Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Una battuta d’arresto per Macron e Le Pen alle elezioni, con astensioni record in Francia

I francesi si sono recati alle urne domenica per il primo turno delle elezioni regionali visto come un termometro per le elezioni presidenziali dell’aprile del prossimo anno. Con un’astensione record – solo il 33% dei francesi ha votato – i risultati preliminari hanno deluso le aspettative per i due principali contendenti all’Eliseo: il presidente Emmanuel Macron e la candidata di estrema destra Marine Le Pen.

Nelle ultime settimane, i sondaggi d’opinione hanno indicato che il Partito Nazionalista di Le Pen, erede dell’ex partito del Fronte Nazionale, potrebbe avanzare in sei delle 13 regioni del Paese. Tuttavia, gli exit poll mostrano che la scorciatoia è solo una avanti, Provenza-Alpi-Costa Azzurra, nel sud-est, vicino al confine italiano.

Riflette: Macron si tira indietro e annuncia che non riformerà il sistema di sicurezza sociale, che è una delle sue priorità لويات

Tuttavia, il candidato di Le Pen, Thierry Mariani, avrebbe dovuto ottenere una vittoria schiacciante nella regione, dove si trova Marsiglia, che non si è concretizzata. I risultati preliminari mostrano che ha ricevuto solo il 33% dei voti, tre punti percentuali in più rispetto a Renaud Muselier del Partito Repubblicano Conservatore.

Una vittoria al secondo turno – questa sarebbe la prima volta che l’RN guida una regione francese – sembra tuttavia improbabile poiché altri partiti tendono a unirsi in un “fronte repubblicano” per tenere l’estrema destra fuori dal potere.

Le elezioni sono state rinviate di tre mesi a causa della pandemia, e sono state segnate da astensioni record: secondo le stime dell’Istituto Ipsos, il tasso di astensione nazionale è stato del 66,1%. Nel 2015 era circa il 50%.

READ  Oltre 100 morti dopo la pioggia in Europa; Mancano più di 1.300 persone | Scienziato

Secondo un sondaggio di FranceInfo, il 39% degli elettori ha dichiarato di non essere andato a votare perché le elezioni “non cambieranno nulla” nelle loro vite, e il 23% si è dichiarato insoddisfatto della politica in generale. Anche il fatto che fosse una giornata di sole, e il primo fine settimana in cui le mascherine non erano più obbligatorie nel Paese, sembrava aver contribuito al calo delle presenze.

Contesto: La Francia sta attraversando una strana polarizzazione politica e una crescente prevalenza di teorie del complotto

In un breve discorso dopo i risultati preliminari, Le Pen ha affermato che i sostenitori del suo partito non dovrebbero scoraggiarsi e li ha esortati a recarsi alle urne la prossima settimana:

“Se vuoi che le cose cambino, devi votare”, ha detto. “Non posso che rammaricarmi di questa catastrofe civile, che ha fortemente distorto la realtà elettorale di questo Paese e dato una falsa impressione degli attori politici coinvolti.

A livello nazionale, i repubblicani hanno ricevuto il 27,2% dei voti, seguiti dal partito RN con il 19,3%, secondo Ipsos. La performance è stata di circa sette punti percentuali peggiore rispetto al 2015. Il Partito Socialista e il fronte di centrosinistra hanno ottenuto il 17,6% e i Verdi il 12,5%. Il partito di Macron, Republica em Marcha, ha ricevuto l’11,2% dei voti, arrivando quarto.

Particolarmente significativa la vittoria della Sinistra Democratica nella regione di Altos de França, nel nord del Paese: gli exit poll hanno dato il 44% dei voti al suo candidato Xavier Bertrand contro il 24,4% del forte candidato RN. Campagna nella regione, con un margine maggiore del previsto.

READ  Il vincitore del premio Nobel Luc Montagnier afferma: i vaccini Covid creano una nuova variante

Nuovi rischi: La Francia tratta i gruppi di estrema destra come una minaccia e vede una minaccia di terrorismo interno

Il risultato dà una spinta ai piani di Bertrand di essere il candidato conservatore alle elezioni del prossimo anno. Dopo la fine del voto, ha affermato che i numeri suggeriscono che LR è l’opzione migliore per affrontare l’estrema destra nel 2022.

Guida anche i politici LR nel Grande Oriente, nell’Ile-de-France fuori Parigi e nella regione dell’Alvernia-Rodano-Alpi nel sud-est. I socialisti devono restare al potere in Occitane e in Bretagna.

Le elezioni regionali si basano principalmente su questioni locali: più della metà degli elettori, ad esempio, ha dichiarato a Ipsos che il proprio voto non è un segno di impegno o disapprovazione nei confronti del governo nazionale. Per Macron, che è popolare solo al 38% tra i francesi, il risultato è stato pessimo come previsto.

Uno dei sostenitori del presidente, Oror Bergé, ha definito il risultato uno “schiaffo democratico in faccia” per il partito di BFMTV. Anche nelle aree in cui i ministri sono stati nominati candidati, non ci è riuscito.

Le elezioni servono, in effetti, alla formazione di consigli in 13 regioni e 96 province francesi. Per essere dichiarato vincitore di un candidato al primo turno, è necessario che ottenga almeno il 50% dei voti. La votazione finale si svolgerà domenica prossima e, per qualificarsi, le liste dei candidati devono aver ottenuto più del 10% dei voti. Le parti hanno tempo fino a martedì per formare alleanze e registrare liste per il secondo turno.

Le Pen è in testa a Macron nei sondaggi di opinione al primo turno delle elezioni del prossimo anno e il candidato sta guadagnando slancio nel secondo turno. È guidato da una regola che vede l’operatore storico come un leader debole quando si tratta di immigrazione e sicurezza nazionale, due questioni che saranno le principali questioni nel 2022.

READ  Attivista bielorusso scomparso impiccato in Ucraina | globalismo

Parallelamente, ha cercato di smorzare la fiammeggiante retorica euroscettici e anti-immigrazione, cercando un voto per la destra e il centrodestra insoddisfatti di Macron. Tuttavia, ad aprile, è entrato in polemica quando ha chiamato dalla sua parte i generali in pensione che hanno firmato una lettera aperta proponendo un intervento di fronte al “caos crescente” del Paese e spingendo Macron a difendere la Francia “dall’Islam e dalle orde suburbane” che stanno portando la nazione sull’orlo. Una guerra civile imminente”.