Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Scopri il Veroo Coffee Subscription Club e saluta il tuo amico in ogni momento ogni mese: macinato, in grani o in capsula

Il figlio e nipote di produttori di caffè, Gabriel Parovini, 29 anni, non aveva idea che sarebbe entrato in questo business. Ma questo è esattamente quello che è successo.

è fondatore vero, che è un club a cui iscriversi specialità di caffè. Fondata nel 2019, a Ribeirão Preto (SP), l’azienda mette in contatto i piccoli produttori con i consumatori, contribuendo a democratizzare il consumo e premiando gli agricoltori in modo più equo (lasciando fuori gli intermediari).

I caffè speciali sono quelli che ottengono almeno 80 punti su una scala di 100 punti Associazione Caffè Specialità. Oggi, secondo Gabriel, meno del 6% della produzione brasiliana rientra in questa categoria.

Ogni mese il Veroo Club seleziona un piccolo produttore di una regione del Brasile e presenta una scatola all’abbonato che sceglie se vuole avere caffè macinato, in grani o in capsule. Nella confezione c’è anche un bonus e una card che dà accesso a una rivista digitale che racconta la storia di questo prodotto.

In poco più di due anni, Veroo ha ricevuto più di 20.000 scatole e l’obiettivo è raddoppiare quel numero nel 2021.

L’interesse per l’imprenditorialità nella regione è venuto in cambio

Gabriel ha sempre sentito da suo padre e suo nonno le difficoltà di lavorare il caffè – e come, alla fine, il prezzo pagato ai produttori non ne valesse la pena.

Anche senza essere coinvolto nella coltivazione, si interessò all’argomento. Ha deciso di fare un corso da barista.

Tra il 2016 e il 2017, durante uno scambio a Sydney, in Australia, ho avuto l’opportunità di mettere in pratica le lezioni nei caffè locali. Lì, Gabriel si rese conto di quanto fosse prezioso il caffè:

“Il grande punto di svolta per me è stato vedere che i produttori qui vendevano caffè a 7 riyal al chilo, quando c’erano 45 dollari, che è una disparità molto grande”.

Questo fece capire al giovane che gran parte del valore veniva assorbito dalla catena senza arrivare alla fine al prodotto.

Tornato in Brasile, Gabriel ha deciso di creare una piattaforma per piccoli produttori specializzati di caffè da esportare in altri paesi.

Questa cosa, soprannominata Cofferoo, finì per fallire.

“Non potevo generare reddito, perché avevo molte barriere all’esportazione e non era il mio campo di attività”, dice l’imprenditore, che ha studiato ingegneria della produzione per quattro anni, ma ha lasciato il corso prima della fine.

Aiuta un acceleratore a capire da che parte andare

Anche con la fine dell’azienda, Gabriel ha iniziato da solo a vendere caffè agli imprenditori che aveva già contattato, accorciando il percorso tra i piccoli coltivatori e i consumatori finali.

All’epoca, nel 2018, ancora con l’intenzione di diventare un imprenditore, ha partecipato alla USP Pre-Acceleration Competition a Ribeirão Preto e Accelerate Istituto del Fondatore:

“La gente ha detto che il concetto di accorciare il percorso tra consumatore e produttore e garantire prezzi equi per entrambe le parti è stato così grande che devo pensare a come presentare in modo creativo questa proposta”

Sulla base di questi commenti, ha costruito il progetto per un club in abbonamento e ha invitato il designer 27enne Rodrigo Saraceni, suo amico, a fondare ClubSmile, nel marzo 2019.

“Era un nome che ho adottato quando vendevo caffè in modo indipendente, con l’idea che la bevanda portasse il sorriso alle persone”, dice Gabriel.

Un anno dopo, per motivi di registrazione del marchio, dovettero rinominare l’azienda. Hanno fatto una lista e hanno vinto la proposta di Rodrigo-Ferro.

“C’era una storia vera, una realtà costruita dietro il progetto”, dice Gabriel. scherzo di nome con vero, “vero” in italiano (con una “o” aggiunta per dargli un aspetto fresco).

VEROO si assume dei rischi per garantire un trattamento equo

Un investimento di 40.000 riyal – un prestito della madre di Gabriel – ha aiutato ad avviare l’attività. Il club ha iniziato il suo primo mese con 20 iscritti, tutti da Ribeirao Preto.

Costo produzione capsule (richiesto da Casulo Brasile) era alto; Presto dovranno fare più soldi, e in fretta.

A settembre 2019, dopo sei consegne mensili di club e con 140 clienti, i membri hanno trovato un investitore, un ، BLV Ventures, che ha contribuito all’attività con 300.000 riyal dell’Oman.

Anche con l’investimento, i partner si sono resi conto che il modello operativo di Veroo, basato sul commercio equo e su una proposta di revisione della catena del valore del caffè, avrebbe comportato sempre molti rischi.

