Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Tecniche innovative applicate agli attrezzi da pesca per ridurre i rifiuti marini

Proteggere almeno il 30 per cento dei mari europei è uno degli obiettivi fissati dalla Strategia UE per la biodiversità 2030.

Dalle raccomandazioni della riunione di maggio del Consiglio europeo, gli Stati membri sono chiamati a promuovere politiche che mantengano i mari sani e si avvicinino alla blue economy europea.

L’uso intelligente e il pieno utilizzo delle risorse naturali, senza danneggiare gli ecosistemi, è il punto di partenza di molti progetti di ricerca per ridurre l’impatto della plastica sugli oceani.


acquacoltura

L’acquacoltura è nota come un’attività economica e sociale promettente per le comunità costiere, ma le corde e le reti di plastica che circondano i vivai producono molti rifiuti.

Utilizzando una tecnologia innovativa, è stato sviluppato il progetto europeo BIOGEERS, coordinato dal Centro di Ricerca AZTI, con sede in Spagna, Corde fatte di materiali organici.


Le sue linee di produzione sono realizzate con materiali organici in sostituzione del petrolio | Camille Bello – Unione Europea / euronews

“È il primo prototipo sviluppato in BIOGEARS. Sono bioplastiche di origine naturale, quindi biodegradabili. I rifiuti generati da queste corde sono più sostenibili, rispettosi dell’ambiente e rappresentano un valore aggiunto per il settore”Spiegato da Lier Arantzamendi Ijioren, del Centro AZTI, citato in euronews.

Utilizzando materiali naturali derivati ​​da biomasse riciclabili, come lo zucchero vegetale, i ricercatori hanno sostituito la percentuale di petrolio nella produzione di plastica compostabile.

Marie Jose Suarez, ricercatrice, sottolinea: “La plastica non è solo petrolio. Ha altri tipi di componenti che possono essere anche naturali. Hanno alcuni piccoli additivi che possono essere anche di origine biologica e tutto questo fa parte della composizione plastica. ” Polimeri funzionali e sostenibili nella Gaiker Alliance.

READ  Aiuti di emergenza per il 2021 con rate 2 e 3 a giugno se disponibili


Questo materiale innovativo viene testato in un allevamento di mitili nel nord della Spagna
| Camille Bello – Unione Europea / euronews
reti false
Le Nazioni Unite stimano che in mare mancano 640.000 tonnellate di attrezzi da pesca. Conosciute come reti fantasma, impiegano centinaia di anni per essere riciclate in natura, oltre a rappresentare una minaccia per le specie marine, intrappolando e uccidendo molti animali.

Oltre a inquinare l’acqua con microplastiche, queste reti rappresentano anche un pericolo per la navigazione.

Il progetto OCEANETS ha sviluppato un’applicazione che consente la comunicazione tra le navi per condividere la posizione Dove si è persa la rete.

“È uno strumento che ci permette, in caso di problemi, di informare le altre barche in modo che sappiano che in questa zona, a una certa profondità, in un certo coordinamento, possono incontrare un ostacolo che può rompere la rete o addirittura farli perdere completamente la loro attrezzatura”, ha annunciato Angela Cortina Borgoño, Project Manager presso la Cooperativa di pescatori del Porto di Vigo (ARVI).

I resti di reti patchwork possono assumere una nuova vita.

Il progetto OCEANETS, in collaborazione con l’Istituto Tecnologico Spagnolo delle Materie Plastiche, Per dimostrare il valore commerciale del riciclaggio. Riciclando vecchie reti da pesca in nuove linee di tessuto, ora viene prodotto abbigliamento sportivo.

“A causa della nostra crescente domanda di prodotti riciclati, questi residui stanno iniziando ad entrare nel mercato, non come rifiuti, ma come prodotti che possono essere valutati”, ha aggiunto Angela Cortina.

ADRINET è un altro progetto europeo la cui missione è migliorare il sistema di gestione costiera condiviso tra sud Italia, Montenegro e Albania. Questa rete di ecosistemi adriatici mira a conservare la biodiversità minacciata dalla pesca estensiva e dall’inquinamento da macroplastiche e microplastiche da reti perse. Utilizzo di piccole imbarcazioni immesse in attrezzi da pesca con informazioni sulle coordinate geografiche.

READ  L'utile aziendale aumenta del 114% a 2,8 milioni nel primo trimestre

Almeno 180 pescatori hanno già imparato a segnalare e recuperare gli attrezzi da pesca persi in mare.


Piccola rete da pesca del progetto Adrinet | Unione Europea / euronews


La tracciabilità consente di ritenere i pescatori responsabili dei loro attrezzi e aiuta le autorità a trovare coloro che hanno lasciato le reti in mare.‘”, conferma Elisabetta Bonerba, Coordinatrice del progetto Adrinet.

“Spesso sono i pescatori stessi a fornirci le coordinate delle reti sul fondo del mare”, aggiunge Pietro Vidomeni, comandante della guardia costiera a Talian.

Questa partnership per la pulizia dei fondali marini ha già consentito alla Guardia costiera italiana di recuperare più di sei tonnellate di reti fantasma in 32 operazioni di pulizia..