Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Si guardano l’un l’altro Giornale The Nexus

L’Esposizione dell’Uomo è riconosciuta come un’attrazione come un episodio storico che esprime il peso del razzismo negli imperi coloniali, per tutto il diciannovesimo secolo fino alla metà del ventesimo secolo. E lo studio di questo fenomeno, che è stato affrontato attraverso il concetto di “zoo umani”, ha acquisito slancio in tutto il mondo negli ultimi due decenni, e mette in luce il campo delle pratiche di dominio, classificazione e stigmatizzazione dell’altro. Allo stesso tempo, rivela che i meccanismi di queste pratiche hanno galvanizzato il discorso scientifico, il gusto per la scena e l’applicazione delle nuove tecnologie, in particolare la fotografia.

Attingendo alle immagini prodotte al culmine del periodo dello zoo umano, in Editora Unicamp, la storica della fotografia Sandra Kutsucus organizza le vite e le relazioni degli individui presentati sotto forma di curiosità e come oggetto di studio. La sua ricerca, frutto di una formazione post-dottorato finanziata dal Fapesp, si occupa non solo di fenomeni chiaramente ispirati agli zoo, ma anche di “performance variegate” e di pazienti ospedalieri che vengono presentati all’indiscrezione del pubblico.

Nella seconda metà del diciannovesimo secolo, la fotografia divenne uno strumento popolare per molti professionisti per registrare il proprio lavoro: lo scienziato che misurava le persone e il loro cranio per classificarli in base a ciò che consideravano razze; L’imprenditore teorico che cercava di attirare il pubblico per mezzo delle cartoline; Dottore che ha indicizzato i casi insoliti. Utilizzando questi documenti o materiali pubblicitari, la ricerca storica può ricostruire gran parte del contesto e del sottotesto in cui è apparso il record visivo.

“L’immagine di per sé non racconta una storia, ma piuttosto offre al ricercatore l’opportunità di seguirla”, afferma Kutsukos. “È necessario guardare ciò che è nella foto, notare l’espressione e la posizione della modella, i vestiti, gli oggetti e la disposizione della scena, ma anche percepire ciò che non è stato registrato e pensare al campo aggiuntivo”, ha detto. spiegato. Oltre a un’analisi formale delle opzioni, come la composizione, la scena e la situazione, è stato aggiunto lo studio del contesto storico, dei principi scientifici e delle idee sociali del periodo. “Lavorare con le immagini è sempre un percorso interdisciplinare, che comprende la storia, l’antropologia e, naturalmente, la storia della fotografia, perché questi media sono serviti come strumento per registrare molti studi che all’epoca erano considerati scientifici, per registrare il mondo coloniale e le mostre delle persone , e per la produzione di foto commemorative, dice Kutsucus.

Per il libro, il punto di partenza è stata una raccolta di immagini trovate nella Biblioteca pubblica di Chicago, Stati Uniti, nel 2007, durante la ricerca del 1893. Fiera mondiale. “È stato allora che ho notato le collezioni in mostra, in particolare la 67 sempre (da l’attuale Benin) sono stati installati in un villaggio “locale” e presentati come la persona più “primitiva” dello spettacolo “, ricorda. Nella collezione della Library of Congress, Washington, una raffigura quattro persone Daum che tengono una rete e un organizzatore di mostre seduto su di essa. “L’uomo bianco è stato portato nello stesso modo in cui lo vediamo nelle nostre icone sin dai tempi della schiavitù, quando i gentiluomini portavano gli schiavi. Il titolo dato era: I cannibali portano il loro padrone“.

READ  Vitoria vince un nuovo ristorante di cucina mediterranea

Lo zoo umano e pratiche simili sono spesso trattati con lo stesso nome, formando un’ampia tradizione di “fare dell’altro umano un ricordo”, secondo lo storico italiano Guido Apatista, dell’Università di Trieste in Italia. Gli esploratori europei che arrivarono nelle Americhe dalla fine del XV secolo di solito portano individui e intere famiglie dal continente per vederli nei loro paesi d’origine.