“Cerchiamo di vendere al miglior prezzo possibile al consumatore finale – paghiamo tanto il prodotto. Di conseguenza, il nostro margine di profitto è molto minimo. Veroo si assume un rischio data la trasformazione che stiamo portando sul mercato”

Nel mercato delle materie prime, dice Gabriel, un sacchetto di caffè viene venduto, in media, a 700 riyal. Tuttavia, Veroo paga circa il 50% in più per il prodotto.

“Per quanto riguarda i consumatori, per avere accesso allo specialty coffee nei negozi specializzati, pagheranno il doppio del valore offerto dal nostro club”.

Le informazioni sui produttori completano l’esperienza

Dopo la preselezione, Gabriel visita le proprietà rurali di ciascun produttore per analizzare il caffè in un luogo specifico e intervistare i coltivatori.

Vero la mia scatola.

In poco più di due anni, 27 produttori (da Espiritu Santo, Minas Gerais, Parana e São Paulo, tra gli altri stati) hanno già spedito i loro prodotti in scatole.

come le persone Arnaldo Damiao da Silva, di Dom Modesto, provincia di Caratinga, a Minas Gerais. Il suo caffè da 83 punti (da Catuaí Vermelho, di Naturopathic) è stato il protagonista del botteghino di maggio 2021, che è stato un vero piacere. spruzzata di guava Prodotto da Roseli Fernandes, di Cajuru (SP).

Informazioni su chi produce (e come) caffè ogni mese che completano l’esperienza del consumatore:

“Oltre a controllare la storia dietro questo caffè, l’abbonato può accedere a una playlist relativa all’uscita, ricette, consigli, curiosità e persino sfide che suggeriamo ai consumatori di approfondire l’universo”

Prima di allora, queste storie venivano consegnate in forma di opuscolo. Da gennaio, con la proposta di generare meno rifiuti, Veroo ha iniziato a inviare una cartolina solo con un riassunto e un codice QR, che dà accesso alla rivista digitale.

Per ridurre il valore della spedizione, VEROO addebita una parte del costo

Un abbonamento Veroo costa da R$ 24,90 (per caffè in grani o macinato) e R$ 39,90 per capsule; I valori si riferiscono a quantità minime: 250 grammi o 20 capsule.

La pandemia ha portato una serie di sfide. Veroo ha dovuto fare di tutto per proteggere la sua base di abbonati:

“Nonostante il prezzo ragionevole, l’abbonamento non è un punto fermo – e nel contesto della crisi, le persone finiscono per lasciarlo fuori dalle loro priorità. Per mantenere gli abbonati, abbiamo deciso di testare, per due mesi, lasciando il nostro margine di profitto a zero “

Pochi mesi dopo, a settembre, l’azienda ha aperto l’abbonamento ai clienti di tutto il Brasile. Oggi ci sono 1.500 clienti; un Lo stato di San Paolo ha ancora l’80% della base, ma ci sono già abbonati anche nel Pará.

Tutte le consegne sono gestite da una società di logistica start-up, che è manda. Per non perdere competitività, Veroo è stata in grado di eliminare la tariffazione per gli abbonati a San Paolo e sovvenzionare parte del costo per i clienti di altri stati.

“La spedizione è un ostacolo al consumo online, motivo per cui abbiamo creato una politica di bonus per coloro che non si trovano a San Paolo”, afferma Gabriel, spiegando che in questi casi l’azienda sostiene parte del costo di consegna. “Tuttavia, ci sono luoghi in cui la carica raggiunge i 13 riyal”.

Nel bel mezzo della crisi, l’azienda ha accumulato i suoi conti

L’azienda ha attualmente dieci dipendenti. Oggi i contenuti sono a capo di un team composto da giornalista, fotografo e designer.

Con il Covid-19 la connessione a Internet dei produttori di caffè si è ridotta da diversi mesi. Le visite sono riprese a maggio di quest’anno solo dopo i protocolli di sicurezza.

“L’imprenditorialità è sempre molto difficile; nel contesto di una pandemia, sta peggiorando. D’altra parte, questa situazione ci ha reso più forti. La vita, dopotutto, fa parte di questo, molte cose non sono sotto il nostro controllo…”

Gli affari, almeno, stanno andando bene. Nonostante il numero fluttuante di abbonati, Veroo ha più che quadruplicato le sue vendite nel 2020, chiudendo l’anno a 270.000 riyal. Per il 2021, si prevede di guadagnare 1 milione di OMR.

A medio termine, Veroo vuole aumentare la sua base di produttori di caffè e anche aumentare la capacità della sua rete di abbonati, offrendo un prodotto più personalizzato:

“L’idea è quella di poter personalizzare sempre di più la firma, perché il modello di consumo del caffè è una cosa davvero unica”, afferma Gabriel. “Vogliamo consentire agli abbonati di combinare presto una spedizione di capsule con la scelta di pillole o polvere nella scatola, oltre a personalizzare i modelli di tostatura”.

READ  Salvini va a processo in Italia per impedire ai migranti a bordo di una nave

172 visualizzazioni 139 visualizzazioni oggi