Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Processo ‘pulito’ con i clienti interni della SP, e tentativo di vincere il pisseriyakkal napoletano corokapa e juntiyas

“Mani” è un pizzaiolo napoletano in cammino verso le tradizioni italiane da recuperare. Ma per ottenere il gusto davvero classico di questa specialità occorrono alcuni ingredienti specifici e lunghi tempi di fermentazione per rendere unico il segreto dell’impasto.

A differenza della pizza brasiliana, ricca di farciture, bordi ripieni e “pizza hot dog” con sapori così diversi, la Napoli napoletana sta tentando di recuperare l’essenza del processo di rilascio. Questa offerta sta crescendo a Sorokaba, nell’interno di San Paolo.

Nel 2017 la pizza napoletana è stata inserita nella Tradizione Straordinaria dell’Umanità UNESCO. La decisione è stata adottata dal Gruppo intergovernativo per la conservazione del patrimonio dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura.

Questo sabato (10) è celebrato come Pizza Day, secondo il vicepresidente di Associano Pizzerias Unidas do Brazil, Andre Cotta, i brasiliani apprezzano sempre più la pizza napoletana, anche se molti scelgono il paese brasiliano.

“Parlare di pizza brasiliana è come parlare di cibo brasiliano, non c’è una definizione specifica. Quello che vedo oggi è che la pizzeria brasiliana fa molti adattamenti. Non traduce la pizza in italiano, ma usa la conoscenza della pizza italiana per i brasiliani, ” spiega André.

L’impasto della pizza napoletana richiede almeno 24 ore di fermentazione – Foto: Lady Olive / Courtesy

In un’intervista G1Rafael Ferreira Vidira, uno dei soci e fondatori di Pizzeria at Jundias (SP), che è stata selezionata come una delle 50 migliori al mondo fuori dall’Italia nel 2019, ha parlato di alcuni dei sapori della pizza napoletana.

“Ha le caratteristiche della lunga fermentazione, la forma a misura unica, quattro pezzi, e valuta l’equilibrio degli ingredienti con l’impasto. Richiede meno ingredienti ed è un impasto molto leggero e gustoso”.

Secondo Raffaello, l’impasto della pizza napoletana dovrebbe avere almeno 24 ore di fermentazione. Lunghezza di 30 centimetri, che è simile a un piatto, che può arrivare fino a 27 centimetri. Per questo motivo la pizza è considerata privata.

Anche con l’epidemia, Raphael ha deciso di scommettere sulla costruzione di un’altra azienda con il partner Denise O’Hara. I due hanno aperto una pizzeria a Sorogaba nel gennaio di quest’anno. Il posto porta anche la pizza napoletana come punto forte della casa.

Per la migliore pizza napoletana in un forno specifico cuoci una conchiglia – Foto: Lady Olive / courtesy

“L’inizio ci ha lasciato in uno stato di incertezza perché il pubblico cercava una pizza più grande, con il bordo farcito, ma è stata molto accettata. Possiamo calcolare quante ce n’erano in Brasile cinque anni fa. In pochi anni la crescita era enorme”, ha detto Raphael.

Le pizzerie che vogliono separarsi tra queste specialità richiedono la certificazione dell’Associato Veriz Pizza Napoleon (AVPN) per essere considerate una “vera pizza napoletana”.

Dalla capitale all’interno

Il forno per pizza napoletano scalda fino a 450 gradi – Foto: Pubblicità / Pizzeria rurale

Ciro ancelmo aitar e Paula sposati a 21 anni, hanno anche deciso di aprire insieme una pizzeria niyopolit. La coppia viveva nella città di San Paolo, e godersi più tempo con i loro figli è andato corokapavukkuc a trovare la pace.

Alla fine del 2019, hanno aperto una pizzeria a calkato komantant Rua nelle costolette di hartenciya. Per Sol 1, Ciro racconta di aver lavorato a lungo nei ristoranti e di aver sempre apprezzato la cucina italiana.

“I miei nonni italiani. Paula ed io siamo venuti con il sogno di lavorare in una pizzeria. Molti della pizza in stile napoletano e mi chiedevo se non lo sapessi. Questo è il caso per noi è un processo educativo molto forte e mostra le differenze”.

La coppia mostra come fare la pizza napoletana al Sorokaba

La pizza napoletana mostra come si fa la coppia corokapa

Per il cirovaip, hanno gradualmente guadagnato seguaci dal sapore napoletano, e molti altri sono diventati clienti fedeli. Tuttavia, riconosce che è ancora una novità in città.

“La prima cosa che dobbiamo chiarire, la pizza da 30 cm. La pizza tagliata in quattro pezzi serve per due persone. Usiamo una farina italiana, che è ricca di proteine, ed è ora di pulikkakkutum”.

Ciro e Paula aprono la Pizzeria a fine 2019 – Foto: Pizzeria Village / Editoria

Spiega che l’impasto viene aperto a mano per farlo sembrare “arioso”. C’è una differenza nella pizza al forno.

“Bisogna cuocere in un tipico forno a legna napoletano. Ha una certa curvatura, raggiunge i 450 gradi per 90 secondi. Un’altra caratteristica è che è equilibrato nel ripieno. Il protagonista è come l’impasto del ripieno”.

Durante le epidemie, la coppia ha abbracciato l’istituto per seguire i protocolli di immunizzazione. Attualmente, il numero di rafforzamento del mottopaykal e maggiori investimenti in questo periodo sono state le opzioni di consegna.

“Brasiliana” con un tocco napoletano

La ‘Divina da Villa’ è una delle pizze che faceva prima dell’epidemia di Santro – Foto: Pizzeria Villa Napolitana / Editoria

Sandro Pizzeria fondatore di uno dei kampolim ceviyani passo corokapa una ricetta di famiglia è diventata la principale fonte di reddito.

Per cantrovaip la pizza è sempre la storia della sua vita e della sua famiglia, ma dopo la morte della madre, 29 anni fa, ha cercato di recuperare il ricordo d’infanzia segnando le ricette.

Dal 2012 Pizzeria propone specialità ispirate allo stile napoletano. Attraverso “Brazilian Touch”, ha cercato la conoscenza della fermentazione della pasta da applicare nella pratica negli affari.

“Sono un pioniere nel corokapa, per noi avere nove anni. Il nostro impasto è pulittat lungo. Questo processo richiede 48 ore per essere pronto. La pizza napoletana copre una serie di fattori, che sono considerati niyopolittan”.

Parmecan al confine con le offerte Pizzeria a corokapa Girard – Foto: Carlos Diaz / G 1

La famiglia di Sandro italiano, ma prima di pensare di servire negli affari, ha studiato amministrazione. È stato solo quando un amico gli ha chiesto di preparare le pizze per l’evento di 98 persone che ha capito che sarebbe stata una buona opzione di lavoro.

“Hanno iniziato a chiedermi dov’era la mia pizzeria, ma io non ce l’avevo. Non potevo immaginare di usare questo mio dono professionalmente. Questa è la mia passione, mangio la pizza tutte le sere. Sono sempre alla ricerca di cose nuove, creando così tante pizze nel nostro menù, io la preparo, esco fuori dagli schemi”.

Attualmente, lo stabilimento Sandro offre oltre 70 gusti di opzioni di pizza, di cui 20 sviluppati autonomamente.

La pizza impiega 48 ore per fermentare – Foto: Pizzeria Villa Napolitana / Release

Vedi più notizie dalla regione G1 Sorokaba e Jundias

Video: guarda i servizi TV TEM

READ  Gonegliano è il campione con il nuovo spettacolo Akon - web volley