggeremo, parallelamente, lo sviluppo economico e sociale, per liberarci di tanta ignoranza, povertà e morte.

Ricardo Dias Silva, Vice Rettore dell’Università Statale di Maringa (UEM). Architetto e Urbanista dell’UEL, Ph.D. in Architettura e Urbanistica dell’Università del Sud Pacifico.

Come valuti il ​​contenuto che hai appena letto?