Uno dei casi più famosi è quello di Sarah Bartmann (1789-1815). Bartmann, un membro del gruppo etnico Khoikhoi, proveniente dal Sud Africa, appartiene a un essere nel mondo del paesaggio e della scienza: esposto a Londra e Parigi, ha suscitato l’interesse dei naturalisti in Francia e sottoposto ad autopsia dopo la sua morte.

Nel suo senso più letterale, lo “zoo umano” si riferisce principalmente al tedesco Karl Hagenbeck (1844-1913), cioè con l’esposizione di individui, famiglie e gruppi più grandi in spazi progettati per simulare i loro ambienti di vita originali. Una risorsa faunistica per zoo e circhi, Hagenbeck è noto come il creatore di questi spazi “moderni”, in cui le mostre si svolgono in ambienti simulati, non in gabbie. Tuttavia, nel 1874, Hagenbeck andò oltre: espose collezioni dalla Lapponia (Samis) e dalle Samoa ad Amburgo.

Due anni dopo, il naturalista Etienne Geoffroy de Saint-Hilaire (1772-1844) organizzò “Spettacoli etnologici” nel Coping Park di Parigi, in cui furono portati dal Sudan eschimesi e nubiani. Il successo di pubblico ha incoraggiato 30 eventi di questo tipo in città fino al 1912. Secondo Apatista, questo tipo di mostra presentava nuove forme estetiche e un aspetto del razzismo tipico del tempo, ma “tutti gli elementi principali sorsero nel primo periodo coloniale: il incarnazione degli esseri umani “, ha detto Biscuisa Fabbsp in un’intervista” Il suo uso è per soddisfare la curiosità, ma anche come prova di discorsi ideologici, religiosi o laici, e come premi da mostrare durante le processioni “.

Il Brasile non ha ignorato questo fenomeno. Nel 1882, l’Esposizione brasiliana di antropologia, a Rio de Janeiro, mostrò un gruppo di indigeni conosciuti all’epoca come Botocudos. I sette individui furono trasportati dal villaggio di Mutum, nella regione del fiume Dos, alla capitale imperiale dell’epoca, e sfilarono davanti a un folto pubblico. Sono stati sottoposti a test antropometrici e, secondo quanto riferito all’epoca, hanno chiaramente perso peso.

READ  Viih Tube dice che ha paura di eliminarlo

A differenza delle gallerie europee, nel caso brasiliano non si trattava di rappresentare un impero coloniale costruito su continenti lontani. Il Brasile, indipendente da soli 60 anni, ha svelato gli abitanti delle sue terre. La sociologa e antropologa Marina Cavalcante Vieira dell’Università di Origene (Università statale di Rio de Janeiro) dice: “Poi ci sono le contraddizioni nella mostra al coperto The Other. In Europa, le mostre hanno lavorato con il contrasto tra il” civilizzato “e il “Primitivo”. In Brasile, la mostra antropologica ha cercato di “costruire l’immagine di un paese moderno, opponendosi al Potocodo, considerato selvaggio, selvaggio, alienato dalla civiltà”.

L’antropologo sottolinea che la mostra stessa è stata presentata a Londra, l’anno successivo, e ha avuto un’influenza sull’opinione pubblica brasiliana, infastidita dal fatto che il Paese fosse rappresentato dalla popolazione indigena. “Il quadro è diviso. Se la mostra, quando si svolge a Rio de Janeiro, crea uno specchio da cui il Brasile comincia a vedersi di fronte a Botocudos, allora la fiera di Londra presenta un secondo specchio che disturba l’immagine di sé: ‘Cosa sono penseranno a noi fuori? ” fa notare.

La giustificazione offerta per mostrare gli esseri umani come un’attrazione era, in generale, la diffusione della conoscenza. Il pubblico europeo è stato invitato a vedere come vivono e come appaiono questi strani popoli e individui. “Gli zoo umani sono stati utilizzati nei teatri, nei circhi, nei musei, nelle fiere mondiali e negli zoo, ma sono stati pubblicizzati non solo come forma di intrattenimento. Hanno anche affermato di essere fonti di conoscenza”, osserva Vieira.

Secondo l’antropologo, la mancanza di distinzione tra scienza e paesaggio non è una valutazione successiva o un’astrazione, ma un elemento scoperto dagli stessi organizzatori dell’evento: nei registri della mostra negli archivi tedeschi, ci sono rapporti di visite scolastiche a fiere di persone di Hagenbeck.

Pur non avendo la stessa componente coloniale ed etnica, i casi di “scena di aberrazioni” e malattie hanno la stessa funzione. Kotsucus cita la storia di Joseph Merrick (1862-1890), un neurofibromatosi, che doveva essere ripreso nel film di David Lynch “The Elephant Man” (1980). Merrick è stato esposto a strane esibizioni in Inghilterra, ma la sua esibizione è stata considerata più di cattivo gusto ed è stata boicottata dalla polizia. Installato in un ospedale di Londra, iniziò a essere visto dai medici e visitato da membri dell’alta società, curiosi delle sue anomalie. “All’uscita, così come negli spettacoli esotici, un visitatore può acquistare una foto ricordo”, commenta Koutsoukos.

READ  Carla Diaz riferisce la sua delusione per Carole Konka, ma dice: L'esterno è diverso

Nella sua tesi di dottorato, “Statue primitive, incrocio di uno sconosciuto tra musei, cinema e zoo umani”, che ha difeso nel 2019 a Uerj, Vieira si rivolge anche agli zoo umani del film. L’antropologo dimostra che ci sono forti legami tra mostre e arte emergente di fine Ottocento, che si concentrano sulle tecniche delle immagini: il cinema. “Gli zoo umani hanno spettacoli di massa standardizzati. Quello che gli spettatori fanno è puntare le telecamere su soggetti che catturano davvero l’attenzione del pubblico”, osserva.

Fin dal suo inizio, c’è stata una simbiosi con gli zoo umani, che anticipano romanzi, testi e scenari successivamente esplorati dal cinema. I tour espositivi di band straniere hanno permesso al pubblico di viaggiare senza uscire di casa. L’invenzione del cinema radicalizza questa possibilità “, dice, aggiungendo che la crisi economica successiva alla prima guerra mondiale, in Germania, ha ridotto il pubblico delle mostre e ha portato imprenditori e team a migrare verso la produzione cinematografica, Mitre”.

Il fenomeno degli zoo umani è legato al periodo prebellico, al periodo di massimo splendore del colonialismo e all’epoca delle vaste mostre internazionali. Tuttavia, una capitale europea nel 1958 ha vissuto ancora un episodio: Bruxelles, Belgio. Con gli studenti congolesi che protestavano, la galleria è stata rapidamente smantellata.

A rigor di termini, questo non è stato l’ultimo caso. Negli ultimi decenni è stata registrata una serie di episodi che ricordano antiche gallerie. Nel 2005, ad Augusta, in Germania, diversi gruppi etnici sono stati introdotti in un “villaggio africano”. Nel 2007, a Seattle, negli Stati Uniti, il dipartimento dello zoo che si occupava di savane ha introdotto un villaggio artificiale con membri del gruppo etnico Maasai. Casi simili si sono verificati in Congo e Thailandia.

Per Kotsucus, questi episodi mostrano che “la storia raccontata negli zoo umani non fa parte di un passato lontano”. La ricercatrice ritiene che la sua indagine sia un invito a riflettere “sul rapporto tra il razzismo oggi e quel tempo”. Questo pensiero è anche centrale per l’interesse che le discipline umanistiche hanno mostrato all’argomento negli ultimi 20 anni, secondo Apatista. L’obiettivo principale era il dibattito sull’eredità coloniale. Due punti di riferimento importanti sono i francesi. Nel 2004, La Découverte ha pubblicato Zoos humains: Au temps des Exhibition humaines (Human Zoos: In Time of Human Fairs), a cura di un gruppo di storici di varie università del paese. Nel 2011, la mostra “Inventing the Wild: Exhibitions” si è tenuta al Quay Branly Museum di Parigi.